Edicola

Carenze, dalla filiera nuovi inviti a limitare il parallel trade

03/04/2014 00:55:28
Il principio della libera circolazione delle merci non può venire prima della tutela della salute pubblica e del diritto dei cittadini europei all’assistenza farmaceutica. E’ l’appello che in tema di carenze Federfarma Servizi ha lanciato a Unione europea e Governo italiano, con due lettere indirizzate al vicepresidente della Commissione Ue, Antonio Tajani, e al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. Nelle due missive, firmate dal presidente Antonello Mirone, Federfarma Servizi lancia un attacco diretto al parallel trade (quale causa remota delle irreperibilità) e alle norme che lo tutelano: «Sebbene l’esportazione di farmaci sia una pratica del tutto legale» si legge nelle lettere «la libertà di commercio e di scambio da parte delle aziende all’interno dell’Ue non può essere considerata preminente rispetto alla necessaria garanzia di tutela della salute», in nome della quale è invece legittima «l’adozione di restrizioni o anche divieti alla circolazione delle merci». Un intervento di questo genere limitato al solo comparto farmaceutico, è quindi il parere di Mirone, «rappresenterebbe un’occasione importantissima per restituire al farmaco, al bisogno di cure, all’esigenza di salute e al ruolo sanitario che la filiera farmaceutica svolge, quel carattere speciale che di fatto contraddistingue il nostro settore». L’intervento di Federfarma Servizi, che nelle missive chiede ai due destinatari anche l’opportunità di un incontro, mira dunque a richiamare l’attenzione sulle ultime “degenerazioni” del fenomeno carenze. «Da quanto ci risulta» spiega Mirone a Filodiretto «ormai la reperibilità di determinati farmaci sta diventando terreno di competizione commerciale tra distributori».
Anche Federfarma intanto continua a tenere i riflettori puntati sul fenomeno. In una circolare distribuita ieri, il sindacato ha esortato le rappresentanze territoriali a premere sulle Regioni perché si organizzano per avviare quelle «attività di riscontro e controllo» loro demandate dal decreto anticontraffazioni. In tal senso, prosegue la circolare, potrebbe essere opportuno concordare con la parte pubblica le modalità per l’invio delle segnalazioni dalle farmacie (su specifici episodi di carenza), dalle informazioni da riportare alla modulistica utilizzabile. In ogni caso, conclude Federfarma «la nuova procedura di segnalazione non ha modificato l’articolo 105, comma 4, del decreto 219/2006», che può essere sempre utilizzato dai farmacisti per imporre al produttore la consegna diretta del prodotto irreperibile entro 48 ore. (AS)

Notizie correlate

28/12/2017

Protocollo carenze, Tar Lazio respinge ricorso

Il Protocollo sulle carenze firmato nel settembre 2016 da ministero della Salute, Aifa e filiera del farmaco non ha il valore di un provvedimento amministrativo e dunque non può essere impugnato. E’ quanto afferma la sentenza con la quale il Tar Lazio ha dichiarato...
18/03/2017

Sostanze irreperibili della tabella 2, Federfarma fa il punto

Causa carenze e interruzioni nella produzione, le farmacie del territorio stanno incontrando difficoltà ad assicurare la disponibilità di alcune delle sostanze obbligatorie elencate dalla tabella 2 della Farmacopea ufficiale. E’ il caso, in particolare, dell’ampicillina...
04/03/2017

Farmacisti-grossisti, Di Giorgio (Aifa): si va nel giusto verso

«Ognuno difende il proprio business ed è comprensibile che sia così, ma prima viene la tutela della salute e dunque la continuità della tracciatura del farmaco nel circuito distributivo». Sono le parole con cui Domenico Di Giorgio, direttore dell’Ufficio qualità e contraffazione dell’Aifa, tira un bilancio della riunione tenuta lunedì scorso dal Tavolo sulle carenze...
01/03/2017

Al tavolo carenze chiarimento serrato tra Aifa e farmacisti-grossisti

Sull’insovrapponibilità tra vendita al dettaglio e distribuzione all’ingrosso di farmaci, così come enunciata dal parere del ministero della Salute del 2 ottobre 2015, Aifa e filiera del farmaco non sono disponibili a fare passi indietro...
07/10/2016

Protocollo carenze, dopo Lazio e Lombardia firma anche il Friuli

Dopo quelle di Lazio e Lombardia, spunta anche la firma del Friuli Venezia Giulia in calce al protocollo sulle carenze firmato il 13 settembre da ministero della Salute, Aifa e filiera del farmaco. Lo sancisce la delibera approvata dalla Giunta regionale venerdì scorso...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni