Il Governo vara il Def: i provvedimenti riguardanti la Sanità

11/04/2015 08:51:06
Il Ssn non recupererà l’anno prossimo i 2,3 miliardi del Fondo sanitario nazionale lasciati per strada quest’anno a causa della Legge di Stabilità. E’ forse l’unica notizia spiacevole che arriva dal Def, il Documento di economia e finanza licenziato ieri in serata dal Consiglio dei ministri. Il testo, infatti, promette di destinare alla Sanità nel 2016 113,1 miliardi di euro, esattamente 2,3 miliardi in meno rispetto ai 115,4 che invece garantiva il Patto per la Salute. Morale: anche nel 2016 le farmacie si ritroveranno con un budget per la farmaceutica territoriale inferiore a quanto preventivato l’estate scorsa nel Patto.

Se non altro, nel Def i titolari possono trovare anche di che consolarsi. Per esempio, cala il budget ma i tetti di spesa non vengono toccati, al contrario di quello che in un primo tempo si era ventilato: «il tetto della spesa farmaceutica territoriale è fissato all’11,35%» si legge nel Def, «quello della spesa farmaceutica ospedaliera è fissato al 3,5% del Fondo sanitario nazionale».

Ma le cose migliori arrivano dal Programma nazionale di riforma, un’appendice al Def nel quale il Governo ha riassunto gli obiettivi riformisti del proprio programma. Nel capitolo dedicato alla Sanità, trovano accoglienza le stesse parole d'ordine che erano già del Patto della Salute e che enfatizzavano la farmacia dei servizi, da potenziare nel ruolo; più in generale, poi, c’è un forte impulso allo sviluppo organizzativo del territorio, da assicurare anche attraverso l’aggregazione dei medici di famiglia in strutture che forniscano risposte assistenziali integrate con il sistema ospedaliero e dell'emergenza-urgenza. Con tali aggregazioni, spiega il Def, le altre figure della sanità territoriale dovranno collaborare «secondo una logica di rete, per consentire la presa in carico globale del paziente da parte di un team multi professionale e multidisciplinare con competenze diversificate».

Quanto alla pressione fiscale, infine, il Governo ha smentito le voci che vorrebbero nuove tasse. Se serviranno altre risorse, è il messaggio, si recupereranno dalla spending review («È scandaloso che esistano ancora così tante differenze fra Regione e Regione sul costo di una siringa» ha detto ieri sera Renzi) o da tagli di spesa: « Non è normale ci siano Regioni con sette province e 22 aziende sanitarie» ha detto ancora il premier «per me è un’esagerazione. Se d’accordo, siamo in condizione di ridurre il numero delle poltrone dei supermanager e procedere con i costi standard». Vedremo se le promesse verranno mantenute. (AS)

Notizie correlate

17/09/2019

Farmaci, Gallera: Lombardia leader nei processi di produzione, ricerca e commercializzazione

Il farmaco, il paziente e il cittadino poli di un unico grande settore, quello della medicina e della farmacia, approfondito grazie alla seconda edizione della 'Giornata in piazza'...
11/07/2019

Farmaceutica, la fotografia del Censis: per aziende grosso gap fra reputazione e valore

Cittadini non del tutto convinti delle aziende del ‘pharma’. Esisterebbe ancora un grosso gap fra la reputazione che godono e il loro reale valore economico, industriale e...
27/06/2019

Farmacologo clinico, Fofi e Sifo: no alla proposta di legge Ianaro. Irragionevole, inutile e onerosa

La Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani (FOFI) e la Società Italiana di Farmacia Ospedaliera e dei Servizi farmaceutici delle Aziende Sanitarie (SIFO) denunciano congiuntamente l’irrazionalità della Proposta di legge, a firma dell’Onorevole Angela Ianaro, per l’istituzione sperimentale, ma per tre anni e con oneri per lo Stato pari a 30 milioni di Euro...
29/11/2018

Verona, al via percorso formativo per farmacista preparatore

Si terrà domenica 2 dicembre presso la sede dell’Ordine dei Farmacisti di Verona il primo appuntamento di un percorso formativo a durata biennale dedicato preparazioni allestite in farmacia. L’iniziativa nasce dalla collaborazione tra la...
02/10/2018

Farmaci, nota aggiornamento Def: interventi su payback e prezzi

L'istituzione del Tavolo tecnico di lavoro sui farmaci e i dispositivi medici avrà il compito "in via prioritaria, di individuare adeguate soluzioni dei contenziosi, in essere in relazione ai provvedimenti legislativi ed amministrativi relativi alle...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni