E-commerce, approvato dall’Ue il logo delle farmacie on line

25/06/2014 02:00:15
Una croce bianca su quattro bande di sfondo, tre in varie tonalità di verde e una in grigio. E’ il logo europeo che la Commissione Ue ha adottato ieri per “certificare” i siti delle farmacie e degli altri esercizi autorizzati dagli stati membri a vendere farmaci on line. La formula grafica farà certamente discutere, ma è anche vero che Bruxelles ha fatto ogni sforzo per rispettare la richiesta di diverse autorità nazionali e del Pgeu, l’Associazione europea dei farmacisti, perché nel logo non si utilizzasse la croce verde (al fine di evitare sovrapposizioni con il simbolo che universalmente rappresenta la farmacia).
Il bollino diventerà obbligatorio per tutte le farmacie europee entro l’estate del prossimo anno, dovrà essere apposto su ogni pagina web dalla quale si commercializzano farmaci e, nelle intenzioni del legislatore europeo, servirà a combattere i siti illegali che vendono medicinali contraffatti o non autorizzati. Al fine di evitare falsificazioni, la Commissione ha anche previsto un sistema di criptaggio che dovrebbe impedire il “furto” e la replica dell’immagine da parte dei pirati informatici, ma toccherà ai singoli Stati decidere i requisiti tecnici da utilizzare (e in ogni caso, sarà necessario attendere la prossima pubblicazione del Regolamento di esecuzione per avere un quadro completo sulla questione).
Nel logo, inoltre, ogni Paese provvederà a riportare la propria bandiera, da collocare sotto la croce e accanto alla dicitura che invita a verificare la regolarità del sito. Tale scritta, infatti, dovrà “linkare” al portale in cui ogni autorità nazionale pubblicherà l’elenco delle farmacie autorizzate. Per quanto concerne l’Italia, il decreto legislativo anticontraffazioni – che ha dato luce verde all’e-commerce dei soli Sop-Otc – delegava tale incombenza direttamente al ministero della Salute.
A breve Federfarma diramerà maggiori informazioni con una circolare agli iscritti. (ML)

Notizie correlate

08/01/2021

Commercio illegale on line di farmaci anti covid, i Nas oscurano 102 siti

I Nas hanno oscurato 102 siti web che vendevano illegalmente farmaci anti-covid. Questo il risultato di una mirata operazione di vigilanza telematica contro il cybercrime farmaceutico condotta a dicembre nell'ambito della collaborazione tra i Nas e il ministero della Salute. Sui siti web, collocati su server esteri e...
21/12/2020

Amazon Pharmacy e i rischi dell’e-commerce per i farmaci. Tobia: “Farmacovigilanza garantita solo da supervisione del farmacista”

Lo sbarco di Amazon Pharmacy, la farmacia online di Amazon che negli Stati Uniti dallo scorso 17 novembre ha cominciato a vendere anche i farmaci su ricetta, non lascia l’Italia indifferente nonostante nel nostro Paese non sia consentita la vendita online di farmaci che necessitano di ricetta medica. Per questo Federfarma Channel ha fatto il punto della situazione sui rischi...
05/02/2020

Acquisti on line, in Italia boom per farmaci, integratori e cosmetici. Tobia: “Grande opportunità, ma rapporto con farmacista vero valore”

Crescita a doppia cifra per le vendite online di prodotti da farmacia. Secondo Iqvia...
15/05/2019

E-commerce farmacie italiane, +60% nel 2018. Prodotti da banco di automedicazione e integratori in vetta

Prende il volo l'e-commerce delle farmacie italiane: nel 2018 il valore delle vendite online di farmaci da banco, integratori, dietetici e cosmetici è stato di circa 154,5 milioni di euro, con un'accelerazione...
09/05/2019

E-commerce, il comparto della salute cresce. Tobia: “Monitoriamo costantemente farmacie on line”

In Italia il giro d'affari generato dalle vendite on line nel 2018 è stato di 41,5 miliardi di euro, il 18% in più rispetto all'anno precedente. Gli italiani che acquistano sul web...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni