Edicola

Fascia C, per la Corte Ue è motivata l'esclusiva alle farmacie

05/12/2013 23:16:34
Le norme nazionali che riservano alle farmacie la distribuzione dei farmaci con obbligo di ricetta «persegue l’obiettivo di garantire alla popolazione un rifornimento di medicinali sicuro e di qualità, il quale rientra nell’obiettivo più generale di tutela della salute». E’ uno dei passaggi cruciali della sentenza con cui stamattina la Corte di giustizia europea si è espressa sulla liberalizzazione della fascia C in seguito alle due richieste di pronuncia pregiudiziale avanzate più di un anno fa dal Tar Lombardia. Il dispositivo, in sostanza, accoglie integralmente le conclusioni presentate il 5 settembre dall’avvocato generale Niels Wahl: la distribuzione delle farmacie sul territorio è pianificato attraverso lo strumento della Pianta organica, che «può rivelarsi indispensabile per colmare eventuali lacune nell’accesso alle prestazioni». Gli esercizi di vicinato, invece, non sono soggetti a pianificazione e in caso di liberalizzazione della fascia C si concentrerebbero nelle località più redditizie e attraenti, mentre le farmacie vedrebbero diminuita la propria clientela «e, di conseguenza, una parte significativa dei loro introiti».
Per la Corte europea – così come per l’avvocato Wahl – la questione della sostenibilità economica è centrale: la perdita di reddito arrecata alle farmacie dalla liberalizzazione della fascia C, infatti, «potrebbe causare non soltanto una diminuzione della qualità del servizio», ma anche «la chiusura definitiva» di alcuni presidi, da cui «una penuria di farmacie in determinate parti del territorio e, pertanto, un approvvigionamento inadeguato di medicinali quanto a sicurezza e qualità». Se ne deduce, concludono i giudici, che un’eventuale liberalizzazione della fascia C «avrebbe ripercussioni negative sull’effettività dell’intero sistema di pianificazione delle farmacie e quindi sulla sua stabilità». In altri termini, l’esclusiva sull’etico non rimborsato è funzionale «all’obiettivo di assicurare un rifornimento di medicinali alla popolazione sicuro e di qualità» e quindi «alla tutela della salute»; il fatto che la liberalizzazione riguarderebbe soltanto farmaci pagati interamente dal cittadino «non può ridurre la portata di un rischio simile».
Soddisfazione per la sentenza da parte dei titolari: «I giudici europei hanno accolto integralmente le argomentazione del Governo italiano e di Federfarma» commenta la presidente del sindacato, Annarosa Racca « anche l’Unione riconosce che la Pianta organica serve ad assicurare sicurezza e qualità nella dispensazione al pubblico dei medicinali e che l’esclusiva sulla fascia C rappresenta per le farmacie il corrispettivo degli oneri che il servizio impone. Sono anni che rintuzziamo gli attacchi di chi considera superato o ingiustificato questo sistema, la Corte di giustizia dice invece che è giustificato e perfettamente commisurato ai suoi scopi, la tutela della salute pubblica». (AS)

Leggi la circolare di Federfarma n.502

Notizie correlate

03/07/2015

Dalla Corte UE l’ennesima conferma: i farmaci con ricetta devono rimanere in farmacia

“La sentenza depositata ieri dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea è in linea con una lunga serie di sentenze - europee e nazionali - che confermano che la normativa italiana che limita alla farmacia la distribuzione dei farmaci con obbligo di ricetta non solo è conforme al diritto comunitario, ma risponde pienamente...
18/02/2015

Farmacie: il ruolo sociale e sanitario nelle sentenze della Corte costituzionale e Corte di giustizia Europea

“L’attività di dispensazione al pubblico dei medicinali assicurata dalle farmacie è parte integrante del Servizio Sanitario Nazionale (SSN).” Ad affermarlo non è Federfarma bensì la Corte costituzionale che ha più volte affermato che il servizio offerto dalle farmacie è finalizzato ad “assicurare una adeguata distribuzione dei farmaci, costituendo parte della più vasta...
05/12/2013

Farmaci con ricetta: il Comunicato Stampa della Corte di Giustizia

Il divieto, previsto dalla legge italiana, di vendere in parafarmacia medicinali soggetti a prescrizione è conforme al diritto dell’Unione europea. Tale divieto è giustificato dall’obiettivo di garantire alla popolazione un rifornimento di medicinali sicuro e di qualità...
05/12/2013

Corte di Giustizia Europea: farmaci con ricetta solo in farmacia a tutela della salute

In Italia la prestazione di servizi farmaceutici puo’ essere esercitata solo attraverso farmacie comunali oppure a mezzo di concessione governativa  ai privati farmacisti...
17/09/2013

Corte Ue su fascia C, il commento degli esperti

Le conclusioni dell’Avvocato generale Niels Wahl sulla liberalizzazione dei farmaci di fascia C «confermano la coerenza della normativa italiana con il diritto europeo» e condividono nei punti essenziali dell’analisi «le tesi sostenute da Federfarma davanti alla Corte...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni