Edicola

Censis, cresce sanità privata ma manca disegno coerente

06/12/2013 08:54:11
L’assistenza farmaceutica sul territorio è finanziata sempre meno dal Ssn e sempre più dai cittadini: nell’ultimo quinquennio la copertura pubblica è calata in media di un punto all’anno, dal 65,9% del 2008 al 61% del 2012, mentre la spesa privata è cresciuta nello stesso periodo del 12,3% (“trainata” soprattutto dai ticket,che nel quinquennio si sono appesantiti del 117,3%). Sono i dati principali forniti dal capitolo farmaci del 47° Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese. Presentato questa mattina a Roma, lo studio dà conto delle difficoltà in cui si dibatte il nostro welfare in questi difficili anni di crisi. Difficoltà che non dipendono tanto o solo dalle risorse: la spesa pubblica per la protezione sociale ammonta a quasi il 30% del Pil e dal 2008 è cresciuta di circa il 3,2%. Queste risorse tuttavia vengono utilizzate male, perché nella Sanità cresce il ricorso al privato e all’intramoenia (ossia l’attività libero-professionale dei medici del Ssn): quasi il 90% degli italiani ha pagato di tasca propria per l’estrazione di un dente, il 57% per una visita ginecologica, il 36% per una riabilitazione motoria. Risultato, cresce la percezione di un Ssn sempre più arroccato: per il 41,2% degli italiani, la Sanità pubblica offre le prestazioni essenziali, il resto è a carico. Questa spesa potrebbe essere ottimizzata con la cosiddetta sanità integrativa, ma circa un italiano su tre non sa che cosa sia e un altro terzo ne ha sentito parlare ma non è in grado di spiegare di che si tratta. E sono 16 milioni gli individui che non conoscono la previdenza complementare.
A complicare il quadro c’è l’allentamento di quella rete di “autoprotezione” sociale tipicamente italiana che è data dalle relazioni familiari e parentali: negli ultimi dieci anni le persone che vivono da sole sono cresciute del 36,6% fino a raggiungere i 7,5 milioni, due dei quali costituiti da individui tra i 15 e i 45 anni. «Vivere da soli» osserva così il Censis nel Rapporto «è una condizione che proietta verso l'esterno una domanda di relazionalità e di tutela». In sostanza, welfare e assistenza sono costretti dalla crisi a un processioni di riorganizzazione e contrazione proprio in un periodo storico in cui forme di protezione sociale tradizionali come la famiglia sono sottoposte a erosione. E al momento non si intravedono alternative all’orizzonte. (AS)

Ultime notizie

01/06/2020

Dichiarazione del presidente Federfarma Marco Cossolo sull'audizione di Antonio Gaudioso in Commissione parlamentare

Federfarma accoglie con particolare favore le dichiarazioni del Segretario Generale di Cittadinanzattiva, Antonio Gaudioso, rese nel corso dell’audizione in Commissione parlamentare per la semplificazione nell’ambito dell’indagine conoscitiva sui servizi erogati dal Servizio Sanitario Nazionale...
01/06/2020

Dichiarazione del presidente Federfarma Marco Cossolo sull'acquisto del 70,77% del capitale di Farbanca da parte di Banca IFIS

Federfarma accoglie favorevolmente la comunicazione odierna sul completamento, con esito positivo, dell’acquisto del 70,77% del capitale di Farbanca  da parte di Banca IFIS. “L’avvenuta acquisizione di Farbanca da parte di Banca IFIS rappresenta sicuramente il viatico per la creazione, insieme a Credifarma, di un polo specializzato bancario del settore
28/05/2020

Collaborazione farmacie con medici famiglia e pediatri per l’aumento delle coperture vaccinali

Per corrispondere alle primarie esigenze di tutela della salute della popolazione, Federfarma ritiene imprescindibile stabilire le necessarie interazioni con i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta per individuare quei percorsi condivisi che - a similitudine di quanto avviene in altri Paesi dell'Unione europea - porti alla promozione e all'esecuzione di campagne vaccinali antinfluenzali nelle farmacie...
27/05/2020

Dichiarazione Marco Cossolo, presidente Federfarma. Cordoglio per la scomparsa di un altro farmacista, Paolo Ferraro, vittima del coronavirus

“Con la scomparsa di Paolo Ferraro, 70 anni,  titolare di farmacia rurale a Villa Latina (FR), si allunga purtroppo l’elenco dei colleghi rimasti vittime del COVID-19 nell’espletamento del proprio dovere. Paolo Ferraro ha combattuto la malattia, in rianimazione per un mese,  e la sua morte è un  grande dolore per tutti noi” afferma il presidente di Federfarma, Marco Cossolo...
25/05/2020

Dichiarazione del presidente Marco Cossolo

“Accolgo con vera soddisfazione le dichiarazioni odierne del Commissario Arcuri che ringrazio per aver  esplicitamente riservato ai farmacisti e al personale medico le prime forniture di mascherine prodotte dalla filiera italiana. L’iniziativa attesta, ancora una volta, il riconoscimento delle Istituzioni per il fondamentale ruolo svolto dalla farmacia italiana nel contesto emergenziale....

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni