Edicola

Antitrust: deregulation orari frenata spesso da motivi economici

01/08/2013 09:36:00
Nel commercio al dettaglio tradizionale, più della metà degli esercizi ha rinunciato alle opportunità offerte dalla liberalizzazione degli orari per «ragioni prevalentemente legate alla mancanza di convenienza economica». E’ la constatazione cui arriva l’Antitrust in base al monitoraggio condotto in quasi duemila punti vendita della Gdo e circa mille dettaglianti. L’obiettivo era quello di valutare gli effetti della norma con cui il decreto “Salva-Italia” liberalizzò gli orari del commercio (a quelli delle farmacie ci avrebbe pensato di lì a poco il “Cresci-Italia) e i risultati – per quanto privi di validità statistica – invitano a qualche riflessione. Non vale per i dati sul comportamento di Gdo e commercio al dettaglio, a dir poco scontati: l’89% dei punti vendita con superficie superiore ai 2.500 metri quadri ha approfittato del decreto per allargare le aperture a tutti i festivi, tra i negozianti ha fatto lo stesso soltanto il 45% degli intervistati. Cifre inaspettate, invece, arrivano dalla scomposizione dei dati per area geografica: al Nord, infatti, i punti vendita del mass market che aprono in tutti o quasi i giorni festivi si fermano all’86%, al Centro superano l’88% e al Sud scavalcano il 98%. Stesse differenze nel commercio al dettaglio, dove le aperture nei giorni festivi sono praticate al Sud dal 49% dei negozi intervistati.
Interessanti anche le rilevazioni relative ai motivi addotti dagli intervistati per giustificare la mancata apertura festiva: nella Gdo il 41% circa degli intervistati adduce ragioni di politica aziendale, il 38% parla di mancanza di opportunità economica e poco meno del 21% ostacoli burocratico-amministrativi (da parte delle Regioni che si oppongono alle liberalizzazioni). Tra i negozianti, invece, la mancanza di convenienza economica è stata citata dal 68% degli intervistati, mentre soltanto il 4% ha tirato in ballo freni di carattere burocratico. «La liberalizzazione degli orari di apertura dei negozi disposta dal legislatore statale» è allora la conclusione cui arriva l’Antitrust al termine dell’indagine «sta incontrando una serie di difficoltà riconducibili non solo all’esistenza di ostacoli normativi, amministrativi o di altra natura posti dalle amministrazioni regionali e/o locali, ma anche, più semplicemente, a motivazioni di mancata convenienza economica e, più in generale, a scelte di politica aziendale». (AS)

Ultime notizie

18/04/2019

Federfarma: non esiste alcuna vertenza tra le Regioni e Federfarma

E’ assolutamente fuorviante  quanto apparso oggi su alcune testate, secondo cui, a causa di una vertenza in corso tra Regioni e Federfarma, il ministro “Grillo si sarebbe rifiutata di avere un faccia a faccia con le società rappresentanti di Big Pharma”, evitando di partecipare giorni fa a un incontro con le multinazionali del farmaco....
28/03/2019

Dal Sunifar (farmacie rurali) un progetto per i cittadini delle aree interne del paese

Qual è il contributo che la farmacia rurale può dare per migliorare la qualità della vita delle persone, rafforzare la comunità, superare le diseguaglianze territoriali e sociali, in particolare nelle Aree Interne del Paese?
A questa domanda fornisce risposte concrete il progetto presentato dal Sunifar (farmacie rurali) in collaborazione con Cittadinanzattiva e Uncem...
27/03/2019

"Tour della Salute" e "Crescendo in Salute": prevenzione e benessere in 14 tappe

Non lascia, ma anzi raddoppia il "Tour della Salute", che quest'anno, giunto alla seconda edizione, è pronto a partire per un nuovo viaggio itinerante, proponendo anche il format "Crescendo in Salute". Il doppio evento, dal 4 maggio al 27 ottobre prossimi, toccherà le piazze di 14 regioni italiane con l'obiettivo di sensibilizzare...
01/03/2019

Dagli Stati Generali a Roma le proposte della farmacia italiana

Più di 2.300 titolari di farmacie private hanno partecipato ieri a Roma alla seconda edizione degli Stati Generali della Farmacia Italiana, per consolidare il confronto interno alla categoria e presentare alla politica e alle istituzioni le proposte delle farmacie per migliorare il servizio ai cittadini. Il presidente Marco Cossolo ha evidenziato come la frammentazione delle politiche del farmaco...
08/02/2019

Sabato 9 febbraio tutti in farmacia per donare un farmaco a chi ne ha bisogno

“Anche quest’anno le farmacie partecipano numerose alla Giornata di Raccolta del Farmaco, confermando con grande senso di responsabilità e solidarietà il proprio ruolo di presidio territoriale sociosanitario sempre attento alle esigenze dei cittadini, in particolare dei più deboli. Ringrazio tutti i colleghi, i volontari e i cittadini che con la loro generosità permettono di donare un numero sempre maggiore di farmaci a coloro che ne hanno bisogno” afferma il presidente di Federfarma Nazionale Marco Cossolo...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni