Edicola

Racca al Senato: rimuovere età pensionabile

03/07/2014 02:48:57
Va soppressa perché «pesantemente vessatoria» la norma che obbliga il titolare di farmacia a nominare un direttore al raggiungimento dell’età pensionabile. E’ quanto ha affermato ieri la presidente nazionale di Federfarma, Annarosa Racca, nell’audizione davanti alla commissione Igiene e sanità del Senato sul ddl Lorenzin, attualmente all’esame del gruppo di lavoro. «Tale obbligo» ha ricordato la presidente «deriva dall’articolo 11, comma 17, della legge 27/2012 (l’ex decreto “cresci-Italia”, ndr) ma contrasta con la generale tendenza a prolungare l’età lavorativa e finirà soltanto per comportare costi aggiuntivi a carico delle farmacie».
Le considerazioni sono state espresse a margine dei commenti positivi rivolti all’articolo 8, comma 2, del ddl Lorenzin (riguardante «deleghe al governo in materia di sperimentazione clinica dei medicinali, enti vigilati dal ministero della Salute, sicurezza degli alimenti, riordino delle professioni sanitarie»): il disegno di legge consente la sostituzione temporanea del direttore di farmacia anche in caso di raggiungimento del limite di età pensionabile, autorizzando al contempo le società di gestione a individuare il sostituto anche tra i farmacisti non soci. Per la presidente Racca (in Senato assieme al segretario nazionale, Alfonso Misasi, e al presidente del Sunifar Alfredo Orlandi) il comma riprende disposizioni già emanate in passato dal Ministero, «tuttavia il problema è a monte ed è rappresentato dalla previsione di un limite di età nella direzione della farmacia, limite del tutto irragionevole e incomprensibile».
Nessuna obiezione anche alle norme del ddl che cancellano i vecchi divieti del Tuls (articolo 102) al cumulo delle professioni: «La disposizione» ha ricordato Racca «è finalizzata a favorire la concreta attuazione della farmacia dei servizi, a proposito della quale Federfarma ha recentemente presentato un nuovo progetto di sviluppo». Infine, la presidente ha invitato la Commissione ad approfittare del ddl per eliminare gli ostacoli all’attività galenica causati dal divieto dello sconfezionamento dei medicinali. «Consentire al farmacista, in casi del tutto particolari, di reperire la materia prima ricorrendo allo sconfezionamento» è la tesi del sindacato «risolverebbe i problemi legati alla difficile acquisizione di talune materie prime e permetterebbe l’allestimento di medicinali in forme e dosaggi non reperibili come specialità». (AS)

Ultime notizie

01/06/2020

Dichiarazione del presidente Federfarma Marco Cossolo sull'audizione di Antonio Gaudioso in Commissione parlamentare

Federfarma accoglie con particolare favore le dichiarazioni del Segretario Generale di Cittadinanzattiva, Antonio Gaudioso, rese nel corso dell’audizione in Commissione parlamentare per la semplificazione nell’ambito dell’indagine conoscitiva sui servizi erogati dal Servizio Sanitario Nazionale...
01/06/2020

Dichiarazione del presidente Federfarma Marco Cossolo sull'acquisto del 70,77% del capitale di Farbanca da parte di Banca IFIS

Federfarma accoglie favorevolmente la comunicazione odierna sul completamento, con esito positivo, dell’acquisto del 70,77% del capitale di Farbanca  da parte di Banca IFIS. “L’avvenuta acquisizione di Farbanca da parte di Banca IFIS rappresenta sicuramente il viatico per la creazione, insieme a Credifarma, di un polo specializzato bancario del settore
28/05/2020

Collaborazione farmacie con medici famiglia e pediatri per l’aumento delle coperture vaccinali

Per corrispondere alle primarie esigenze di tutela della salute della popolazione, Federfarma ritiene imprescindibile stabilire le necessarie interazioni con i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta per individuare quei percorsi condivisi che - a similitudine di quanto avviene in altri Paesi dell'Unione europea - porti alla promozione e all'esecuzione di campagne vaccinali antinfluenzali nelle farmacie...
27/05/2020

Dichiarazione Marco Cossolo, presidente Federfarma. Cordoglio per la scomparsa di un altro farmacista, Paolo Ferraro, vittima del coronavirus

“Con la scomparsa di Paolo Ferraro, 70 anni,  titolare di farmacia rurale a Villa Latina (FR), si allunga purtroppo l’elenco dei colleghi rimasti vittime del COVID-19 nell’espletamento del proprio dovere. Paolo Ferraro ha combattuto la malattia, in rianimazione per un mese,  e la sua morte è un  grande dolore per tutti noi” afferma il presidente di Federfarma, Marco Cossolo...
25/05/2020

Dichiarazione del presidente Marco Cossolo

“Accolgo con vera soddisfazione le dichiarazioni odierne del Commissario Arcuri che ringrazio per aver  esplicitamente riservato ai farmacisti e al personale medico le prime forniture di mascherine prodotte dalla filiera italiana. L’iniziativa attesta, ancora una volta, il riconoscimento delle Istituzioni per il fondamentale ruolo svolto dalla farmacia italiana nel contesto emergenziale....

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni