Edicola

L’assemblea fissa la linea: cambiare la norma sul capitale

04/03/2015 00:30:00
Federfarma accompagnerà il ddl concorrenza nel suo iter legislativo con l’obiettivo di denunciare alle forze politiche i rischi che l’ingresso del capitale nella titolarità arreca alla tutela della salute pubblica. E per aggiungere paletti e incompatibilità diretti a salvaguardare indipendenza e professionalità del Servizio, in analogia a quanto avviene in diversi Paesi europei. E’ il mandato che l’assemblea nazionale del sindacato, riunita ieri a Roma in seduta straordinaria, ha affidato al Consiglio di presidenza al termine di un confronto acceso ma ordinato, che alla fine ha visto prevalere i fautori di una linea realista e pragmatica.

Questo d’altronde era l’orientamento sostenuto dalla presidente di Federfarma, Annarosa Racca. Che nella relazione con cui ha aperto la seduta ha tracciato perimetri e tempi della questione: «L’iter del ddl prenderà diversi mesi» ha spiegato all’assemblea «vuol dire dunque che c’è tempo per lavorare, tanto con la politica quanto all’interno della categoria». Sul fronte parlamentare, ha continuato la presidente, l’obiettivo dovrà essere quello di «introdurre correttivi e paletti che tutelino la professione. Stiamo studiando le regole che altri Paesi europei si sono date (vedi articolo successivo, ndr), avvieremo un fitto calendario di incontri con le forze politiche per portare a casa quanto di meglio sia possibile per le nostre farmacie».

E poi c’è il fronte interno. Dove, ha detto la presidente, «dovremo lavorare fin da subito per preparare le farmacie al nuovo scenario». In particolare, andrà messa in campo una progettualità orientata al rafforzamento della farmacia indipendente, grazie anche a sinergie con la filiera e con le cooperative dei farmacisti. Ma andrà avviata anche una riflessione sulle eventuali modifiche da apportare allo statuto del sindacato, a partire ovviamente dalle regole della rappresentatività.

Le preoccupazioni sul capitale, in ogni caso, non hanno impedito all’assemblea di apprezzare il lavoro svolto dal sindacato per rimuovere dal ddl concorrenza la doppia deregulation della Pianta organica e della fascia C. «Fosse passata» ha detto nel suo intervento Marco Cossolo, presidente del Consiglio delle Regioni «sarebbe stato molto peggio». «E’ stata vincente» ha rimarcato Alfredo Orlandi, presidente del Sunifar «il principio che senza regole non ci sono capillarità della rete e farmacie rurali e senza farmacie rurali sono a rischio le fasce più deboli della popolazione». «Fermare la liberalizzazione della fascia C e della Pianta organica» ha ripreso Racca «è un risultato importante che abbiamo raggiunto tutti assieme, Federfarma nazionale e rappresentanze territoriali, con un lavoro di comunicazione intenso e costante. Abbiamo parlato tutti lo stesso linguaggio e siamo riusciti a far passare i giusti messaggi. Bravi tutti». L’imperativo ora è replicare non appena il ddl concorrenza arriverà alle Camere. (AS)

Notizie correlate

07/12/2018

Proprietà farmacie: essenziale prevedere maggioranza farmacisti nella compagine sociale

Federfarma condivide pienamente le ragioni espresse dal ministro della Salute Giulia Grillo in favore di una norma che garantisca che nelle società di capitali proprietarie di farmacie il 51% della compagine sociale sia costituito da farmacisti iscritti all’Albo. Questo indipendentemente da dinamiche politiche estranee al sindacato...
05/12/2018

Positivo l’obbligo di maggioranza di farmacisti nelle società di capitale proprietarie di farmacie

“Apprendo con soddisfazione l’approvazione dell’emendamento firmato dall’onorevole  Giorgio Trizzino (M5S)  nel quale si stabilisce che, nelle società di capitali proprietarie di farmacie, i soci, rappresentanti almeno il 51% del capitale sociale e dei diritti di voto, devono essere farmacisti iscritti all’albo”. Lo afferma il presidente di Federfarma, Marco Cossolo...
04/08/2017

Pagliacci (Sunifar): in rete contro il capitale, ma a pari condizioni

L’arrivo del capitale preoccupa le farmacie rurali quanto quelle urbane, ma l’abitudine alle avversità e a lavorare in un contesto di “frontiera” le aiuterà ad affrontare con successo anche questa sfida. Sono le parole con cui la presidente del Sunifar...
16/09/2016

Ddl concorrenza: pubblicati gli emendamenti, in aula a fine mese

Sono più di settanta gli emendamenti al ddl concorrenza che puntano all’articolo (era il 48, ora è il 58) su capitale e titolarità delle farmacie. E’ il conteggio che emerge da una prima lettura del fascicolo con le oltre 700 proposte di modifica al disegno di legge...
20/01/2016

Ddl concorrenza, per Igiene e sanità paletti al capitale da rafforzare

I paletti con cui l’articolo 48 circoscrive la presenza del capitale nella titolarità delle farmacie vanno allargati e rafforzati. E a proposito di liberalizzazione degli orari e dei turni, all’articolo 49, sarebbe opportuno verificare «che l'obiettivo di incrementare i servizi all'utenza attraverso disposizioni di questo tipo sia effettivamente perseguibile»...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni