Edicola

27/10/2018

Standard & Poor’s taglia le previsioni sull’Italia

Corriere della Sera, 27/10/2018
Marco Sabella
L’agenzia di rating statunitense Standard & Poor's rivede il giudizio sull’affidabilità economica dell’Italia: pur lasciando inalterata la valutazione sul rischio, che rimane una tripla B, l’agenzia ha portato da «stabile» a «negativo», l'outlook, ovvero il giudizio sulle prospettive di solvibilità del Paese. In questo modo si apre di fatto la prospettiva di un potenziale declassamento fra qualche mese.
26/10/2018

Draghi: non finanziamo i deficit

MF, 26/10/2018
Francesco Ninfole
“Sono fiducioso che si troverà un accordo”, ha detto Mario Draghi riguardo alle discussioni tra Roma e Bruxelles sulla legge di bilancio respinta dall'Ue. Il presidente Bce ha detto di non lavorare da mediatore e di non avere informazioni riservate sulle trattative, ma ha osservato che “è nel miglior interesse del Paese, delle imprese e delle famiglie arrivare a una qualche forma di accordo. Si tratta semplicemente di buon senso”. Dopo aver ricordato che “finanziare i deficit non è nel mandato” della Banca centrale europea, Draghi ha dato al governo italiano tre suggerimenti: “abbassare i toni”, “ridurre lo spread” e “non mettere in dubbio la cornice istituzionale che sorregge l'euro”.
26/10/2018

Negozi chiusi la domenica? In crisi un dipendente su 2

Il Giornale, 26/10/2018
Francesco Borgia
Il commercio al dettaglio continua ad attraversare un periodo difficile. A nulla è valsa la «cura» di far lavorare (come è successo nell'ultimo mese) la metà dei dipendenti (oltre 13 milioni) una domenica al mese nel corso dell'ultimo anno. Un'indagine Istat presentata nel corso di un'audizione alla Camera, dove si sta esaminando la proposta di legge che vuole disciplinare in maniera più restrittiva l'apertura domenicale dei negozi, mostra che “tra il 2006 e il 2016 per le imprese commerciali che hanno meno di 10 addetti si stima un saldo demografico negativo di oltre 100mila unità”.
25/10/2018

L’Asl vuole far sparire anche le farmacie

Il Resto del Carlino Reggio Emilia, 25/10/2018
Settimo Baisi
“L'Asl sta facendo con le farmacie quello che grande distribuzione e supermercati hanno fatto coi negozi di vicinato destinandoli alla chiusura”. Lo afferma Dante Baldini Federfarma Reggio, che sottolinea: “La farmacia è l'unico servizio a resistere ancora in tante località demograficamente piccole, dopo che per motivazioni solamente economiche tanti servizi hanno chiuso, comprese le Poste. La farmacia non può spostarsi, è una concessione dello Stato per servire la popolazione di una zona precisa, ma di questo passo dovrà chiudere come tutte le altre attività, se non avrà un sostegno economico e non potrà trasferirsi”. Questo perché la Regione, “anziché affidare alle farmacie sul territorio la dispensazione di farmaci da lei acquistati come Dpc (distribuzione per conto) consegna a piene mani farmaci direttamente ai pazienti, con disagi per questi ultimi, in barba agli accordi presi con le farmacie”.
25/10/2018

Tria: lo spread così è insostenibile. Il problema sono le banche

Il Sole 24 Ore, 25/10/2018
Manuela Perrone
Il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, riconosce nello spread l’unico campanello d'allarme che potrebbe indurre il governo a ritoccare la Manovra. “È un livello che non possiamo mantenere a lungo, se dovesse verificarsi una crisi come nel 2008 qualcosa cambieremmo”. Il ministro chiarisce che “non possiamo mantenere questo livello non tanto per l'impatto sugli interessi sul debito, che è molto lento, ma per il problema che pone sul sistema bancario”.
24/10/2018

La Ue: cambiare o procedura per debito

Il Sole 24 Ore, 24/10/2018
Beda Romano
La Commissione europea, per la prima volta nella storia ventennale della zona euro, ha contestato formalmente il bilancio programmatico di uno stato membro, l'Italia. Il governo Conte ha tre settimane per correggere la Finanziaria 2019 e portarla in linea con il Patto di Stabilità. In caso contrario, l'esecutivo comunitario avvierà la procedura per debito eccessivo rimasta in sospeso a maggio. “Il governo italiano sta violando apertamente gli impegni presi con se stesso e con gli altri paesi” ha dichiarato il vicepresidente della Commissione Ue Valdis Dombrovskis. “La zona euro è costruita su stretti legami di fiducia con regole che sono le stesse per tutti”, quindi “se la fiducia viene erosa, tutti gli Stati ne sono danneggiati”.
24/10/2018

Giornata mondiale contro la poliomielite a Philadelphia: da 350mila casi nel 1988 a 22 casi nel 2017, ma il pericolo resta ancora

Il Farmacista on line, 24/10/2018
Il 24 ottobre si celebra il World Polio Day. La Giornata, giunta alla sesta edizione, ha l’obiettivo di sensibilizzare sulla necessità di eradicare completamente il virus della polio a livello globale, attraverso la consapevolezza generale della vaccinazione, della prevenzione e della raccolta di fondi per diversi programmi. Oggi, grazie alle estese campagne di vaccinazione – l’unica arma che rende la malattia evitabile – e ai sistemi di sorveglianza, pochi casi di polio sono riportati nel mondo. Tuttavia, tre paesi non hanno mai smesso di registrare casi di poliomielite: Afghanistan, Nigeria e Pakistan. In Italia la vaccinazione antipolio è obbligatoria dal 1966 e l’ultimo caso endemico si è verificato nel 1982.
23/10/2018

«Noi fuori linea, ma è necessario» La lettera di Tria a Bruxelles

Corriere della Sera, 23/10/2018
Mario Sensini
II governo non modifica la manovra di bilancio, benché sia “cosciente di aver scelto un'impostazione non in linea con le norme applicative del Patto” e garantisce alla Ue che il maggior deficit necessario è comunque un “tetto massimo”: ci saranno misure automatiche per riportarlo in linea in caso di un suo scivolamento. La scelta di una legge di bilancio espansiva, scrive il ministro dell'Economia Giovanni Tria nella risposta alle osservazioni della Commissione europea, “è stata una decisione difficile ma necessaria”, per il ritardo dell'economia nel recuperare il terreno perduto e per le “drammatiche condizioni economiche” in cui vivono le fasce deboli della popolazione. Il cammino verso il pareggio di bilancio, scrive Tria, riprenderà a partire dal 2022.
23/10/2018

Farmaci. Mattina o sera, quando prenderli

Il Mattino, 23/10/2018
La cronoterapia studia come varia l’effetto dei farmaci nelle diverse fasi del ciclo circadiano. Ad esempio, i farmaci per il colesterolo risultano più efficaci la sera; la chemioterapia fa più effetto quando le cellule cancerogene si dividono (a Parigi anni fa si sperimentò la somministrazione di chemioterapici durante la notte). Per i farmaci contro l’ipertensione si sa che spesso la loro efficacia dura 12 ore e che il maggiore rischio di ictus o infarto si ha nelle primissime ore del mattino. Tutte queste variabili dovrebbero guidare la prescrizione della posologia da parte del medico, ma i principi della cronoterapia stentano ad affermarsi.
22/10/2018

Servizi (non soldi) per fare più figli

Corriere della Sera, 22/10/2018
Milena Gabanelll e Rita Querzé
In Italia, da nove anni consecutivi, calano i nuovi nati. Se continua questo trend, diventerà difficile pagare le pensioni e la sanità per tutti gli anziani del Paese. Il Pil crescerà sempre meno perché, anche nell’auspicabile ipotesi del pieno impiego, ci saranno comunque meno persone al lavoro. Spesso si rinuncia ai figli per due motivi legati tra loro: il timore di non avere abbastanza risorse per crescerli mantenendo uno standard di vita dignitoso e la mancanza di servizi a buon mercato, a partire dagli asili nido. Oggi l'Italia spende 26 miliardi l'anno per le politiche di sostegno alla famiglia e alla natalità (Eurostat, 2017). Lo Stato distribuisce risorse su una miriade di misure che molti nemmeno conoscono, senza aver mai fatto una verifica sui reali benefici. Le famiglie preferirebbero invece poter contare su servizi che aiutino a conciliare vita quotidiana e lavoro: ad esempio, più asili nido e  strutture aperte anche d’estate.
21/10/2018

I finti farmacisti che imbrogliano i malati

Libero Quotidiano, 21/10/2018
Claudia Osmetti
Il problema dell’abusivismo affligge anche la professione del farmacista: “C'è chi si finge laureato, chi vende medicine su internet senza licenza e chi agevola l'abusivismo nella professione, magari mettendo alla vendita persone abilitate solo come magazzinieri”, denuncia Andrea Mandelli, presidente dell'ordine dei farmacisti. Per combattere il fenomeno “Siamo molto vigili – continua Mandelli -  cerchiamo di contrastare tutti i casi di cui veniamo a conoscenza: segnaliamo alle autorità, monitoriamo e denunciamo”. I pazienti che cadono vittime di questi truffato rischiano di mettere seriamente a repentaglio la propria salute. “Qualche anno fa mi capitò l'episodio di una ragazza che era morta dopo aver ingerito alcune pasticche comprate nel web” racconta Annarosa Racca, presidente di Federfarma Lombardia. “Lei credeva di usarle per dimagrire, invece è andata incontro alla fine più tragica”.
21/10/2018

La Tbc fa ancora paura: «Nel mondo 10 milioni di nuovi casi l’anno»

Libero Quotidiano, 21/10/2018
“La Tbc non è una malattia debellata, come siamo portati a pensare. Al contrario: nel mondo ci sono 10,4 milioni di nuovi casi diagnosticati all'anno, un milione che colpisce i bambini e quindi il 90% che tocca gli adulti. Si parla di qualcosa come 250mila morti in tutto il pianeta ogni dodici mesi” afferma la professoressa Susanna Esposito, presidente dell'Associazione mondiale per le malattie Infettive e i disordini immunologici. “Non si tratta di fare allarmismo, ma una corretta conoscenza del fenomeno, specie tra le fila degli addetti ai lavori, può davvero ridurre i rischi collettivi”.
Visualizzazione risultati 73-84 (di 6112)
 |<  <  3 4 5 6 7 8 9 10 11 12  >  >| 


Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni