Edicola

Di Iorio: ok di Bankitalia importante per Credifarma e per farmacie

03/01/2017 02:59:49
«Ora per Credifarma si aprono nuovi orizzonti: andranno definiti i nuovi prodotti da offrire ai farmacisti, dovremo allargare il parco delle farmacie clienti, ma a prescindere dalle scelte che verranno fatte la categoria sa ora di possedere una finanziaria solida e affidabile». Sono le parole con cui il presidente di Credifarma, Michele Di Iorio, torna sul via libera di Bankitalia all’iscrizione della società nell’albo dei mediatori finanziari, concesso venerdì scorso dal comitato di vigilanza di via Nazionale. Una decisione, avverte Di Iorio, che i titolari devono leggere anche come un segnale di fiducia nei confronti della categoria.

Presidente, ora che avete luce verde da Bankitalia che succede?
Per ora niente, non ci muoviamo fino a quando non abbiamo in mano il decreto del governatore Visco, che dovrebbe arrivare domani. Poi ci metteremo subito al lavoro: analisi e valutazioni verranno condotte entro la metà del mese, ed entro la stessa data chiariremo programmi e prospettive con i soci bancari, che dovranno sciogliere la riserva e decidere se partecipare alla ricapitalizzazione (per ora sottoscritta soltanto da Federfarma, ndr).

Ma per i farmacisti, in concreto, che cosa cambierà?
Grazie all’autorizzazione di Bankitalia, navigheranno in un mercato del credito nel quale Credifarma sarà presente a 360 gradi, non soltanto con l’anticipo delle dcr, come finora, ma anche con prodotti per il finanziamento d’impresa a medio-lungo periodo, solidi e garantiti proprio in virtù del via libera di Bankitalia. Su questo fronte sono convinto che i titolari debbano acquisire una nuova consapevolezza: il finanziamento in 5-7 anni è oggi l’unico vero strumento a loro disposizione per riscattare e rilanciare l’impresa farmacia, sotto il profilo economico e professionale.

Insomma l’ingresso nell’albo dei mediatori serve a Credifarma per ritrovare solidità anche a vantaggio dei farmacisti…
E’ da un anno che io e l’amministratore delegato della società, Marco Alessandrini, lavoriamo per questo traguardo. Il via libera della Banca d’Italia, infatti, arriva dopo verifiche attentissime sui bilanci e un’ispezione severa da parte dei tecnici di via Nazionale. Abbiamo affrontato e superato una sorta di esame che ricertifica l’affidabilità e la solidità di Credifarma, che ora può operare sul mercato con rinnovata fiducia. Ma questa è una vittoria anche del sindacato: quando si parla di credibilità della società, infatti, si parla di credibilità di Federfarma, una credibilità che il sindacato ha confermato con l’approvazione - a metà dicembre - della propria quota parte di ricapitalizzazione. Per me, è la conferma che l’unità sindacale resta un valore imprescindibile per la nostra categoria. (AS)

Notizie correlate

31/01/2018

Credifarma: accordo con Banca IFIS

“Gli accordi per il rilancio di Credifarma sottoscritti ieri da Federfarma con Banca IFIS permetteranno alla finanziaria di assicurare alle farmacie nuovi prodotti finanziari, mirati alle specifiche esigenze di ciascun titolare e capaci di dare un grande contributo alla sostenibilità e al potenziamento delle farmacie come anche allo sviluppo della rete delle reti...
28/04/2017

Credifarma, ok al bilancio 2016: conti di nuovo in utile

Credifarma si mette definitivamente alle spalle un triennio di bilanci dal segno meno e chiude il 2016 con un risultato operativo netto di 438mila euro. E’ quanto emerge dal bilancio consuntivo approvato ieri dall’Assembla degli azionisti della società...
21/02/2017

Credifarma, nel 2016 Mol di nuovo in utile per circa un milione di euro

Superano gli obiettivi di programma i risultati conseguiti nel 2016 da Credifarma, la finanziaria dei farmacisti partecipata da Federfarma, Bnl Gruppo Bnp-Paribas e Unicredit: il Margine operativo lordo (Mol), che nel 2015 evidenziava una perdita di 5,2 milioni di euro, risulta ora in attivo di quasi un milione...
31/12/2016

Ok di Bankitalia, Credifarma può operare nel mercato del credito

Banca d’Italia ha dato luce verde all’iscrizione di Credifarma nell’elenco dei mediatori finanziari ex articolo 106 del Tub, il Testo unico del comparto bancario. La notizia rimbalza direttamente dai vertici della società, partecipata al 66% da Federfarma...
16/12/2016

Credifarma, approvato dai soci l’aumento di capitale

Ottiene luce verde anche dai partner bancari la ricapitalizzazione di cui ha bisogno Credifarma per entrare nell’Albo dei mediatori finanziari e operare sul mercato del credito. E’ l’esito dell’assemblea dei soci convocata ieri a Roma per approvare...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni