Edicola

Parallel trade,le istruzioni alle Federfarma locali per la “tolleranza zero”

05/07/2013 10:30:45
Per cominciare va controllato che la farmacia disponga dell’autorizzazione alla distribuzione all’ingrosso. Poi c’è da verificare la presenza di locali, installazioni e attrezzature idonee, così come la disponibilità di mezzi di trasporto coibentati, per assicurare la corretta conservazione dei farmaci e il recapito entro le 12 ore. Quindi il personale, che dev’essere in numero adeguato, formato secondo le regole e diretto da un responsabile laureato in farmacia, chimica o Ctf. E per chiudere le disponibilità: dev’esserci almeno il 90% dei medicinali autorizzati e rimborsati dal Ssn, degli omeopatici e dei generici. E vanno garantiti i medicinali di cui alla tabella 2 della Farmacopea ufficiale, nella quale rientrano anche gli stupefacenti.
Eccole le istruzioni che Federfarma ha diramato oggi alle rappresentanze territoriali nell’ambito dell’operazione “tolleranza zero”, la campagna di dissuasione verso le farmacie che fanno parallel trade senza le carte in regola. Le indicazioni ricalcano quanto già condiviso dall’assemblea generale del sindacato di giovedì scorso: in quelle Regioni dove le autorizzazioni alla distribuzione all’ingrosso dei medicinali sono sottoposte alla valutazione di commissioni in cui siedono delegati territoriali di Federfarma, questi ultimi dovranno «verificare con severità e rigore il possesso dei requisiti richiesti dalle norme vigenti, sia alla presentazione della richiesta sia alle successive verifiche periodiche»; nelle Regioni in cui, invece, le commissioni sono prive di rappresentanti del sindacato, le Federfarma territoriali dovranno farsi parte attiva nei confronti dell’amministrazione per ottenere «maggiore severità» nelle valutazioni «e, in prospettiva, ottenere l’inserimento di un farmacista in tali gruppi di lavoro.
Ma quali sono i requisiti che le rappresentanze territoriali dovranno mettere sotto la lente per misurare la reale propensione dei titolari a fare distribuzione intermedia anziché semplice esportazione parallela? In risposta Federfarma ha predisposto un sintetico prospetto degli adempimenti che il d.lgs 219/2006 pone a carico dei grossisti.

1. Per ottenere l’autorizzazione è necessario disporre di: locali idonei (tenuto conto dei quantitativi in deposito e delle diverse temperature di conservazione); installazioni idonee; attrezzature tali da garantire una buona conservazione e una buona distribuzione dei medicinali; adeguato personale (ossia adeguatamente addestrato mantenendo documentazione di tale addestramento); una persona responsabile laureata in farmacia, o chimica o Cft che non abbia riportato condanne penali per reati contro il patrimonio o connessi al commercio di medicinali.

2. Il titolare dell’autorizzazione deve: fornire medicinali solo a persone, società o enti che possiedono l’autorizzazione alla distribuzione all’ingrosso o sono autorizzati ad altro titolo ad approvvigionarsene; documentare per ogni operazione di entrata e uscita data, denominazione del medicinale, quantitativo ricevuto o fornito, numero di lotto per ogni operazione di entrata; assolvere tutti gli adempimenti connessi al sistema di tracciatura dei medicinali di cui al Dm 15 luglio 2004; avvalersi, in fase di approvvigionamento e di distribuzione, di mezzi idonei (coibentati) a garantire la corretta conservazione dei farmaci durante il trasporto, nell’osservanza delle norme tecniche eventualmente adottate dal Ministero della Salute; rispettare i principi e le linee guida in materia di buona pratica di distribuzione dei medicinali di cui al Decreto del Ministero della Sanità 6 luglio 1999.

3. Il distributore deve detenere almeno: i medicinali di cui alla Tabella 2 della Farmacopea Ufficiale (tra i quali rientrano anche gli stupefacenti); il 90% dei medicinali in possesso di Aic (tranne quelli non rimborsati); il 90 % dei medicinali omeopatici autorizzati ai sensi dell’art. 18 del D.Lgs 219/06; il 90% dei medicinali generici; fornire alle farmacie, anche ospedaliere o agli altri soggetti autorizzati a fornire al pubblico i medicinali, i medicinali di cui il grossista è provvisto con la massima sollecitudine e, comunque, entro le 12 ore lavorative successive alla richiesta

Ma la strategia dissuasiva di Federfarma non si ferma soltanto alla “tolleranza zero”. Nei giorni scorsi, infatti, il sindacato ha anche ottenuto dal ministero della Salute l’impegno a prendere in esame il problema delle carenze e la causalità del parallel trade, per valutare gli spazi di intervento e le misure eventualmente adottabili. «La farmacia» ricorda il sindacato nella circolare che accompagna le istruzioni alle Federfarma locali «sta cercando di riappropriarsi della dispensazione di tutte le tipologie di medicinali. Va impedito che il fenomeno delle carenze possa mettere in crisi proprio ora il rapporto tra cittadino e farmacista». (AS)

Ultime notizie

09/07/2019

Maratona Patto per la Salute: le proposte di Federfarma

Nuova remunerazione, nuova convenzione e definizione del ruolo della farmacia nella gestione del paziente cronico, in sinergia con gli altri operatori sanitari del territorio, a partire dai medici di medicina generale, sono elementi essenziali affinché la farmacia possa contribuire alla sostenibilità del sistema e al miglioramento del livello di assistenza garantito ai cittadini....
01/07/2019

Trasmissione telematica corrispettivi elettronici in vigore da oggi. Periodo transitorio senza applicazione di sanzioni

L’Agenzia delle Entrate, facendo seguito alla richiesta di Federfarma al Ministro dell’Economia e delle Finanze Giovanni Tria  e a conclusione di un lungo quanto impegnativo iter che ha visto la Federazione impegnata su più fronti al fine di ottenere una proroga dell’entrata in vigore, fissata per oggi 1° luglio, del provvedimento sulla “Memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi”, ha emanato, lo scorso 29 giugno...
05/06/2019

DiaDay 2018: nella seconda edizione scoperti quasi 5.000 diabetici che non sapevano di esserlo. Oltre ai 130mila test effettuato anche il monitoraggio dell’aderenza alle terapie

“Grazie alle oltre 5.000 farmacie che nel novembre del 2018 si sono impegnate gratuitamente nella iniziativa di screening abbiamo scattato una fotografia del diabete in Italia. Abbiamo monitorato quasi 130.000 persone in pochi giorni, abbiamo permesso a quasi 5.000 soggetti...
31/05/2019

Comunicato congiunto FOFI, Federfarma, Assofarm, UTIFAR e SIFO

Proseguono secondo il programma i lavori del Tavolo sulla farmacia dei servizi, istituito dal Ministero della salute, che si è riunito nuovamente ieri mattina  a Roma. Come si ricorderà, scopo del Tavolo, al quale...
18/04/2019

Federfarma: non esiste alcuna vertenza tra le Regioni e Federfarma

E’ assolutamente fuorviante  quanto apparso oggi su alcune testate, secondo cui, a causa di una vertenza in corso tra Regioni e Federfarma, il ministro “Grillo si sarebbe rifiutata di avere un faccia a faccia con le società rappresentanti di Big Pharma”, evitando di partecipare giorni fa a un incontro con le multinazionali del farmaco....

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni