Edicola

Consiglio di Stato, altra sentenza favorevole alla Pianta organica

08/04/2013 11:56:46
Liberalizzazioni o no, il servizio farmaceutico resta comunque governato da un sistema di pianificazione di sedi e zone farmaceutiche che «per finalità ed effetti corrisponde alla vecchia pianta organica». A dirlo è una freschissima sentenza con cui il Consiglio di Stato è tornato a occuparsi di trasferimenti di farmacie dopo la recente vicenda di Lucca (vedi Filodiretto dell’11 marzo). E nella quale i giudici amministrativi d’appello non solo ribadiscono una volta di più che la pianta organica è viva e vegeta, ma smentiscono anche la controversa circolare del ministero della Salute che un anno fa sosteneva la fine della perimetrazione delle sedi. Per Palazzo Spada, invece, tutto rimane come prima: le liberalizzazioni del decreto “Cresci-Italia”, infatti, hanno comunque mantenuto «l’impianto generale della disciplina, a partire dal “numero chiuso” delle farmacie», il che «implica logicamente che la distribuzione degli esercizi sul territorio» resta «pianificata autoritativamente». Poco, importa, osservano i giudici, che nel “Cresci-Italia” «non si parli più di “sedi” ma di “zone”», in quanto «la giurisprudenza aveva già da tempo avvertito che quando la normativa previgente usava il termine “sede” si doveva intendere “zona”, perché questo era il significato che si desumeva dal contesto». Tra le nuove zone e le vecchie sedi, in sostanza, non c’è nessuna differenza e sbaglia il Ministero quando sostiene che per le prime non è più necessaria una perimetrazione di dettaglio ma un’indicazione generica dell’area topografica dove la farmacia dovrà insediarsi: «La distribuzione del territorio comunale fra le sedi non deve lasciare spazi vuoti né sovrapposizioni» scrivono infatti i giudici, per la quale tale indicazione «è coerente con la funzione che la pianta organica assume nel sistema: infatti, il territorio assegnato alla farmacia attribuisce al suo titolare la facoltà di scegliere all’interno di quel perimetro l’ubicazione dell’esercizio e gli attribuisce, altresì, un diritto di esclusiva, ossia il divieto agli altri farmacisti di insediarvisi».
«L’intervento del Consiglio di stato» riassume Francesco Cavallaro, avvocato ed esperto di legislazione farmaceutica, autore di un commento alla sentenza sul sito Iuspharma.it «è decisivo per due aspetti: conferma che il servizio farmaceutico continua a essere regolato da un sistema di programmazione che si può legittimamente chiamare pianta organica; impone la perimetrazione delle nuove zone, che di fatto non sono diverse dalle vecchie sedi. Ne dovranno tenere conto quei comuni che nel concorso straordinario hanno indicato sommariamente dove dovranno sorgere le nuove farmacie, secondo le istruzioni del ministero della Salute».

Notizie correlate

28/02/2017

Sentenza Tar Lazio: la farmacia non può rivendere al distributore

Non sono ammissibili passaggi di medicinali «a titolo di compravendita o comunque oneroso dal magazzino della farmacia a quello del grossista», perché «si perderebbe definitivamente ogni ragione di distinzione tra i concetti e le correlative funzioni» che definiscono farmacie e aziende della distribuzione farmaceutica...
05/07/2016

Sop e pubblicità, dal Tar Lazio sentenza che fa discutere

Solleva più dubbi di quelli che scioglie la sentenza con cui, la settimana scorsa, il Tar Lazio ha negato l’esistenza di restrizioni alla pubblicità sui cosiddetti Sop, i farmaci senza obbligo di ricetta riservati al consiglio del farmacista. L’intervento dei giudici fa riferimento al ricorso presentato nell’autunno 2015...
18/02/2015

Farmacie: il ruolo sociale e sanitario nelle sentenze della Corte costituzionale e Corte di giustizia Europea

“L’attività di dispensazione al pubblico dei medicinali assicurata dalle farmacie è parte integrante del Servizio Sanitario Nazionale (SSN).” Ad affermarlo non è Federfarma bensì la Corte costituzionale che ha più volte affermato che il servizio offerto dalle farmacie è finalizzato ad “assicurare una adeguata distribuzione dei farmaci, costituendo parte della più vasta...
05/07/2014

Antitrust contro la pianta organica, Federfarma: slogan consunto

Nella distribuzione del farmaco occorre passare dall’attuale sistema della pianta organica, che fissa un tetto al numero delle farmacie operanti sul territorio, «a un modello che ne stabilisca al contrario un numero minimo, per tutelare l’interesse pubblico a una...
03/02/2014

Fascia C, dal Tar Puglia altra sentenza favorevole alle farmacie

La liberalizzazione della fascia C comporterebbe per le farmacie «una diminuzione significativa del loro reddito, con il rischio di chiusura degli esercizi situati nelle zone più svantaggiate del territorio». Allo stesso tempo, «nelle zone più redditizie del paese...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni