Edicola

Corte Ue conferma per l’ennesima volta fascia C in farmacia

03/07/2015 07:37:49
Sono «irricevibili» le questioni poste dal Tar Sicilia nella domanda di pronuncia pregiudiziale sulla compatibilità dei Trattati europei con le norme nazionali che vietano la vendita dei farmaci con ricetta al di fuori della farmacia. E’ quanto recita la sentenza emanata ieri dalla Corte di giustizia Ue sull’ultima delle cause aperte quattro anni fa dai titolari di parafarmacia per avere la fascia C.

Il procedimento è quello aperto nel 2011 a Catania da Davide Gullotta, oggi presidente della Fnpi (Federazione nazionale parafarmacie italiane) e propritario di diverse parafarmacie. I giudici del Tar – davanti ai quali il farmacista aveva presentato ricorso contro Asl e ministero della Salute – si erano rivolti ai colleghi europei perché valutassero se le norme italiane che vietano la vendita dei famaci di fascia C in esercizi diversi dalla farmacia non violassero le disposizioni del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea (Tfue) e della Carta dei diritti fondamentali dell’Ue.

Come si ricorderà, nel dicembre 2013 la Corte di giustizia si era già espressa sulla questione in seguito a una doppia domanda di pronuncia pregiudiziale proveniente dal Tar Lombardia. Dopo quell’intervento, i giudici europei chiesero al Tribunale amministrativo catanese se le indicazioni fornite nell’occasione bastassero a dare risposta anche ai loro quesiti (con un velato invito a rispondere affermativamente), ma il Tar siciliano preferì riconfermare due delle tre questioni poste originariamente.

L’esito è che nella sentenza di ieri la Corte Ue “bacchetta” più volte il Tar di Catania. I suoi quesiti, dicono i magistrati europei confermando le conclusioni espresse a marzo dall’avvocatura generale, sono irricevibili perché nel suo rinvio il giudice nazionale non ha fornito alcuna spiegazione «circa i motivi per i quali ritiene che le norme legislative in discussione non siano compatibili» con il diritto dell’Unione. Ma la Corte Ue si permette anche qualche valutazione di merito: «secondo una giurisprudenza costante» si legge infatti nella sentenza, leggi nazionali che «concedono alle farmacie diritti speciali o esclusivi» non sono per questo solo fatto incompatibili con il Tfue. Lo diventano soltanto quando si determina un «abuso di posizione dominante», evenienza però alla quale il Tar siciliano non fa alcun riferimento.

«Con questa sentenza» commenta a Filodiretto Massimo Luciani, docente di diritto costituzionale alla Sapienza di Roma e consulente legale di Federfarma «la Corte di giustizia conferma la piena armonia con il diritto Ue del regime di riserva italiano. La riserva, in particolare, è coerente con il principio della programmazione, in base al quale le farmacie devono essere “ripartite in modo equilibrato” per “colmare eventuali lacune nell’accesso alle prestazioni sanitarie”». Non solo: «Consentire la dispensazione dei farmaci di fascia C fuori dalle farmacie, dice la Corte, consentirebbe “una concentrazione di parafarmacie nelle località considerate più redditizie, e quindi più attraenti, con il rischio per le farmacie di vedere diminuire la propria clientela e, di conseguenza, essere private di una parte significativa dei loro introiti, tanto più che le farmacie sono soggette ad una serie di obblighi specifici riguardo alle modalità di gestione della loro attività commerciale”». (AS)

Notizie correlate

03/03/2016

Ddl concorrenza, non passano gli emendamenti sulla fascia C

Sono stati tutti bocciati gli emendamenti al ddl concorrenza su fascia C e farmacia non convenzionata. E’ l’esito della seduta con cui ieri sera la commissione Industria del Senato ha passato al vaglio le proposte di modifica all’articolo 48 del disegno di legge...
17/11/2015

Dal Tar Veneto altra sentenza che legittima sistema farmacia

Autorizzare la commercializzazione dei farmaci con ricetta negli esercizi di vicinato, senza riguardi per la Pianta organica delle farmacie, avrebbe «ripercussioni negative sull’effettività dell’intero sistema di pianificazione delle sedi e quindi sulla sua stabilità»...
16/10/2015

Racca: su fascia C politica ha ormai capito le ragioni della farmacia

«Finalmente la politica dimostra di aver capito meccanismi e peculiarità del sistema farmacia e della distribuzione del farmaco». C’è soddisfazione nelle parole con cui Annarosa Racca, presidente nazionale di Federfarma, tira un bilancio degli interventi di Federico Gelli...
07/10/2015

La fascia C resta in farmacia, respinti tutti gli emendamenti

La Camera dice no all’uscita dei farmaci con ricetta dalla farmacia. E’ l’esito della seduta con cui ieri Montecitorio ha completato l’esame degli emendamenti al ddl concorrenza, che oggi torna in aula per il voto finale...
06/10/2015

La ricetta rimane in farmacia: la Camera salvaguarda il servizio farmaceutico

Federfarma esprime apprezzamento per l’esito dell’esame dell’articolo 32 del DDL concorrenza da parte dell’Aula della Camera che ha respinto con ampia maggioranza tutti gli emendamenti finalizzati a consentire la vendita dei farmaci C con obbligo di ricetta in esercizi diversi dalla farmacia....

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni