Edicola

21/11/2018

Il giorno del giudizio per l’Italia. Manovra verso la bocciatura Ue

Il Sole 24 Ore, 21/11/2018
Beda Romano
Alla vigilia della giornata di oggi, durante la quale la Commissione europea pubblicherà le attese opinioni di bilancio, l'establishment comunitario ha espresso «grande preoccupazione» per l'elevato debito pubblico italiano. La presa di posizione di ieri conferma nei fatti l'avvicinarsi di una procedura per debito eccessivo contro l'Italia, che sarà oggetto con ogni probabilità di un nuovo acceso negoziato tra Roma e Bruxelles. Parlando innanzi al Parlamento europeo, il presidente dell'Eurogruppo Mario Centeno ha ribadito: «L'elevato debito pubblico italiano è per noi fonte di grande preoccupazione», tanto più che «è molto elevato alla luce di qualsiasi standard mondiale».
21/11/2018

Industrie della Sanità in trincea: «Così è difficile fare investimenti»

Il Sole 24 Ore, 21/11/2018
Barbara Gobbi, Rosanna Magnano
Ieri a Roma, in occasione dell'Healthcare Summit de II Sole 24 Ore, è stato fatto il punto sulle (poche) misure a carattere sanitario  messe in campo dalla legge di bilancio. “Rimangono fuori dalla Manovra – ha osservato Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe - indifferibili priorità: rinnovi contrattuali, sblocco del turnover del personale, eliminazione del superticket”. Inoltre, non si affrontano argomenti quali la nuova governance della spesa, il nodo del payback pregresso, la questione degli investimenti. “Temi enormi. Per affrontarli servirebbe un'altra manovra”, ha ammesso Pierpaolo Sileri, presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato. “Sediamoci a un tavolo, chiudiamo le vecchie pendenze del payback e mettiamo in piedi un nuovo sistema per la sostenibilità del Ssn e del fare impresa” ha invece proposto Massimo Scaccabarozzi, presidente di Farmindustria.
21/11/2018

Farmacia, Cittadinanzattiva-Federfarma: presidio di salute, "dimenticate" nel servizi territoriali

Help Consumatori, 21/11/2018
Le farmacie sono un presidio fondamentale sul territorio ma vengono “dimenticate” quando si parla di servizi territoriali. Sono presenti ovunque, quasi sempre aperte, giocano un ruolo di primo piano per il dialogo e l’ascolto soprattutto di anziani, di persone che soffrono di patologie croniche, donne con minori o in gravidanza. Allo stesso tempo, quando si tratta di strutturare servizi in rete sul territorio vengono spesso “dimenticate”. Lo sottolinea il primo Rapporto annuale sulla farmacia, realizzato da Cittadinanzattiva e Federfarma, elaborato su un campione di 1.275 farmacie, di cui un quarto nelle aree interne.
20/11/2018

Scontro Tria Eurogruppo “Non torniamo indietro.” E lo spread vola oltre 320

Il Messaggero, 20/11/2018
Antonio Pollio Salimbeni
“Il programma di governo non cambia, spero in un dialogo con la Commissione, passo dopo passo”. Il ministro dell’economia Tria non risponde direttamente alla domanda se domani si attende l’avvio della procedura contro l’Italia per violazione delle regole UE sui bilanci pubblici ma evoca le fasi nelle quali si svilupperà il dialogo con Bruxelles. Non ci sono segnali di avvicinamento tra le posizioni della Commissione, appoggiata da 18 Paesi, e quelle del Governo italiano.
20/11/2018

Esplode la raccolta on line per le cure mediche. “Ma attenzione alle truffe”

La Stampa, 20/11/2018
Paolo Russo
Social network, piattaforme internazionali, canali youtube fai da te. Tanti i sistemi per raccogliere fondi destinati in molti casi a coprire quello che il SSN non riesce a garantire, a cominciare dall’assistenza domiciliare e dalla riabilitazione.  O per consentire di curare  i malati di Paesi meno sviluppati del nostro. E talora, tra necessità reali e vera solidarietà, si nascondono anche truffe.
Ma navigando sul web si trovano anche raccolte fondi  per terapie non previste in Italia e possibili oltreconfine e siti che aiutano ad alimentare pseudoscienza e false credenze per cure fasulle, per esempio contro il cancro.  Quando va bene sono terapie prive di studi clinici validi alle spalle. Nei casi peggiori si tratta di pura ciarlataneria.
20/11/2018

La classe che si vaccina per la compagna

Corriere della sera, 20/11/2018
Adriana Bazzi
In una scuola primaria della provincia di Padova i bambini e le maestre si sono vaccinati contro l’influenza  per proteggere una compagna di scuola, immunodepressa, che non puo’ farlo e per cui la patologia potrebbe avere conseguenze gravissime.
19/11/2018

Tagli se si supera il 2,4% di deficit. Ma la trattativa con l’Ue è congelata

Corriere della Sera, 19/11/2018
Ivo Caizzi
Al momento non c'è alcuna trattativa fra il governo italiano e la Commissione europea sulla manovra economica. Un’eventuale riapertura del dialogo è rinviata a dopo che la Commissione avrà espresso il proprio giudizio definitivo sul disegno di legge di Bilancio dell'Italia. E’ probabile che la Commissione confermerà la bocciatura della manovra economica, ponendo così le premesse per l'avvio della procedura d'infrazione per violazione della regola del debito. Non è però escluso che Bruxelles decida di lanciare un warning al nostro Paese, preannunciando l'apertura della procedura a gennaio, nel caso la manovra non cambi durante l'esame in Parlamento. Ci sarebbe quindi ancora un mese per evitare che la situazione precipiti.
19/11/2018

Il Garante boccia l’e-fattura: troppi dati senza protezione

Il Sole 24 Ore, 19/11/2018
Antonello Cherchi
Sull'obbligo di fatturazione elettronica tra privati arriva l'altolà del Garante della privacy: il sistema, così come è, non è in linea con il Gdpr, il regolamento europeo che disciplina la materia. In particolare, il Garante punta il dito contro il «trattamento sistematico, generalizzato e di dettaglio di dati personali su larga scala» riferendosi soprattutto ai dati non necessari ai fini fiscali. Inoltre, mancano apparati specifici di protezione di queste informazioni. A un mese e mezzo dall'entrata in vigore dell'obbligo, sono pochi gli spazi per correzioni strutturali. L'agenzia delle Entrate sta, però, già lavorando a una risposta.
18/11/2018

Farmaci illegali venduti online sequestri e denunce

La Repubblica, Roma, 18/11/2018
Rory Cappelli
Dopo tre mesi di monitoraggio del canale web, i carabinieri dei Nas, del reparto operativo centrale e del nucleo Aifa hanno scoperto 243 aziende "non conformi", pari al 51% di quelle ispezionate. L'operazione si è svolta in tutta Italia e nel Lazio ha visto, tra l’altro, la denuncia di 6 persone per esercizio abusivo della professione di farmacista e per illecita importazione e commercializzazione di farmaci di produzione extra Ue, privi di autorizzazione all'immissione in commercio, contenenti principi attivi farmacologici per il trattamento di disfunzioni erettili: tali farmaci venivano acquistati online e rivenduti su siti di "incontri".
18/11/2018

Azzardi pericolosissimi contro il cancro

Corriere della Sera, 18/11/2018
Vera Martinella
Donna, giovane,  istruita, benestante, stato di salute generale non ancora compromesso: questo il profilo-tipo di chi preferisce affrontare il cancro affidandosi a trattamenti non riconosciuti dalla scienza. Diversi studi indicano che la mortalità di chi fa questa scelta è molto maggiore rispetto a quella delle persone che seguono cure di efficacia accertata. In particolare, i dati di un ampio studio americano condotto su malati con un tumore non metastatico (pubblicati sul Journal of the National Cancer Institute e su JAMA Oncology), evidenziano che a cinque anni dalla diagnosi era vivo più del 78% di chi si era affidato alla medicina tradizionale, contro il 54,7% di chi aveva scelto cure non riconosciute dalla scienza. Le persone coinvolte avevano una neoplasia in stadio iniziale ed erano quindi quelle con maggiori probabilità di guarire con le terapie ortodosse. Ma optare per le cure non ufficiali significa lasciar trascorrere tempo prezioso, durante il quale il cancro progredisce: quando questi malati si rivolgono alla medicina ufficiale può essere già troppo tardi.
16/11/2018

Dombrovskis: «Il governo sfida le regole Ue, la manovra rallenta la crescita»

Il Sole 24 Ore, 16/11/2018
Beda Romano
“II bilancio programmatico italiano mostra una significativa deviazione rispetto agli impegni. In passato gli scostamenti rispetto agli obiettivi erano marginali; oggi la deviazione è evidente” afferma il vicepresidente della Commissione Ue Valdis Dombrovskis. Per questo, spiega, “non possiamo fermare la procedura come in passato”.
16/11/2018

La tassa sulle bibite zuccherate divide la maggioranza. Niente carcere agli evasori

Corriere della Sera, 16/11/2018
Andrea Ducci
Una tassa sulle bevande analcoliche e i succhi di frutta. In particolare, nel mirino finiscono i soft drink e le bibite con più di 5 grammi di zucchero ogni 10 centilitri. La misura è contenuta in un emendamento alla legge di Bilancio, con primo firmatario Carla Ruocco (M5S). Il gettito dell'imposta sulle bibite è destinato a finanziare l'esenzione dall’irap per le partite Iva fino a 100 mila euro. Ma gli incassi della nuova tassa sono rivendicati anche il ministro dell'Istruzione Bussetti per destinarli a università e ricerca. Dal canto suo, Assobibe (l'associazione dei produttori di bevande) lamenta “un approccio che penalizza i consumatori, con inevitabili riflessi su occupazione e investimenti”.
Visualizzazione risultati 37-48 (di 6116)
 |<  <  1 2 3 4 5 6 7 8 9 10  >  >| 


Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni