Edicola

16/07/2020

Positivi solo 3.800 minori "Ma spesso asintomatici e possono contagiare"

La Repubblica, 16/07/2020
Elena Dusi
“La popolazione pediatrica potrebbe giocare un ruolo attivo nella trasmissione dei virus”. Lo sottolinea uno studio dell'Istituto superiore di sanità pubblicato sulla rivista Pediatrics. “I ragazzi sotto i 15 anni hanno un terzo delle probabilità di contagiarsi rispetto agli adulti. Ma hanno anche più contatti con gli altri e una maggiore tendenza a essere asintomatici, quindi a innescare focolai silenziosi. I più temibili” spiega Marco Ajelli, matematico specializzato nella diffusione delle epidemie. Per questo la riapertura delle scuole dovrà avvenire all’insegna di regole rigorose: “Distanza, lavaggio delle mani e mascherina dai 3 anni” raccomanda Alberto Villani, presidente della Società italiana di pediatria (Sip). “La mascherina può essere tolta se si resta al banco, ma serve quando i bambini sono insieme. Loro non avranno grandi problemi. Diventerà un'abitudine come l'apparecchio o gli occhiali”.
16/07/2020

Ippolito - «La sanità pubblica ha fatto miracoli ma è mancata la catena di comando»

Corriere della Sera , 16/07/2020
Margherita De Bac
Nell’affrontare l’emergenza coronavirus “La sanità pubblica, ripeto pubblica, ha fatto miracoli. Soprattutto se consideriamo che è mancata una catena di comando unica, centralizzata, efficiente”. Lo afferma Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell'Istituto Spallanzani, che spiega: “Nel caso di epidemie come questa, e più in generale per le malattie infettive, è necessario avere una catena di comando centrale. È difficile farlo con ventuno sistemi sanitari diversi, con la necessità di mediare e di concordare ogni decisione”. Il Covid-19, prosegue Ippolito, “è una malattia che nella gran parte dei casi non richiede ospedalizzazione, ma piuttosto la presa in carico domiciliare del malato da parte dei servizi territoriali, che in Lombardia — e non solo lì — non hanno funzionato come avrebbero dovuto: un po' per il definanziamento del sistema sanitario, ma anche perché in Lombardia, e non solo in Lombardia, negli ultimi anni il modello di sanità pubblica è stato svuotato a favore di un modello pubblico-privato di tipo assicurativo”.
15/07/2020

Speranza: l’emergenza c’è ma coinvolgeremo le Camere

Il Sole 24 Ore, 15/07/2020
Barbara Fiammeri
“Al momento nessuna decisione è stata assunta sulla proroga dello stato di emergenza: dovrà riunirsi il Cdm e il Parlamento dovrà essere pienamente protagonista del percorso decisionale”. Lo ha detto al Senato il ministro Roberto Speranza, che non ha fatto anticipazioni ma ha detto chiaramente che “l'emergenza non è finita” confermando l'intenzione dell'esecutivo di prolungare l’attuale status. L'interlocuzione con il Parlamento sarà “preventiva” ha sottolineato il ministro: “discuteremo, nuovamente sia alla Camera che al Senato, con uno specifico ordine del giorno, della eventuale proroga dello stato di emergenza” e sarà il premier Giuseppe Conte a intervenire in Parlamento.
15/07/2020

Ricciardi "L’Italia deve difendersi dai contagi Stop ai voli dagli Usa"

La Repubblica, 15/07/2020
Elena Dusi
Non abbiamo di fronte un virus indebolito. “Anzi, è una brutta bestia, evoluta per diffondersi. Ha trovato il giusto equilibrio: non tanto grave da impedire a molti infettati di circolare, ma pur sempre pericoloso” afferma Walter Ricciardi, professore di Igiene all'Università Cattolica di Roma e consigliere del ministro della Salute. Il virus sta tornando dall'estero, spiega Ricciardi: “a febbraio avevamo chiuso solo i voli diretti. Oggi blocchiamo anche chi viene da un paese a rischio con un volo indiretto. Abbiamo poi l'obbligo di quarantena per gli arrivi da fuori Schengen. Eppure sembra non bastare. Dovremmo chiudere i voli con alcuni Stati degli Usa. Quel che avviene lì è sconcertante. Il paese a cui tutti guardiamo per gli studi scientifici sul Covid è fuori controllo. Dobbiamo difenderci dai paesi che fanno poco o nulla per frenare il virus”.
15/07/2020

Miozzo - «Regioni in ordine sparso linee guida non rispettate»

Il Messaggero, 15/07/2020
Mauro Evangelisti
“La modifica del titolo V della Costituzione, quando si deve affrontare un'emergenza nazionale, ha molti, molti limiti” afferma il coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico Agostino Miozzo, il quale però osserva anche “che il dialogo con le Regioni prosegue, non va tutto male, penso ai risultati importanti sulla capacità di individuare i focolai e tracciare i contatti dei positivi. All’inizio questo non c'era”. “Diciamo che è un elemento di preoccupazione – prosegue - se le Regioni vanno contro i pilastri fondanti delle politiche che abbiamo immaginato contro il coronavirus, come mascherine, distanziamento, igiene. Sono pilastri assolutamente validi e non sostituibili”.
14/07/2020

Seth Berkley - «Sì a vaccinazione globale, o il virus non si fermerà»

Il Sole 24 Ore , 14/07/2020
Francesca Cerati
“Serve un cambio di passo. Il mondo si deve preparare non durante le epidemie, ma prima. II che significa avere sistemi sanitari forti ed efficienti in tutti i paesi, anche in quelli più poveri; avere la capacità di sviluppare farmaci e vaccini velocemente, ma anche di fare diagnosi rapide e di sviluppare sistemi diagnostici in grandi quantità. Tutti questi elementi devono essere preparati in anticipo per gestire eventuali future epidemie”. Lo sottolinea Seth Berkley, ceo di Gavi (Alleanza globale per i vaccini). Gavi, come partenariato pubblico-privato, “ha l'obiettivo di creare le condizioni per fornire una soluzione ai bisogni di salute pubblica. Dobbiamo quindi pensare ai vaccini come a un bene pubblico globale. In questo caso il nostro sforzo è quello di ridurre qualsiasi barriera alla disponibilità di un vaccino anti-Covid-19, compresa la proprietà intellettuale”.
14/07/2020

Guariti e di nuovo positivi, l’immunità dura qualche mese

Corriere della Sera , 14/07/2020
Cristina Marrone
Ci si può riammalare di coronavirus? “Non conoscendo bene la risposta immunitaria potrebbe essere” sintetizza Pierangelo Clerici, presidente dell'Associazione Microbiologi Clinici italiana. I casi di una seconda infezione sono segnalati in tutto il mondo, anche se non è sempre così chiaro se si tratta davvero di una nuova infezione, oppure se il virus riesce a sfugge al rilevamento con tampone o se frammenti virali indugiano nel corpo a lungo dopo la scomparsa dei sintomi. Una ricerca italiana appena pubblicata sulla rivista BMJ Global Health ipotizza che l'immunità acquisita non solo potrebbe non essere protettiva, ma potrebbe addirittura favorire infezioni successive con sintomi più gravi.
14/07/2020

Vendite online ed export, Facebook per le piccole e medie imprese

Corriere della Sera , 14/07/2020
Giuliana Ferraino
Si chiama #piccolegrandimprese, il piano lanciato da Facebook in soccorso delle pmi italiane. “È un'iniziativa specifica per l'Italia, dove le piccole imprese rappresentano una quota importante dei nostri clienti” spiega Luca Colombo, country manager di Facebook in Italia. “Il nostro obiettivo è sostenerne la ripresa in una fase difficile” continua Colombo. “Innanzitutto abbiamo creato un hub dedicato per segnalare tutte le attività e i prodotti che lanceremo nei prossimi 6 mesi per aiutare le pmi a sviluppare la digitalizzazione. Si tratta di un percorso, cominceremo da commercio ed export, perché l'e-commerce è una leva per crescere. Poi a settembre affronteremo turismo e cultura”.
13/07/2020

Ricciardi - «Ma attenti agli ingressi dall’Europa anche lì ci sono situazioni a rischio»

Il Messaggero, 13/07/2020
Graziella Melina
“Servirebbe un accordo tra Paesi membri in base al quale, quando ci sono situazioni straordinarie come in questo momento che c'è una pandemia, possano essere attivati meccanismi di coordinamento più forti. Ma questo richiede tempo, trattative, e alla fine poi i singoli Paesi membri decidono da soli.” Lo osserva Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza, che spiega:” Le iniziative che ha preso l'Italia sono state decise dopo che il nostro Paese ha chiesto esplicitamente all'Europa di intervenire. Purtroppo, però, l'Europa è piuttosto lenta. Quindi, è stata presa la decisione di circoscrivere il rischio a livello nazionale, anche se è stato chiesto da diversi giorni all'Europa di farlo in maniera coordinata”.
13/07/2020

Boots Alliance vuole aprire microcliniche in farmacia

La Repubblica Affari & Finanza , 13/07/2020
Anna Lombardo
Uno studio medico in ogni farmacia: Boots Alliance, la compagnia che possiede la popolare catena di farmacie americane Walgreens, spera così di rientrare dalle forti perdite subite durante il lockdown in Usa. Per reinventare i propri punti vendita, Walgreens Boots Alliance ha stretto un'alleanza con VillageMD, una compagnia di micro cliniche su strada, per organizzare almeno 700 nuovi punti attrezzati in tutto il Paese. L'accordo prevede che Walgreen investa un miliardo di dollari sull'operazione in cambio del 30% delle azioni della startup medica con base a Chicago. Questa, a sua volta, conta su un network di 2.800 medici ma nel pieno della pandemia ha subito forti perdite, vedendo il suo giro d'affari andare giù del 20%. 
12/07/2020

Più pensioni che buste paga Ora è allarme per gli stipendi

Il Giornale, 12/07/2020
Lodovica Bulian
Più pensioni che stipendi, Più assistenza che lavoro. Questa la fotografia dell’Italia post-lockdown scattata dalla Cgia di Mestre. A maggio sono stati erogati 22,78 milioni di assegni pensionistici contro 22,77 milioni di stipendi. Secondo lo studio, “il sorpasso è avvenuto in questi ultimi mesi. All’esplosione del Covid, infatti, è seguito un calo dei lavoratori attivi. Con più pensioni che impiegati, operai e autonomi, in futuro non sarà facile garantire la sostenibilità della spesa previdenziale, che attualmente supera i 293 miliardi di euro all'anno, pari al 16,6% del Pil.
12/07/2020

Galli: «Ormai è evidente: il virus corre grazie ai super diffusori»

Corriere della Sera , 12/07/2020
Silvia Turin
“In questa pandemia sembra sempre più evidente il ruolo dei super diffusori (anche asintomatici) che rende più facile la permanenza del virus e la sua possibilità di circolazione”. Così Massimo Galli, primario del reparto di Malattie infettive dell'Ospedale Sacco di Milano, commenta l’aumento di casi di Covid-19 nel mondo. Riguardo ai focolai che si registrano in varie parti d’Italia, Galli afferma: “Qualche rischio c'è, ma erano attesi. Dobbiamo cercare di capire se i sistemi di sorveglianza si sono affinati quanto basta per garantirci una rapida identificazione e isolamento dei positivi. Sono convinto che non possa riprodursi la situazione di febbraio, anche se gli evidenti limiti della medicina territoriale non sono stati risolti”.
Visualizzazione risultati 85-96 (di 7380)
 |<  <  4 5 6 7 8 9 10 11 12 13  >  >| 


Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni