Edicola

Orario di lavoro, la bomba che rischia di far saltare i conti del Ssn

06/11/2015 00:26:20
C’è chi l’ha definita una bomba a orologeria. Con il timer puntato al 25 novembre, data dalla quale torneranno in vigore le norme comunitarie in materia di orari e riposi di lavoro di medici e infermieri. Per il Ssn, ciò significa che in ospedali e strutture pubbliche sui dovrà tornare per tutti alla settimana lavorativa di massimo 48 ore e al riposo biologico minimo di 11 ore tra un turno e l’altro. In entrambi i casi, le disposizioni europee da cui discendevano tali tetti erano state derogate (dalla legge 133/2008 e dalla 66/2003) per evitare al Servizio sanitario nuove assunzioni e quindi incrementi insostenibili della spesa per il personale. I due provvedimenti, emanati per salvare i direttori generali delle Asl da pesanti sanzioni, avevano innescato una doppia diffida dall’Unione europea, alla quale il nostro Paese aveva risposto un anno fa con la legge 161/2014, che stabiliva il ripristino di turni massimi e riposo minimo dal 25 di questo mese.

Come spessissimo accade in Italia, in un anno non si è fatto praticamente nulla. Risultato, la scadenza è dietro l’angolo e si è già in clima di emergenza. Anche perché è battaglia sulle soluzioni con cui disinnescare la bomba. I sindacati della dirigenza medica, per esempio, pretendono che il Ssn prenda atto della normativa e risolva le carenze di organico con assunzioni e stabilizzazioni del personale medico precario. Le Regioni, invece, dopo molti tentennamenti sembrano essersi rassegnate all’idea che il problema si può risolvere soltanto nella cornice del rinnovo contrattuale (come peraltro suggeriva la stessa 161/2014). Risultato, ieri l’Aran (l’equivalente della Sisac per la dipendenza del Ssn) ha convocato i sindacati per martedì prossimo, con l’obiettivo di concludere un accordo da inserire poi nel contratto di settore. Ci vorrà tempo, però, ed ecco perché ieri dalle Regioni è anche arrivata la richiesta di una proroga della scadenza del 25 novembre: un paio di mesi appena, per non far infuriare l’Europa e dare tempo all’Aran di trattare con i sindacati.

L’orientamento dei governi regionali, in ogni caso, è quello di rendere più elastici i paletti della normativa europea: per esempio, ammettere riposi inferiori alle 11 ore in caso di eventi eccezionali o non prevedibili ed escludere dal computo dell’orario la formazione continua e l’attività liberoprofessionale (intramoenia). Anche perché secondo alcune stime, se si imboccasse la strada auspicata dai sindacati si renderebbe necessario assumere 4-5mila persone tra medici e infermieri. Un salasso, in termini di spesa.

Ma c’è anche un’altra spada di damocle a pendere sulla testa delle Regioni: secondo Consulcesi, azienda di consulenze legali in campo medico, qualche migliaio di medici sarebbe pronto ad avviare una class action per ottenere il pagamento delle ore lavorate e non retribuite dal Ssn dal 2003 a oggi; come scriveva qualche giorno fa il Corriere della Sera, l’azione legale potrebbe costare a Regioni e Servizio sanitario più di 3 milioni di euro. E come noto, al momento non è che il Ssn nuoti nell’oro. (AS)

Notizie correlate

05/06/2017

«Gli sprechi degli ospedali? Costano il 13% della spesa per farmaci»

Scaduti, sprechi e inefficienze logistiche delle aziende pubbliche, sanitarie e ospedaliere, vanificano ogni anno il 13% circa della spesa farmaceutica. Risorse preziosissime che il Servizio sanitario nazionale getta al macero per colpa di una gestione di magazzino che in molte strutture, soprattutto dal centro Italia in giù...
30/04/2016

H16, la riforma della Guardia medica divide i sindacati dei mmg

Divide i sindacati dei medici di famiglia l’Atto d’indirizzo con cui, a fine marzo, le Regioni avevano ufficializzato la propria piattaforma contrattuale in vista del rinnovo della convenzione di categoria. Da una parte la Fimmg, la sigla più rappresentativa...
24/10/2015

Legge di Stabilità, giro di vite per ospedali che vanno in “rosso”

Il Fondo sanitario 2016 ammonterà a 111 miliardi di euro, uno in più rispetto a quest’anno e due in meno se il confronto è con le cifre del Def, il Documento di economia e finanza. Ma in cambio le Regioni recuperano 1,3 dei 2,2 miliardi cui avrebbero dovuto...
28/10/2014

Censis, un italiano su due ha scelto la sanità privata

Nell’ultimo anno quasi un italiano su due si è dovuto rivolgere al privato (e pagare di tasca propria) per usufruire di cure, visite o analisi che nel pubblico avrebbero richiesto una lista d’attesa. Dati interessanti in chiave farmacia dei servizi quelli che arrivano...
24/12/2013

Grandi apparecchiature biomediche sotto la lente del Ministero

Sembra finalmente allargarsi l’elenco delle voci di spesa del Ssn sottoposte a rigido controllo. Finora c’era soltanto la farmaceutica territoriale, ora la lente comincia a spostarsi sulla diagnostica. Provvede in tal senso il “censimento” avviato dal ministero della Salute...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni