Edicola

Inefficienze Asl, per Corte dei conti inadeguati controlli su farmaci

05/05/2015 00:40:14
Quando c’è da tagliare, la Sanità non se la prenda con la spesa farmaceutica convenzionata. E’ il commento che trabocca spontaneo davanti all’ultima storia di malagestione proveniente dall’Asl Napoli 1, la più grande azienda sanitaria d’Europa. E anche la più disastrata, visto che si trova in Piano di rientro dal 2007. A raccontarla la relazione con cui la Corte dei conti della Campania fa il punto sulle contromisure adottate dall’azienda sanitaria dopo i rilievi avanzati stessa dalla Corte nell’ottobre scorso. Pubblicato sabato scorso dal Sole 24 Ore, il documento propone così una vera e propria galleria di “orrori” contabili e finanziari, tra i quali pagamenti per 560 milioni di euro a fornitori non meglio specificati, 31 milioni di doppi rimborsi (cioè forniture pagate due volte) e circa 117 milioni di perdite soltanto nell’esercizio 2012.

Ma la magistratura contabile punta il dito anche su acquisti e gestione del farmaco. E dalla relazione, emergono parecchie ombre sull’organizzazione del servizio nelle strutture dell’azienda. Per cominciare, la Corte nota l’assenza di «procedure di controllo interno idonee ad accertare che nell’inventario di magazzino» siano caricati dati «esenti da errori significativi», così come la «carenza di opportune verifiche sui conti dei diversi soggetti (quali farmacie ospedaliere, reparti, magazzini, sedi), che gestiscono i beni dell’azienda». In seconda battuta, i giudici osservano la mancanza di una «gestione unitaria» della spesa e dei consumi per «esigenze di monitoraggio»: il ruolo del responsabile di farmacia ospedaliera, è quindi il consiglio, «non dovrebbe essere limitato alla fase che va dall’ingresso dei beni nella farmacia alla consegna ai reparti» ma andrebbe esteso «all’intero processo, ricomprese le fasi di pertinenza dei singoli reparti».

Carente, a leggere la relazione, anche il sistema di controlli che vigila «sull’operato del coordinatore infermieristico, individuandone le imprescindibili azioni di indirizzo per il contenimento della spesa del reparto, che presuppongono la piena e costante conoscenza dei relativi consumi». A loro volta, ruolo e responsabilità di tali coordinatori dovrebbero abbracciare l’intera fase «che va dall’acquisizione dei beni in reparto alla somministrazione ai pazienti e alla rilevazione delle giacenze», in modo che siano sempre consapevoli della «consistenza» della scorta di reparto.

Dal dossier della Corte dei conti emerge in sintesi un sistema di gestione degli acquisti e dei consumi (di medicinali e non solo) a dir poco carente. E se quello dell’Asl partenopea è un caso di malagestione “cronica”, c’è il forte sospetto che gli stessi appunti potrebbero essere mossi a parecchie altre aziende sanitarie, non solo della Campania. Inefficienze da combattere per recuperare risorse, in conclusione, ce ne sono. Ma quando c’è da riscuotere in fretta, il bancomat più comodo è sempre la spesa convenzionata. (AS)

Ultime notizie

28/05/2020

Collaborazione farmacie con medici famiglia e pediatri per l’aumento delle coperture vaccinali

Per corrispondere alle primarie esigenze di tutela della salute della popolazione, Federfarma ritiene imprescindibile stabilire le necessarie interazioni con i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta per individuare quei percorsi condivisi che - a similitudine di quanto avviene in altri Paesi dell'Unione europea - porti alla promozione e all'esecuzione di campagne vaccinali antinfluenzali nelle farmacie...
27/05/2020

Dichiarazione Marco Cossolo, presidente Federfarma. Cordoglio per la scomparsa di un altro farmacista, Paolo Ferraro, vittima del coronavirus

“Con la scomparsa di Paolo Ferraro, 70 anni,  titolare di farmacia rurale a Villa Latina (FR), si allunga purtroppo l’elenco dei colleghi rimasti vittime del COVID-19 nell’espletamento del proprio dovere. Paolo Ferraro ha combattuto la malattia, in rianimazione per un mese,  e la sua morte è un  grande dolore per tutti noi” afferma il presidente di Federfarma, Marco Cossolo...
25/05/2020

Dichiarazione del presidente Marco Cossolo

“Accolgo con vera soddisfazione le dichiarazioni odierne del Commissario Arcuri che ringrazio per aver  esplicitamente riservato ai farmacisti e al personale medico le prime forniture di mascherine prodotte dalla filiera italiana. L’iniziativa attesta, ancora una volta, il riconoscimento delle Istituzioni per il fondamentale ruolo svolto dalla farmacia italiana nel contesto emergenziale....
22/05/2020

Spesa farmaceutica: vizi antichi impongono interventi moderni

FEDERFARMA interviene sull’ultimo monitoraggio dell’AIFA relativo alla spesa farmaceutica 2019 per evidenziare con forza l’urgente necessità di strutturare nuovi modelli per rimediare a mali antichi.
I dati sono ancora una volta inequivocabili.
Mentre per lo scorso anno  la spesa farmaceutica per acquisti diretti ha fatto registrare uno scostamento assoluto di oltre...
07/05/2020

Mascherine: necessario fare chiarezza

Federfarma ritiene necessario fare chiarezza in tema di mascherine chirurgiche, tanto più in queste ore in cui il Paese inizia a ripartire, con la Fase 2, e il loro uso è essenziale, insieme al  distanziamento fisico e al lavaggio accurato delle mani, per evitare di ritrovarsi tra qualche settimana costretti a una nuova quarantena....

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni