Edicola

Iva al 22%, attenzione alla data delle fatture per dpc e servizi

01/10/2013 00:41:45
Scatta da domani, martedì 1 ottobre, l’aumento di un punto dell’aliquota Iva ordinaria, dal 21 al 22%. Il provvedimento interessa alcuni prodotti venduti in farmacia (cosmetici, parafarmaco eccetera) e la prestazione di servizi come la distribuzione per conto, non si applica invece ai farmaci e agli altri prodotti assoggettati alle aliquote ridotte del 4% e del 10%. Una particolare attenzione va riservata alle fatture riguardanti dpc e altri servizi erogati per la pubblica amministrazione: se emesse in data antecedente al 1 ottobre, le fatture continueranno a essere assoggettate all’Iva al 21%, anche in caso di pagamento successivo; se emesse da martedì, invece, le fatture dovranno riportare la nuova aliquota del 22%, anche se relative a prestazioni effettuate prima dell’inizio del mese. Eventuali richieste delle Asl perché su fatture emesse da martedì si continui ad applicare l’Iva al 21% - in quanto relative a prestazioni eseguite precedentemente – non potranno essere soddisfatte dalle farmacie.
Per quanto riguarda i prodotti, invece, ogni titolare di farmacia potrà decidere in piena autonomia se adeguare il prezzo al pubblico riversandoci sopra il punto Iva in più oppure lasciare i prezzi invariati e assorbire l’aumento. Si tratta di una scelta gestionale legata alle strategie commerciali dell’impresa, perché stiamo parlando di prodotti di libera vendita il cui prezzo è fissato dal singolo dettagliante. Nel caso il titolare optasse per l’aumento, non dovrà far altro che moltiplicare il vecchio prezzo per 1,0083, provvedendo ad aggiornare tutti i prezzi delle merci interessate comunque esposte nei locali di vendita. La Banca Dati Federfarma provvederà ad aggiornare le tabelle Iva senza modificare gli eventuali prezzi al pubblico consigliati dal produttore.
Sul tema Iva, infine, è utile rammentare che le farmacie liquidano generalmente l’Iva con il meccanismo della “ventilazione”: la registrazione dei corrispettivi per beni e prestazioni di servizio venduti senza emissione di fattura, in sostanza, viene effettuata senza distinzione per aliquote (4%, 10% e 22%), perché la ripartizione è poi calcolata in modo proporzionale alla distribuzione sulle tre fasce dei beni acquistati dalla farmacia nel mese o nel trimestre precedente per la rivendita (salvo conguaglio in sede di dichiarazione annuale).

Ultime notizie

16/07/2020

Dichiarazione Marco Cossolo, presidente Federfarma, su operazione Nas Bari

“Mi auguro che i farmacisti destinatari delle perquisizioni effettuate dai Carabinieri del NAS su incarico della Procura di Bari possano dimostrare la loro estraneità ai gravissimi fatti contestati. In caso contrario Federfarma, che condanna fermamente ogni comportamento illecito, è pronta a costituirsi parte civile negli eventuali processi che dovessero aprirsi nei confronti...
30/06/2020

Emendamento su distribuzione farmaci in farmacia. Federfarma: "Accolte istanze dei soggetti fragili e dei malati cronici"

Federfarma esprime massima soddisfazione per l’approvazione,  da parte della V Commissione Bilancio della Camera,  dell’emendamento  al cosiddetto Decreto Legge...
11/06/2020

Elezioni Federfarma e Sunifar: Cossolo confermato alla Presidenza di Federfarma, Petrosillo eletto Presidente Sunifar

Si sono svolte oggi - con ottimi risultati sia in termini di partecipazione dei delegati sia di funzionamento delle piattaforme utilizzate per le votazioni in forma telematica - le elezioni per il rinnovo dei vertici di Federfarma, la Federazione nazionale che rappresenta le farmacie private convenzionate con il SSN, e di Federfarma-Sunifar, che, all’interno...
01/06/2020

Dichiarazione del presidente Federfarma Marco Cossolo sull'audizione di Antonio Gaudioso in Commissione parlamentare

Federfarma accoglie con particolare favore le dichiarazioni del Segretario Generale di Cittadinanzattiva, Antonio Gaudioso, rese nel corso dell’audizione in Commissione parlamentare per la semplificazione nell’ambito dell’indagine conoscitiva sui servizi erogati dal Servizio Sanitario Nazionale...
01/06/2020

Dichiarazione del presidente Federfarma Marco Cossolo sull'acquisto del 70,77% del capitale di Farbanca da parte di Banca IFIS

Federfarma accoglie favorevolmente la comunicazione odierna sul completamento, con esito positivo, dell’acquisto del 70,77% del capitale di Farbanca  da parte di Banca IFIS. “L’avvenuta acquisizione di Farbanca da parte di Banca IFIS rappresenta sicuramente il viatico per la creazione, insieme a Credifarma, di un polo specializzato bancario del settore

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni