Edicola

Autodiagnosi in farmacia: per documentare basta lo scontrino

08/05/2017 08:29:18
Basta lo scontrino parlante per documentare fiscalmente le prestazioni e i servizi di autoanalisi erogati dalle farmacie. E’ la valutazione con cui l’Agenzia delle Entrate ha risposto nei giorni scorsi alla richiesta di consulenza giuridica avanzata quest’inverno da Federfarma, nell’intento di arrivare una volta per tutte a una delle semplificazioni più agognate dai titolari. Ad anticipare il responso dell’Agenzia è stato ieri Giampietro Brunello, consulente di Federfarma per le materie fiscali ed ex amministratore delegato della Sose (la Società per gli studi di settore che fa capo al ministero delle Finanze): la risposta delle Entrate, ha spiegato Brunello nel suo intervento al “Convegno dei commercialisti”, l’ormai consueto incontro che la Federazione organizza a Cosmofarma per fare il punto sui provvedimenti fiscali e tributari del comparto, «è giunta al momento per le vie brevi, ma entro una decina di giorni giungerà anche la lettera ufficiale», che Federfarma provvederà poi a rigirare agli associati.

Nella sua richiesta di intervento, in particolare, Federfarma faceva notare che se al contribuente basta allegare alla dichiarazione dei redditi lo scontrino parlante per ottenere la detraibilità delle spese sostenute per i servizi di autoanalisi in farmacia, «appare ragionevole e logico che anche i corrispettivi di quelle prestazioni possano essere attestati mediante l’emissione dello scontrino». Il documento, ricordava infatti la Federazione, garantisce «la certificazione del corrispettivo dell’operazione» e contiene «tutti gli elementi informativi idonei fiscalmente a individuare in maniera compiuta le parti della transazione, la sua natura e gli elementi contabili indispensabili». Nessuna obiezione dall’Agenzia delle Entrate, secondo la quale lo scontrino è «succedaneo» della fattura a patto che sia emesso dalla farmacia (e non dall’eventuale professionista sanitario che eroga la prestazione, nel qual caso si ritorna alla fattura) ed è parlante, ossia riporta il codice fiscale dell’acquirente nonché quantità e natura della prestazione.

Dall’Agenzia delle Entrate è giunta la risposta anche al secondo quesito rivolto nella circostanza da Federfarma, relativo all’esenzione dall’iva delle prestazioni di autoanalisi in farmacia. Nella sua lettera, la Federazione sosteneva che le analisi «eseguite personalmente dal cliente-paziente con l’utilizzo di apparecchiature strumentali messe a disposizione dalla farmacia, pur mancando sul momento di una presenza professionale, sono comunque prodromiche di diagnosi, cura e riabilitazione della persona, successivamente rese da figure professionali qualificate e, pertanto, possono beneficiare dell’esenzione iva». Di avviso differente l’Agenzia delle Entrate, secondo la quale rimangono esclusi dall’imposta soltanto i servizi forniti dalle farmacie con l’intervento di un professionista sanitario. Le analisi di autocontrollo, invece, sono assoggettate all’aliquota ordinaria (22%) laddove sia il paziente a somministrarsele in totale autonomia e senza l’assistenza di operatori sanitari.

Tra gli altri interventi del Convegno vanno ricordati quelli di Antonio Vento, rappresentante di Federfarma nella Commissione degli esperti per gli studi di settore, che ha passato in rassegna le principali novità degli Indicatori sintetici di attendibilità, il nuovo strumento che da fine anno sostituirà gli studi di settore, e Marco Alessandrini, amministratore delegato di Credifarma, che ha tracciato un quadro del momento economico e ha presentato le nuove proposte della società in tema di super e iperammortamento. (AS)

Notizie correlate

04/08/2016

730 precompilato, più di 53 milioni le spese trasmesse dalle farmacie

Sono più di 53 milioni le spese sanitarie trasmesse tra gennaio e luglio per il 730 precompilato dalle farmacie che si appoggiano a Promofarma, la società di servizi informatici di Federfarma. Il dato fotografa soltanto una parte dello sforzo che, dall’inizio dell’anno, i presidi dalla croce verde stanno sostenendo per assicurare al contribuente la detrazione delle spese su medicinali e...
03/12/2015

730, raccolta scontrini al via dalle prossime settimane

I farmacisti dovrebbero cominciare nelle prossime settimane a raccogliere e archiviare i dati degli scontrini fiscali per il 730 precompilato. Un’operazione che non graverà in alcun modo sull’attività al banco perché penseranno a tutto i gestionali delle farmacie...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni