Antibiotico-resistenza, il nuovo Piano nazionale all’esame delle Regioni. Il ruolo dei farmacisti

22/09/2022 08:49:29
Il Ministero della Salute ha redatto il nuovo Piano nazionale di Contrasto all’Antibiotico-resistenza 2022-2025 che ora passa all’esame delle Regioni. Nel documento si evidenzia come i farmacisti abbiano il compito «di guidare cittadini e pazienti nell’applicare le indicazioni sul corretto uso degli antibiotici e sulla prevenzione delle infezioni» nonché «fornire medicinali solo dietro prescrizione medico-veterinaria». Il Piano suggerisce di seguire «un approccio multidisciplinare e una visione One Health, di promuovere un costante confronto in ambito internazionale e di fare tesoro dei successi e delle criticità del precedente piano nazionale». 
Sei sono gli obiettivi contenuti nel nuovo Piano nazionale: 1) Rafforzare l’approccio One Health, anche attraverso lo sviluppo di una sorveglianza nazionale coordinata dell’antibiotico-resistenza e dell’uso di antibiotici, e prevenire la diffusione dell’antibiotico-resistenza nell’ambiente. 2) Rafforzare la prevenzione e la sorveglianza delle ICA (Infezioni correlate all’assistenza) in ambito ospedaliero e comunitario. 3) Promuovere l’uso appropriato degli antibiotici e ridurre la frequenza delle infezioni causate da microrganismi resistenti in ambito umano e animale. 4) Promuovere innovazione e ricerca nell’ambito della prevenzione, diagnosi e terapia delle infezioni resistenti agli antibiotici. 5) Rafforzare la cooperazione nazionale e la partecipazione dell’Italia alle iniziative internazionali nel contrasto all’antibiotico-resistenza. 6) Migliorare la consapevolezza della popolazione e promuovere la formazione degli operatori sanitari e ambientali sul contrasto all’antibiotico-resistenza.
«Come PGEU accogliamo con favore il nuovo Piano contro l’antibiotico-resistenza, fenomeno che rappresenta un grave problema di salute pubblica, specialmente in Italia: come evidenziato nell’ultimo rapporto OsMed, infatti, deteniamo il triste primato, insieme alla Grecia, per presenza di patogeni resistenti agli antibiotici» afferma il presidente del PGEU e segretario nazionale di Federfarma Roberto Tobia. «Ad acuire la situazione, durante la pandemia, ha contribuito il “dottor Google” indicando alcuni antibiotici – in particolare amoxicillina e azitromicina – come farmaci efficaci contro il Covid. Una tesi che non ha, è importante ribadirlo, alcun fondamento scientifico. Parte del problema deriva, inoltre, dall’uso inappropriato anche in ambito veterinario. Per tenere sotto controllo il fenomeno dell’antibiotico-resistenza è necessario responsabilizzare tutti gli attori – medico, farmacista, paziente, allevatore – e agire in maniera coordinata, in linea con l’approccio One Health delineato nelle strategie dell’Unione europea. »

Notizie correlate

25/01/2023

Antibiotico resistenza, farmacisti marchigiani impegnati a sensibilizzare su corretto uso

Con la pandemia che ha accentuato il fenomeno della resistenza agli antibiotici, “i farmacisti marchigiani sono sempre più impegnati, a fianco del Servizio sanitario della Regione, a sensibilizzare i cittadini a un corretto uso di questi farmaci”. A confermare...
21/01/2023

Antibiotico resistenza, da AIFA un manuale e una app per combatterla

Per agevolare l'uso appropriato degli antibiotici e ridurne l'abuso, l'Agenzia italiana del farmaco (Aifa) ha curato l’edizione italiana del 'Manuale antibiotico Aware'. Il testo è la traduzione del volume curato dall’Organizzazione...
22/11/2022

Infezioni resistenti, AIFA pubblica raccomandazioni su terapie mirate

L'Agenzia italiana del farmaco ha pubblicato le nuove raccomandazioni sulla terapia mirata delle infezioni anti microbico resistenti, destinate alla medicina territoriale e ospedaliera. Si tratta di raccomandazioni specifiche per le infezioni più complesse da trattare, causate dai batteri considerati ''critici'' dall'Organizzazione mondiale della sanità. Le raccomandazioni sono state elaborate dal...
18/11/2022

Giornata Europea Antibiotici. Tobia: dati allarmanti su resistenza. Farmacie hanno un ruolo cruciale

Il 18 novembre si celebra la Giornata Europea degli antibiotici, un'iniziativa di sanità pubblica, coordinata dagli ECDC, che cade nella settimana mondiale sull'uso consapevole degli antibiotici organizzata, in un'ottica One Health, da OMS, FAO, United Nations Environment Programme (UNEP) e Organizzazione Mondiale della sanità animale (OIE).
L'iniziativa si rivolge alla popolazione generale, ai...
17/11/2022

Antibiotico resistenza, Cossolo: “Farmacista può fare molto nell’attività di counseling”

«Il farmacista può sviluppare la sua attitudine al counseling, alla capacità di far capire al cittadino come prendersi cura della propria salute. Questo può valere sia per il corretto uso degli antibiotici, sia per l’aderenza alla terapia». Queste le parole...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
Cliccando su “Accetta tutti i cookie”, viene accettata la memorizzazione, sul dispositivo, dei cookie che servono a migliorare la navigazione del sito e analizzare l'utilizzo del sito.
Maggiori informazioni