Edicola

Francesco Nigro, farmacista “eroe” senza più farmacia né casa

01/09/2016 00:27:40
Un servizio del Tg1 dai luoghi del sisma aveva definito la sua presenza «vitale» per la sopravvivenza del proprio paese. Lui è Francesco Nigro, farmacista titolare ad Accumoli senza farmacia né casa dalla notte tra il 23 e il 24 agosto: il terremoto che ha devastato il piccolo comune del reatino (il più colpito assieme ad Amatrice e Arquata del Tronto) gli ha portato via tutto. O meglio, tutto no: la vocazione che contraddistingue chi porta sul camice il caduceo, quella è rimasta; così come sono rimasti la dedizione e quel particolare spirito di servizio che contraddistingue il “farmacista di paese”. E così, passata quella notte di una settimana fa, Nigro continua a fare il suo lavoro giorno dopo giorno, in una farmacia senza mura che è grande quanto il suo paese e le 17 frazioni che lo compongono, girando a piedi o in macchina per cinque diversi campi di accoglienza, dove si sono distribuiti tutti i suoi pazienti.

Dottor Nigro, ci vuole raccontare la sua giornata tipo?
Semplice: recapito farmaci nei campi due volte al giorno, sulla base delle richieste che mi rivolgono i miei stessi compaesani, quando mi vedono in giro oppure chiamandomi al cellulare. Mi dicono quello di cui hanno bisogno e io lo porto, ma solo se si tratta di pazienti cronici con terapie già avviate o consolidate, cosa che vale per la maggioranza dei miei compaesani dato che si tratta in prevalenza di anziani. La sera del giorno prima preparo gli scatoloni con il materiale da distribuire la mattina dopo, a fine mattina mi organizzo per il giro del pomeriggio.

E tutti sanno che devono rivolgersi a lei?
Ci conosciamo tutti. Questa è la quotidianità del farmacista di paese. Sono qui da tre anni, da tempo ormai chiamo tutti per nome e tutti fanno lo stesso con me: niente “dottore”, solo “Francesco”. Ho stretto da tempo un rapporto molto solido con gli abitanti di Accumoli, e questo spiega perché dopo il terremoto ho voluto comunque rimanere qua: in tre anni ho ricevuto tanto, ora cerco di ricambiare.

E con le ricette, come vi siete organizzati?
Il medico di famiglia gira per i campi di accoglienza come me, prescrive ai pazienti oppure sono io a riferirgli le varie necessità. Ci si arrangia, le ricette sono scritte a mano e lui ha perso il computer con le cartelle cliniche degli assistiti.

Tra una decina di giorni dovrebbe arrivare la farmacia-container che le darà un riparo per lavorare. Smetterà di girare per campi?
La farmacia dovrebbe essere installata in una frazione sulla Salaria, distante dal paese che comunque è molto disperso. Continuerò a girare quindi, come peraltro già facevo prima del terremoto: ripeto, è la quotidianità del farmacista di paese, non stacchi mai veramente e quando abbassi la saracinesca non torni subito a casa ma fai un giro da chi ha bisogno di un farmaco e non si può muovere o ha necessità di qualche conforto. Ripeto, qui i rapporti umani sono un patrimonio inestimabile.

Dov’è sistemato adesso?
In una tenda, assieme ad altre sette persone. Si è subito creato un legame fortissimo. L’altro ieri ero andato a Rieti per un incontro di coordinamento, avevo deciso di fermarmi a dormire lì da amici. A tarda sera mi hanno chiamato tutti i compagni, perché non mi vedevano arrivare. In un momento difficile come quello che sto vivendo, queste sono le cose che ti danno la forza di andare avanti.

Ha detto che è titolare da poco tempo…
Sì, ho comprato la farmacia tre anni fa.

La famiglia?
E’ in Abruzzo: qua abitavo soltanto io, per poi tornare da loro nei week end. Meglio così, hanno evitato il terremoto.

E ora come vede il suo futuro? Resterà comunque qui?
Non voglio lasciare questo paese, come ho già detto mi ha dato tanto. Quanto al futuro non so che dire, per ora è un gigantesco punto interrogativo.

Intanto, oggi, il consiglio di presidenza di Federfarma varerà gli interventi della Federazione a sostegno dei farmacisti e delle popolazioni colpite. (AS)

Notizie correlate

30/08/2017

Terremoto, un anno dopo: i numeri e l’impegno di Federfarma

A un anno esatto dalla prima delle scosse che tra l’agosto e l’ottobre del 2016 hanno portato la devastazione in quattro regioni dell’Italia centrale (Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria), sono una ventina le farmacie del territorio che ancora non hanno...
07/04/2017

Decreto terremoto: benefici per comunità colpite

La norma del decreto terremoto che, nelle Regioni colpite dal sisma, autorizza le farmacie a dispensare i medicinali della diretta non rappresenta soltanto un intervento tangibile a favore delle comunità locali, ma servirà anche a dimostrare che il Ssn può far fare...
08/03/2017

Farmacie terremotate, emendamento per dpc “d’ufficio”

Nei comuni terremotati e nelle rispettive province, le farmacie del territorio provvederanno alla alle distribuzione per conto dei medicinali normalmente forniti in via diretta dalle Asl, nelle modalità e condizioni economiche previste dagli accordi regionali sulla dpc...
20/01/2017

Zone terremotate: farmacie aperte al servizio dei cittadini

Federfarma esprime grande solidarietà alle famiglie delle vittime di questo ennesimo terremoto e alle popolazioni colpite dal sisma che vivono situazioni drammatiche, peggiorate dal freddo intenso di questi giorni e dalla neve che ostacola i soccorsi. La Federazione è anche vicina ai tanti colleghi farmacisti che, pur tra mille difficoltà...
15/12/2016

Sisma, i piani di Federfarma per salvare le farmacie delle zone spopolate

Con la raccolta fondi che ha consentito di devolvere più di 192mila euro alle farmacie colpite dal doppio sisma del centro-Italia, Federfarma ha messo in campo un impegno encomiabile. Tuttavia, molti titolari di Umbria, Marche e Lazio continuano a soffrire per le conseguenze del sisma e hanno ancora bisogno di aiuto, non solo economico ma anche legislativo. E’ il quadro emerso...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni