Edicola

Contraffazioni, Report Ue misura i danni arrecati a filiera del farmaco

01/10/2016 08:34:21
In Italia, le contraffazioni di medicinali e principi attivi causano ogni anno una perdita di quasi 1,6 milioni di euro al mercato legale del farmaco, che diventano più di 1,8 se si considerano anche le ricadute indirette. A patire i danni maggiori è ovviamente l’industria, ma dato che l’effetto principale delle falsificazioni è quello di sottrarre domanda e vendite ai canali regolari anche la farmacia patisce la sua quota di danni. Assieme all’intero sistema-paese, perché la contraffazione “ruba” allo Stivale circa quattromila posti di lavoro nel solo comparto farmaceutico e altri diecimila nell’indotto.

Numeri e stime arrivano dall’ultimo Report dell’Euipo, l’Ufficio Ue per la proprietà intellettuale, sul costo economico delle falsificazioni nel settore farmaceutico. La fotografia che ne emerge ritrae fedelmente il livello della minaccia rappresentata dal fenomeno: a causa della contraffazione, ogni anno viene perso in tutta Europa il 4,4% delle vendite, per un valore globale di 10,2 miliardi di euro. Poi ci sono le ricadute sui settori connessi (altri sette miliardi) e quindi la mancata occupazione: quasi 91mila posti di lavoro persi ogni anno. Per finire, ammontano a 1,7 miliardi di euro le entrate fiscali e tributarie che annualmente gli Stati Ue non riescono a riscuotere.

Poi ci sono gli effetti collaterali: nei Paesi del Vecchio continente, dove la farmacia rimane il canale di vendita più utilizzato, i contraffattori sono alla continua ricerca di brecce dalle quali immettere nella filiera i loro falsi. E il parallel trade può trasformarsi in una di queste brecce, come dimostra una delle due “case histories” riportate dallo studio dell’Euipo. Il palcoscenico è la Germania (punto di convergenza delle esportazioni parallele di mezza Europa, in virtù di una legge che incentiva la dispensazione in regime di rimborso di farmaci importati per ridurre la spesa pubblica) e l’anno è il 2014: in seguito alla segnalazione di una farmacia di Amburgo, il Bundesinstitut für Arzneimittel und Medizinprodukte (l’equivalente tedesco dell’Aifa) diffonde un avviso in cui invita i farmacisti a controllare con attenzione le giacenze di Sutent, un antitumorale della Pfizer importato da Orifarm, il principale “parallel trader” tedesco. Le verifiche portano al sequestro di una settantina di confezioni, provenienti da un fornitore romeno che viene subito inserito nella black list. Gli accertamenti, in particolare, rivelano che le confezioni romene contengono pillole di colore diverso dalle originali, prive del marchio Pfizer, e gli stessi flaconi hanno forma differente. Ulteriori indagini, poi, svelano che un anno prima pure un altro importatore tedesco, CCpharma, aveva acquistato Sutent dalla Romania e aveva poi sospeso gli ordini, come già aveva fatto con altri fornitori bulgari, ungheresi e polacchi. Ed è proprio per episodi di questo genere che dalla primavera scorsa l’Abda, l’associazione delle farmacie e dei farmacisti tedeschi, preme sul governo perché venga ridimensionata la legge sulle importazioni parallele. (AS)

Notizie correlate

10/04/2017

Ministero Salute oscura sito web per vendita illegale di farmaci. Apprezzamento di Federfarma

Federfarma esprime forte apprezzamento per il Ministero della Salute che, con un provvedimento d’urgenza, ha inibito l’accesso,  da parte degli utenti sul territorio italiano, ad un sito internet con dominio tedesco, sul quale si potevano comprare farmaci che in Italia sono sottoposti a obbligo di ricetta medica...
03/02/2017

Contraffazione, Federfarma in Commissione parlamentare d'inchiesta

Le farmacie e la filiera farmaceutica che sta a monte offrono le più ampie garanzie su sicurezza e affidabilità dei medicinali distribuiti al pubblico, per la severità delle norme e dei controlli che la caratterizzano. E’ quanto ha detto la presidente di Federfarma, Annarosa Racca, sentita ieri alla Camera dalla commissione parlamentare d’inchiesta...
05/08/2016

Furti di farmaci, riprendono i colpi negli ospedali

Lievita il sospetto che dopo una rapida tregua, agevolata anche da indagini e arresti, gli ospedali italiani siano tornati nel mirino dei ladri di farmaci ad alto costo. Invitano a tale ipotesi i colpi messi a segno negli ultimi quindici giorni in due strutture del Meridione...
19/02/2016

Contraffazione: a primavera campagna di educazione

Cambia nome, da Impact Italia a Task force nazionale antifalsificazioni, il gruppo di lavoro che dal 2007 coordina gli interventi di uffici e forze pubbliche per la lotta al contrabbando e alla contraffazione dei farmaci. Il battesimo è stato ufficializzato la...
19/06/2015

Contraffazione farmaci, premiato l’impegno delle istituzioni

“Ringraziamo le Istituzioni per l’impegno che dedicano alla lotta contro la contraffazione dei farmaci, un’attività malavitosa che supera ormai in fatturato quella della droga” dichiara Annarosa Racca, presidente di Federfarma, commentando l’operazione congiunta di Ministero della Salute, AIFA, Agenzia delle Dogane, Comando dei Carabinieri per la Tutela della salute - NAS che ha portato al sequestro di decine di migliaia di confezioni....

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni