Edicola

Ritiro referti, Garante privacy: solo in farmacia, no erboristerie e "para"

08/06/2017 00:56:57
I referti di visite ed esami diagnostici possono essere ritirati dal paziente soltanto nella struttura sanitaria che li ha prodotti oppure nelle farmacie convenzionate, non in altri esercizi. E’ quanto ricorda il Garante della Privacy, Antonello Soro, nella Relazione annuale sull’attività condotta dall’authority nel 2016, presentata l’altro ieri alla Camera davanti alla presidente Laura Boldrini. Nella rassegna degli interventi effettuati in un anno, il rapporto cita il caso di «una provincia dell’Italia settentrionale dove era stato avviato un servizio di consegna dei referti in erboristerie e parafarmacie locali». L’Autorità garante era quindi intervenuta nei confronti del titolare del trattamento dati per invitarlo al rispetto di quanto stabilito dal decreto del ministero della Salute datato 8 luglio 2011, secondo il quale «i referti relativi a prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale possono essere consegnati, oltre che dalla struttura sanitaria che li ha redatti, solo dalle «farmacie pubbliche e private operanti in convenzione con il Servizio sanitario nazionale».

L’intervento del Garante regala alle farmacie un gol che raddoppia di valore se si ricorda quanto invece affermò un anno fa circa l’Antitrust: in un parere trasmesso a tre diverse Asl (del Friuli, della Campania e della Sardegna) l’Autorità garante della concorrenza aveva criticato gli «ingiustificati ostacoli» frapposti dalle aziende sanitarie all’esercizio di servizi come il Cup o il ritiro referti da parte delle parafarmacie. Rifiutare agli esercizi di vicinato tali opportunità, osservava in particolare l’Antitrust, è «lesivo delle norme e dei principi a tutela della concorrenza» perché determina «un ingiustificato svantaggio concorrenziale» rispetto alle farmacie. Di tutt’altro avviso, come s’è visto, il Garante della privacy, che ricorda il valore del rapporto convenzionale tra farmacie e Ssn anche in materia di tutela dei dati personali.

«Prendo atto con soddisfazione dell’intervento dell’Authority» è il commento del presidente nazionale di Federfarma, Marco Cossolo «perché sancisce che le farmacie e le parafarmacie non sono la stessa cosa e ciò che distingue le prime – a partire dal convenzionamento con il Ssn – è alla base delle esclusive riconosciute loro. La presa di posizione, piuttosto, è per me un ulteriore sprone a cercare con i colleghi delle parafarmacie non la contrapposizione ma il dialogo, per arrivare a una soluzione condivisa e sostenibile per tutti. I nostri colleghi si rendano conto che sono stati illusi da progetti poi dimostratisi infelici nei fatti, dove per fatti intendo evidenze come i pronunciamenti della Corte di giustizia europea, della Corte costituzionale, di svariati Tribunali amministrativi regionali e per ultimo del Garante privacy». Federfarma diramerà a breve una circolare con un’analisi dettagliata dell’intervento dell’Authority. (AS)

Notizie correlate

16/01/2018

Lo psicologo in farmacia, ecco il modello vincente

“Psicologia in farmacia. Un nuovo modello di aiuto” è il titolo del convegno di ieri in Senato, organizzato dal Consiglio Nazionale Ordine Psicologi e patrocinato dalla Federazione Ordini Farmacisti Italiani. Obiettivo dei lavori, quello di definire le procedure...
11/01/2018

A Roma il prossimo 26 febbraio gli Stati generali della Farmacia

Il futuro della farmacia italiana: scenari, obiettivi, soluzioni. I partiti a confronto. Questo il titolo dell’evento promosso e organizzato da Federfarma che si terrà a Roma il prossimo 26 febbraio all’Hotel Cavalieri e che sarà l’occasione per discutere dei temi più caldi...
24/11/2017

Studi di settore, farmacie tra le attività più ligie verso il Fisco

Anche nel 2016 le farmacie si riconfermano tra le attività d’impresa sottoposte a studi di settore più “ligie” nei confronti del Fisco. Lo dicono le statistiche dell’Agenzia delle Entrate sulle dichiarazioni dei redditi 2017, relative al periodo d’imposta dell’anno...
16/10/2017

Rete di protezione, l’obiettivo è recuperare valore ed efficienza

Recupero di efficienza e incremento del valore. Sono i due cardini del progetto con cui Federfarma e Federfarma Servizi intendono costruire attorno alle farmacie dei farmacisti una “rete di protezione” che le renda competitive nella sfida con il capitale. L’anticipazione è stata fornita nella giornata clou della IV Convention Federfarma.co – Federfarma Servizi...
06/09/2017

Rete, passa alla fase 2 il progetto Federfarma-Federfarma Servizi

Passa alla fase due il progetto congiunto lanciato da Federfarma e Federfarma Servizi per costruire la “rete delle reti”, la meta-aggregazione delle farmacie indipendenti che vogliono competere alla pari con il capitale. E’ l’esito dell’incontro che ieri ha aggiornato il cantiere dei lavori, aperto ufficialmente il 12 luglio scorso...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni