Edicola

Antitrust: deregulation orari frenata spesso da motivi economici

01/08/2013 09:36:00
Nel commercio al dettaglio tradizionale, più della metà degli esercizi ha rinunciato alle opportunità offerte dalla liberalizzazione degli orari per «ragioni prevalentemente legate alla mancanza di convenienza economica». E’ la constatazione cui arriva l’Antitrust in base al monitoraggio condotto in quasi duemila punti vendita della Gdo e circa mille dettaglianti. L’obiettivo era quello di valutare gli effetti della norma con cui il decreto “Salva-Italia” liberalizzò gli orari del commercio (a quelli delle farmacie ci avrebbe pensato di lì a poco il “Cresci-Italia) e i risultati – per quanto privi di validità statistica – invitano a qualche riflessione. Non vale per i dati sul comportamento di Gdo e commercio al dettaglio, a dir poco scontati: l’89% dei punti vendita con superficie superiore ai 2.500 metri quadri ha approfittato del decreto per allargare le aperture a tutti i festivi, tra i negozianti ha fatto lo stesso soltanto il 45% degli intervistati. Cifre inaspettate, invece, arrivano dalla scomposizione dei dati per area geografica: al Nord, infatti, i punti vendita del mass market che aprono in tutti o quasi i giorni festivi si fermano all’86%, al Centro superano l’88% e al Sud scavalcano il 98%. Stesse differenze nel commercio al dettaglio, dove le aperture nei giorni festivi sono praticate al Sud dal 49% dei negozi intervistati.
Interessanti anche le rilevazioni relative ai motivi addotti dagli intervistati per giustificare la mancata apertura festiva: nella Gdo il 41% circa degli intervistati adduce ragioni di politica aziendale, il 38% parla di mancanza di opportunità economica e poco meno del 21% ostacoli burocratico-amministrativi (da parte delle Regioni che si oppongono alle liberalizzazioni). Tra i negozianti, invece, la mancanza di convenienza economica è stata citata dal 68% degli intervistati, mentre soltanto il 4% ha tirato in ballo freni di carattere burocratico. «La liberalizzazione degli orari di apertura dei negozi disposta dal legislatore statale» è allora la conclusione cui arriva l’Antitrust al termine dell’indagine «sta incontrando una serie di difficoltà riconducibili non solo all’esistenza di ostacoli normativi, amministrativi o di altra natura posti dalle amministrazioni regionali e/o locali, ma anche, più semplicemente, a motivazioni di mancata convenienza economica e, più in generale, a scelte di politica aziendale». (AS)

Ultime notizie

09/07/2019

Maratona Patto per la Salute: le proposte di Federfarma

Nuova remunerazione, nuova convenzione e definizione del ruolo della farmacia nella gestione del paziente cronico, in sinergia con gli altri operatori sanitari del territorio, a partire dai medici di medicina generale, sono elementi essenziali affinché la farmacia possa contribuire alla sostenibilità del sistema e al miglioramento del livello di assistenza garantito ai cittadini....
01/07/2019

Trasmissione telematica corrispettivi elettronici in vigore da oggi. Periodo transitorio senza applicazione di sanzioni

L’Agenzia delle Entrate, facendo seguito alla richiesta di Federfarma al Ministro dell’Economia e delle Finanze Giovanni Tria  e a conclusione di un lungo quanto impegnativo iter che ha visto la Federazione impegnata su più fronti al fine di ottenere una proroga dell’entrata in vigore, fissata per oggi 1° luglio, del provvedimento sulla “Memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi”, ha emanato, lo scorso 29 giugno...
05/06/2019

DiaDay 2018: nella seconda edizione scoperti quasi 5.000 diabetici che non sapevano di esserlo. Oltre ai 130mila test effettuato anche il monitoraggio dell’aderenza alle terapie

“Grazie alle oltre 5.000 farmacie che nel novembre del 2018 si sono impegnate gratuitamente nella iniziativa di screening abbiamo scattato una fotografia del diabete in Italia. Abbiamo monitorato quasi 130.000 persone in pochi giorni, abbiamo permesso a quasi 5.000 soggetti...
31/05/2019

Comunicato congiunto FOFI, Federfarma, Assofarm, UTIFAR e SIFO

Proseguono secondo il programma i lavori del Tavolo sulla farmacia dei servizi, istituito dal Ministero della salute, che si è riunito nuovamente ieri mattina  a Roma. Come si ricorderà, scopo del Tavolo, al quale...
18/04/2019

Federfarma: non esiste alcuna vertenza tra le Regioni e Federfarma

E’ assolutamente fuorviante  quanto apparso oggi su alcune testate, secondo cui, a causa di una vertenza in corso tra Regioni e Federfarma, il ministro “Grillo si sarebbe rifiutata di avere un faccia a faccia con le società rappresentanti di Big Pharma”, evitando di partecipare giorni fa a un incontro con le multinazionali del farmaco....

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni