Non aderenza, per esperti da trattare come una patologia

19/09/2013 00:29:06
I sistemi sanitari dovrebbero combattere l’insufficiente o mancata aderenza alle terapie con l’approccio e il trattamento che si riservano alle tradizionali patologie. L’indicazione arriva da un articolo pubblicato sull’ultimo numero di Evidence, la rivista del Gimbe (Gruppo italiano per la medicina basata sulle evidenze) e merita di essere riportata per l’interesse che il tema riscuote oggi anche tra le farmacie del territorio. Quello della compliance alla terapia farmacologica, come si sa, è problema di crescente rilievo in tutti i paesi avanzati per i costi che comporta: secondo alcuni studi americani, il 30-50% degli adulti non segue adeguatamente le prescrizioni di farmaci a lungo termine, da cui sprechi per circa 100 miliardi di dollari all’anno. Nella lotta a tale in appropriatezza, poi, le farmacie rivendicano un ruolo che trae legittimazione dalla loro mission e dalla prossimità con il paziente a maggior rischio di “non aderenza”, l’anziano in politerapia.
Come detto, la tesi dell’articolo (firmato da Antonino Cartabellotta, presidente del Gimbe) è che la non compliance andrebbe trattata alla stregua di una condizione clinica diagnosticabile e trattabile. Attualmente, invece, uno dei metodi più utilizzati per individuare casi di non aderenza è quello di chiedere apertamente al paziente se ha difficoltà nel rispettare la ricetta del medico, nella convinzione che la risposta sia affidabile. Risultato, le cause che spesso si nascondono dietro all’assenza di compliance non vengono realmente individuate e affrontate.
Per l’autore, invece, la non aderenza va diagnosticata come una malattia, attraverso l’analisi dei comportamenti espressi dal paziente. Allo scopo l’articolo elenca sei casistiche di riferimento: il paziente non è consapevole dell’importanza di seguire le prescrizioni farmacologiche per la sua salute e il suo benessere a lungo termine; il paziente è convinto che i benefici legati all’assunzione dei farmaci non siano superiori all’impegno richiesto per seguire la terapia; la gestione della terapia farmacologica è troppo complessa per il paziente; il paziente non è sufficientemente vigile; il paziente ha convinzioni personali sui farmaci errate, irrazionali o conflittuali; il paziente non è convinto dell’efficacia del farmaco.
L’obiettivo, quindi, dovrebbe essere quello di diagnosticare la non aderenza e definire il trattamento sulla base di tale casistica. Sempre per l’autore, poi, la cartella clinica del paziente dovrebbe riportare anche gli indicatori di compliance per agevolare la condivisione di tali informazioni tra i professionisti e tracciare i progressi della “cura”. Inoltre, è fondamentale che in questa documentazione vengano integrate le informazioni sulla compliance riportate dallo stesso paziente.
Ma l’articolo si spinge anche più in là e propone l’organizzazione di screening periodici nella popolazione adulta per la non-compliance farmacologica. Diversi studi, in particolare, hanno dimostrato che interventi educazionali prolungati nei confronti del paziente migliorano l’aderenza in diverse patologie croniche tra le quali ipertensione, iperlipidemia, insufficienza cardiaca e infarto del miocardio. Per la farmacia, si aprirebbero spazi professionali allettanti. (AS)

Notizie correlate

24/01/2020

Depressione, presentata nuova App per l’aderenza alla terapia. Mencacci: farmacie fondamentali per continuità delle cure

“Le farmacie in particolare e i raggruppamenti di medici della medicina generale, sono diventati le nuove agorà della nostra salute pubblica ed è importante che i cittadini all’interno di queste sedi ricevano adeguate informazioni e supporto alla continuità terapeutica. Anche in questo settore, il digitale e le app che vanno in questa direzione, possono tornare di grande utilità...
16/12/2019

Salute troppo costosa, circa un milione di italiani rinuncia completamente alle cure. I numeri del Rapporto Crea Sanità

La salute costa sempre di più agli italiani che non sempre ce la fanno. Ben 4,2 milioni di famiglie hanno dichiarato di aver cercato di limitare le spese sanitarie per motivi economici, e di queste ben 1,1 milioni non ha potuto permettersi alcuna spesa. E' la fotografia scattata dal 15esimo rapporto del Centro per la ricerca...
10/12/2019

Aderenza alla terapia, primo bilancio del progetto Sfi su fibrillazione atriale. Procaccini: siamo molto soddisfatti

Seicento farmacie per un totale di 1500 pazienti arruolati. E’ il bilancio del progetto sulla fibrillazione atriale condotto da Sistema Farmacia Italia con il supporto di Daiichi Sankyo...
09/12/2019

Aderenza alle terapie, Insegno: ogni vip adotti una malattia e ne diventi testimonial

Una massiccia campagna di comunicazione, quella organizzata da Federfarma per il Dia Day 2019. Lo confermano i numeri illustrati nella conferenza stampa di presentazione dei...
04/12/2019

Malattie cardiovascolari, in Lombardia solo 6 pazienti su 10 assumono correttamente le terapie

Solo 6 pazienti su 10 seguono correttamente la terapia fondamentale per lo scompenso cardiaco e per la fibrillazione atriale: due delle malattie cardiovascolari più insidiose per...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni