Antibiotico-resistenza, il nuovo Piano nazionale all’esame delle Regioni. Il ruolo dei farmacisti

22/09/2022 08:49:29
Il Ministero della Salute ha redatto il nuovo Piano nazionale di Contrasto all’Antibiotico-resistenza 2022-2025 che ora passa all’esame delle Regioni. Nel documento si evidenzia come i farmacisti abbiano il compito «di guidare cittadini e pazienti nell’applicare le indicazioni sul corretto uso degli antibiotici e sulla prevenzione delle infezioni» nonché «fornire medicinali solo dietro prescrizione medico-veterinaria». Il Piano suggerisce di seguire «un approccio multidisciplinare e una visione One Health, di promuovere un costante confronto in ambito internazionale e di fare tesoro dei successi e delle criticità del precedente piano nazionale». 
Sei sono gli obiettivi contenuti nel nuovo Piano nazionale: 1) Rafforzare l’approccio One Health, anche attraverso lo sviluppo di una sorveglianza nazionale coordinata dell’antibiotico-resistenza e dell’uso di antibiotici, e prevenire la diffusione dell’antibiotico-resistenza nell’ambiente. 2) Rafforzare la prevenzione e la sorveglianza delle ICA (Infezioni correlate all’assistenza) in ambito ospedaliero e comunitario. 3) Promuovere l’uso appropriato degli antibiotici e ridurre la frequenza delle infezioni causate da microrganismi resistenti in ambito umano e animale. 4) Promuovere innovazione e ricerca nell’ambito della prevenzione, diagnosi e terapia delle infezioni resistenti agli antibiotici. 5) Rafforzare la cooperazione nazionale e la partecipazione dell’Italia alle iniziative internazionali nel contrasto all’antibiotico-resistenza. 6) Migliorare la consapevolezza della popolazione e promuovere la formazione degli operatori sanitari e ambientali sul contrasto all’antibiotico-resistenza.
«Come PGEU accogliamo con favore il nuovo Piano contro l’antibiotico-resistenza, fenomeno che rappresenta un grave problema di salute pubblica, specialmente in Italia: come evidenziato nell’ultimo rapporto OsMed, infatti, deteniamo il triste primato, insieme alla Grecia, per presenza di patogeni resistenti agli antibiotici» afferma il presidente del PGEU e segretario nazionale di Federfarma Roberto Tobia. «Ad acuire la situazione, durante la pandemia, ha contribuito il “dottor Google” indicando alcuni antibiotici – in particolare amoxicillina e azitromicina – come farmaci efficaci contro il Covid. Una tesi che non ha, è importante ribadirlo, alcun fondamento scientifico. Parte del problema deriva, inoltre, dall’uso inappropriato anche in ambito veterinario. Per tenere sotto controllo il fenomeno dell’antibiotico-resistenza è necessario responsabilizzare tutti gli attori – medico, farmacista, paziente, allevatore – e agire in maniera coordinata, in linea con l’approccio One Health delineato nelle strategie dell’Unione europea. »

Notizie correlate

18/07/2022

Antibiotico-resistenza e Covid

La pandemia ha accentuato la resistenza dei batteri agli antibiotici: negli Usa, nel 2020, si è registrato un aumento del 15% delle infezioni e dei decessi dovuti a patogeni...
09/03/2022

Antibiotici, cala del 18% l’uso in Europa, ma resta stabile l'antimicrobico-resistenza

Cala il consumo di antibiotici in Europa, tuttavia il decremento non è accompagnato da un calo consistente dell'antimicrobico resistenza, ovvero della diffusione di...
03/03/2022

Antibiotico resistenza, parere scientifico dell'EMA sugli antimicrobici riservati al trattamento nell'uomo

L'Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha pubblicato un parere scientifico sulla lotta contro l’antibiotico resistenza, contenente le raccomandazioni degli esperti sugli...
16/02/2022

Antibiotico-resistenza nel settore veterinario, farmacisti rivestono ruolo cruciale nel monitoraggio

Limitare l’impiego di antibiotici è fondamentale per tutelare la salute pubblica. Questo obiettivo può essere raggiunto coinvolgendo tutti gli attori della...
21/01/2022

Antibiotico-resistenza, Pgeu: tra gli obiettivi principali da perseguire. The Lancet: uccide 1,27 mln persone

“L'antibiotico-resistenza è una minaccia per la salute pubblica. Lo dimostra la recente vicenda dell’azitromicina, per alcuni giorni diventata introvabile in molte farmacie italiane. Ora la situazione si è quasi del tutto normalizzata, i cittadini hanno probabilmente iniziato a comprendere che gli antibiotici vanno utilizzati solo quando strettamente...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
Cliccando su “Accetta tutti i cookie”, viene accettata la memorizzazione, sul dispositivo, dei cookie che servono a migliorare la navigazione del sito e analizzare l'utilizzo del sito.
Maggiori informazioni