Edicola

14/12/2017

Il conto della burocrazia? Arriva a 33 miliardi

Corriere della Sera, 14/12/2017
Claudia Voltattorni
“Ogni azienda italiana dovrebbe avere degli impiegati ad hoc solo per seguire tutti gli adempimenti burocratici cui è sottoposta ogni giorno. Cosa fattibile per le grandi imprese, quasi impossibile per le piccole e le piccolissime, dove ad occuparsi di tasse, rapporti con amministrazioni locali, contabilità, personale e tutto il resto, in un caso su due vengono delegate delle figure esterne all'azienda. Con costi che arrivano a quasi 8mila euro ogni anno (oltre 11 mila per bar e ristoranti): un peso che grava sul 39% del profitto lordo dell'imprenditore, un costo complessivo di 33 miliardi di euro all'anno”. I dati emergono da uno studio realizzato da Confcommercio in collaborazione con l’Università di Torino.
14/12/2017

Il Dottor Web spopola: 8,8 milioni di pazienti vittime di fake news sanitarie

La Stampa, 14/12/2017
Raphael Zanotti
Le fake news che si diffondono sul web mettono in dubbio soluzioni acquisite e scientificamente provate in nome del libero arbitrio che, ovviamente, non costituisce un criterio di valutazione diagnostico e terapeutico. Questo si ripercuote sulla sicurezza dell’automedicazione, che è positiva solo quando è cauta, guidata, consapevole. Secondo un recente rapporto del Censis, 49,4 milioni di italiani soffrono di piccoli disturbi di salute come mal di schiena (40,2%), raffreddore (36,5%), mal di testa (25,9%), mal di stomaco (15,7%) o altri malanni. Il 90,3% dichiara di curarsi da solo. 
13/12/2017

Padoan: no a ristrutturazioni o vincoli meccanici sul debito

Il Sole 24 Ore, 13/12/2017
Maximilian Cellino
“La via maestra per ridurre il debito resta la crescita e bisogna continuare con le riforme strutturali, con il miglioramento dell'efficienza della macchina pubblica e ad avere una gestione della finanza pubblica che rimane una delle più rigorose d'Europa” lo afferma il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, intervenendo a un convegno sulle banche. “Bisogna continuare su questa strada perché l'Italia ha tutti gli strumenti a disposizione per approfittare di un quadro europeo più solido, stabile e condiviso orientato sia alla stabilità delle banche ma anche alla crescita e all'occupazione”. Quello della finanza pubblica, ha ricordato Padoan, è “un sentiero stretto, che deve essere seguito, ma che si sta allargando: il deficit va nella giusta direzione e anche il debito, auspicabilmente, inizierà a scendere e anzi sarebbe già in una fase discendente se ci fosse più inflazione”.
13/12/2017

In Italia ci sono più poveri che negli altri Stati europei

La Stampa, 13/12/2017
Emanuele Bonini
In Europa l'Italia è il Paese che ha più poveri in termini assoluti. Quasi dieci milioni e mezzo sono le persone con gravi difficoltà economiche. La classifica cambia se si guarda alle percentuali rispetto alla popolazione residente. Ci sono realtà peggiori come quella romena o bulgara, dove quasi la metà della nazione vive in condizioni di ristrettezza economica (49,7% e 47,9% rispettivamente), ma il dato italiano è comunque indice della fatica che ancora il nostro Paese fa ad uscire dalla crisi. I dati diffusi da Eurostat relativi al 2016 registrano 78,5 milioni di cittadini europei in stato di «privazione sociale o materiale», vale a dire in condizioni di povertà. Una situazione migliorata da due anni a questa parte, se si considera che nel territorio dell'Ue nel 2014 le persone con problemi economici erano 98,1 milioni.
07/12/2017

Dombrovskis: "La situazione economica migliora, non aspettiamo altre crisi per agire"

La Stampa, 07/12/2017
“È proprio questo il momento per rafforzare l'architettura dell'Unione economico-monetaria”. Lo afferma il vicepresidente della Commissione Ue con delega all'Euro, Valdis Dombrovskis, che spiega: “Non vediamo crisi all'orizzonte, ma sappiamo che l'andamento dell'economia è ciclico. Ci sono tempi migliori e tempi peggiori: questa è una lezione che dobbiamo prendere dal passato. Perciò dobbiamo rafforzare le nostre strutture per essere più preparati ad affrontare eventuali scenari avversi”. Il cuore del progetto è la trasformazione del Fondo Salva-Stati in un vero e proprio Fondo Monetario Europeo, con maggiori compiti di stabilizzazione. “Vogliamo estenderne le funzioni – afferma Dombrovskis - e questo comporterà un ruolo più limitato per il Fondo Monetario Internazionale nell'Eurozona”.
07/12/2017

Walgreens si espande in Cina

MF, 07/12/2017
Andrea Pira
Walgreens ha raggiunto un accordo con la China National Accord Medicines Corporation per rilevare il 40% di Sinopharm's Guoda Drug Store, una delle principali catene di farmacie della Repubblica popolare, che opera sia in gestione diretta che in franchising. Il valore complessivo dell’operazione è quasi 2,8 miliardi di yuan, circa 416 milioni di dollari. “Siamo felici di questo investimento strategico”, ha sottolineato il ceo ed executive vice chairman di Walgreens, Stefano Pessina. “Si tratta di una delle principali catene di farmacie in Cina e crediamo di poter contribuire in maniera positiva al suo continuo sviluppo, per merito della nostra competenza globale”.
06/12/2017

Dati sanitari a Big Pharma tutti i rischi per la privacy

La Repubblica, 06/12/2017
Paolo G. Brera
I nostri dati personali, compresi quelli sanitari, potranno essere trasmessi alle multinazionali per scopi statistici o di ricerca scientifica, senza bisogno del consenso dell'interessato e senza necessità di avvisarlo, «a condizione che siano adottate forme preventive di minimizzazione (cioè si consegnino solo i dati necessari a ogni singolo progetto autorizzato) e di anonimizzazione ritenute idonee a tutela degli interessati». Lo stabilisce una legge europea, pubblicata il 28 novembre nella Gazzetta ufficiale, che entrerà in vigore il 12 dicembre. La nuova norma apre una serie di interrogativi: se da una parte i dati possono aiutare la sanità, rimane in sospeso un problema di privacy dei cittadini.
06/12/2017

«I vaccini? La risposta a populismi e paure»

Avvenire, 06/12/2017
Paolo Viana
“Nella Storia c'è una lunga serie di epidemie che hanno sterminato la popolazione europea, a partire dagli infanti” secondo il commissario europeo alla salute, Vytenis Andriukaitis, potrebbe succedere ancora. “È inevitabile in un mondo in cui c'è libertà di movimento e di commerci – spiega - paradossalmente la situazione oggi è più pericolosa di vent'anni fa. I vaccini sono uno strumento utile per creare una immunità collettiva, sia contro le malattie che contro le paure immotivate verso lo straniero, di cui si alimentano molti populismi”.
05/12/2017

Usa, maxi-fusione nella sanità

Il Sole 24 Ore, 05/12/2017
Marco Valsania
II gruppo americano Cvs Healt, leader nella distribuzione di farmaci, ha annunciato l'acquisto di Aetna, la terza compagnia di assicurazione sanitaria del Paese con 45 milioni di clienti. Un'operazione da 69 miliardi di dollari, destinata a creare un gigante nel settore e a rivoluzionare l'industria sanitaria e assicurativa: le oltre 9.700 farmacie Cvs negli Stati Uniti offriranno infatti aree di assistenza sanitaria. La mossa è mirata anche ad affrontare la probabile concorrenza di Amazon, interessata al settore pharma.
05/12/2017

Svolta Ue Decolla il Fondo monetario

La Stampa, 05/12/2017
Marco Bresolin
La trasformazione del Fondo Salva-Stati in un vero e proprio Fondo monetario europeo costituisce il “piatto forte” del progetto di riforma dell’Unione economico-monetaria proposto dalla Commissione europea. “Il nuovo Fme sarà incorporato nel diritto comunitario: non sarà più un organismo intergovernativo e agirà sotto la supervisione del superministro dell'euro. Avrà il compito di «salvaguardare la stabilità finanziaria», intervenendo attraverso linee di credito per salvare i Paesi in crisi. In cambio chiederà aggiustamenti di bilancio e riforme strutturali. Avrà anche una funzione di rete di sicurezza per i rischi bancari”.
04/12/2017

Meno welfare per i nuovi nati

Il Sole 24 Ore, 04/12/2017
Valentina Maglione, Valentina Melis
Nel 2018 gli aiuti per sostenere la natalità saranno dimezzati rispetto a quanto previsto per il 2017. È quanto risulta dal monitoraggio de Il Sole 24 Ore del Lunedì, che ha esanimato le misure già operative in favore delle famiglie con figli e quelle previste dal Ddl di Bilancio, approvato con la fiducia in Senato e in attesa ora dell'esame della Camera. A far calare gli stanziamenti è soprattutto il bonus bebè, confermato dal Ddl di Bilancio solo per un anno, anziché per tre come è stato finora, e con importi dimezzati dal 2019. Le misure hanno l’obiettivo di supportare le famiglie e contrastare il calo delle nascite. Obiettivo che però la strategia messa in campo finora non ha centrato: nei primi sette mesi del 2017 sono nati 258.665 bambini, 2.299 in meno rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Segno evidente che non bastano bonus o aiuti una tantum per spingere le nascite, ma occorre impostare politiche di ampio respiro.
03/12/2017

Ora i robot insidiano anche le professioni

Il Sole 24 Ore, 03/12/2017
Marco Magnani
Negli Stati Uniti il fenomeno è già visibile da anni. Il paziente che debba sottoporsi a radiografia, tac, ecografia o altre analisi si reca presso una clinica dove un infermiere gestisce l'esame. I risultati sono trasmessi in India e analizzati da un medico locale, meno costoso rispetto ai colleghi americani, che produce un referto in ottimo inglese. La prescrizione è inoltrata in tempo reale alla farmacia negli Stati Uniti e le medicine sono consegnate direttamente a casa del paziente. Tutto ciò è possibile grazie a una combinazione di tecnologia e globalizzazione, che permette al paziente di ricevere un buon servizio a costi inferiori rispetto al passato. Tale innovazione, però, negli Stati Uniti ha eliminato un posto di lavoro qualificato, quello del medico. L'esempio non è un caso isolato, ma illustra una tendenza in atto in diversi settori e in tutte le economie avanzate. Che può avere conseguenze dirompenti sul mercato del lavoro.
Visualizzazione risultati 1-12 (di 5463)
 |<  < 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10  >  >| 


Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni