Settimana europea delle biotecnologie, Cattani: “Un piano nazionale per le biotecnologie e subito i decreti sugli studi clinici”

28/09/2022 09:21:50
Con i farmaci biologici e le terapie avanzate che rappresentano il 40% del totale degli studi clinici in Italia e circa il 50% della pipeline a livello globale, una quota destinata a crescere nei prossimi anni, “chiediamo che l'Italia realizzi con urgenza una strategia nazionale per migliorare la governance di spesa, gli incentivi agli investimenti e il quadro regolatorio” verso questi prodotti. A sottolinearlo, in occasione della Settimana Europea delle Biotecnologie, è Marcello Cattani, presidente di Farmindustria, secondo il quale “è prioritario completare l'emanazione dei decreti ministeriali indispensabili per la piena attuazione del Regolamento Europeo sugli Studi Clinici”.
L'Italia, infatti, spiega Cattani, “ha un ruolo di primo piano nella ricerca a livello europeo. Una leadership che richiede, però, un contesto in grado di attrarre sempre più investimenti, in uno scenario di competizione globale che vede l'Europa nella necessità di colmare velocemente il gap con USA e Cina”. Una sfida che il nostro Paese può vincere “grazie alle eccellenze del network pubblico e privato, alle risorse del PNRR e agli investimenti delle nostre imprese”, conclude il presidente di Farmindustria.

Notizie correlate

23/07/2022

Crisi energetica, l’industria dei generici: “Non lasciate la farmaceutica senza gas”

In caso di carenza di energia e restrizioni energetiche in Europa, “chiediamo una priorità speciale ed esortiamo i Governi a mantenere l'approvvigionamento energetico ai siti di produzione di medicinali”. È l’appello lanciato da Medicines for Europe, l'associazione che rappresenta le aziende europee produttrici di farmaci equivalenti, biosimilari e Value added medicines, in occasione della pubblicazione del piano della Commissione europea per far fronte alle riduzioni di forniture di gas dalla Russia. "Abbiamo oltre 400 siti di produzione situati in tutti i Paesi europei e forniamo il 70% dei farmaci dispensati in Europa”. Da qui...
21/07/2022

Vaccini, industria farmaci: “Riservare quota per Paesi poveri”

L’IFPMA, l'associazione internazionale dell'industria biofarmaceutica, ha proposto di riservare una quota di produzione di vaccini, trattamenti e diagnostica alle popolazioni dei Paesi a basso reddito in caso di pandemia. Durante il Covid "gli sforzi per ottenere un accesso equo non sono stati pienamente realizzati", spiega una nota dell'organizzazione. "Un prerequisito per il successo ...
04/02/2022

Farmaceutica, saldo import-export Italia positivo: 4,3 miliardi nel 2020

Ammonta a 4,3 miliardi  il saldo 2020 dell’import-export farmaceutico in Italia. Le prime quattro società farmaceutiche non quotate, sono infatti nella top ten...
07/04/2021

Farmaceutica, Scaccabarozzi: “Con Recovery possibili 4,5 mld di investimenti l'anno”

“In un quadro favorevole e di regole certe, secondo un’indagine che abbiamo fatto tra i nostri associati, c'è la disponibilità di investire ogni anno 4,5 miliardi oltre ai 3,5 miliardi che già...
05/03/2021

Rafforzare l’assistenza territoriale, la proposta di Farmindustria. Federfarma pronta a un modello condiviso

La riorganizzazione dell’assistenza sanitaria territoriale è una priorità del governo Draghi. In quest’ambito deve rientrare anche la possibilità di rendere tutti i farmaci non ospedalieri prescrivibili anche dai medici di medicina generale e distribuibili nel canale delle farmacie convenzionate. A chiederlo durante l’audizione in commissione parlamentare sulla Semplificazione, nell'ambito dell'indagine conoscitiva sulla semplificazione...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
Cliccando su “Accetta tutti i cookie”, viene accettata la memorizzazione, sul dispositivo, dei cookie che servono a migliorare la navigazione del sito e analizzare l'utilizzo del sito.
Maggiori informazioni