Edicola

Lenzi (Pd): respinte logiche commerciali, ora serve propositività

08/10/2015 00:25:49
Con il no alla deregulation dei farmaci con ricetta, Governo e maggioranza hanno scommesso su una farmacia collocata a pieno titolo nel servizio pubblico e che collabora con il Ssn nell’interesse della collettività. Ora però tocca alle stesse farmacie confermare tale vocazione con una progettualità che dia risposta ai bisogni della Sanità pubblica. E’ il messaggio che, all’indomani del voto con cui Montecitorio ha bocciato tutti gli emendamenti al ddl concorrenza riguardanti la fascia C, arriva dalla deputata Pd Donata Lenzi, da due legislature componente per i “dem” della commissione Affari sociali della Camera.

Onorevole Lenzi, nel dibattito in aula sull’articolo 32 lei è intervenuta per ricordare che la distribuzione del farmaco è altra cosa rispetto alle consuete attività commerciali. Lo possiamo considerare un principio ormai assodato per Pd e Governo?
L’orientamento che si è affermato ieri è quello che vede la farmacia saldamente integrata nel Servizio sanitario, con cui lavora per garantire ai cittadini un’assistenza capillare e continua. Purtroppo, come si è potuto vedere dal dibattito in aula, è stato difficile ragionare in tali termini con quelle forze politiche che invece considerano la farmacia un’attività d’impresa come le altre.

Lei ha anche fatto esplicito riferimento alla farmacia dei servizi…
La farmacia dei servizi è la progettualità da sviluppare e rafforzare proprio per smentire quegli ambienti che risolvono la dispensazione dei farmaci con ricetta in una logica soltanto commerciale.

Però i ritardi che si registrano nel rinnovo della convenzione, dove la farmacia dei servizi dovrebbe trovare la sua cornice…
Scusi se la interrompo, ma questo è proprio il ragionamento che le farmacie devono evitare se vogliono togliere argomenti ai sostenitori della deregulation.

In che senso? Che cosa dovrebbero allora fare i titolari?
Innanzitutto agevolare l’accelerazione del concorso straordinario, in modo che le nuove sedi vengano velocemente assegnate e il bacino delle parafarmacie si svuoti di quei giovani farmacisti che avevano aperto per assicurarsi un futuro nella professione.

E poi?
Quindi, abbandonare questa impostazione secondo la quale la farmacia dei servizi si fa soltanto se arrivano più soldi. Il tema da cavalcare, invece, è quello di una farmacia che sa farsi strumento di ottimizzazione della spesa, di appropriatezza e di risparmio.

Anche attraverso l’erogazione di servizi in regime privato?
Certamente. Vede, alla Camera siamo riusciti a far prevalere la visione della farmacia che riteniamo più giusta, ma non va dimenticato che una fetta dell’opinione pubblica rimane innamorata di un concetto di libertà d’iniziativa che fa il gioco della deregulation. Per togliere sostegno a tali orientamenti, la farmacia deve fare proposte.

Sta lanciando un messaggio anche in vista dell’esame del ddl in Senato? Oppure Governo e maggioranza lavoreranno per un passaggio veloce?
Guardi, non so proprio che cosa accadrà in Senato. Posso però dire che alla Camera il mio partito ha tenuto, abbiamo difeso la farmacia perché la riteniamo un pezzo importante del Ssn, che garantisce l’assistenza nei piccoli paesi, orari accessibili e rapida reperibilità del farmaco. Al contrario, l’esperienza di questi anni ha dimostrato che la parafarmacia non serve, che due canali di distribuzione non servono. (AS)

Notizie correlate

28/09/2017

Concorrenza, Federfarma si mobilita per rimuovere ambiguità

Federfarma è pronta ad agire a tutti i livelli perché dalla Legge 124/2017 sulla concorrenza vengano rimosse le ambiguità e criticità che oggi la caratterizzano. Il che significherà, per il sindacato, promuovere ricorsi alla giustizia amministrativa...
06/09/2017

DDL concorrenza e farmacie indipendenti: si comincia a fare sul serio

Dopo il primo importante incontro, dello scorso 12 luglio, Federfarma e Federfarma Servizi hanno continuato a lavorare anche durante le ferie estive per mettere a punto un obiettivo comune e una visione condivisa per il futuro della farmacia indipendente a seguito dell’approvazione definitiva del cosiddetto DDL Concorrenza...
04/08/2017

Pagliacci (Sunifar): in rete contro il capitale, ma a pari condizioni

L’arrivo del capitale preoccupa le farmacie rurali quanto quelle urbane, ma l’abitudine alle avversità e a lavorare in un contesto di “frontiera” le aiuterà ad affrontare con successo anche questa sfida. Sono le parole con cui la presidente del Sunifar...
03/08/2017

Ddl concorrenza, Federfarma: “keep calm” e avanti

“Keep calm and carry on”, state tranquilli e andiamo avanti. E’ la frase che nel ’39, alla viglia della guerra, venne fatta stampare dal governo britannico su milioni di manifesti, da affiggere in tutta l’Inghilterra per evitare che la popolazione si facesse prendere dal panico...
02/08/2017

Approvato il DDL Concorrenza. Federfarma: ora al lavoro per gestire un cambiamento epocale

“Quando siamo arrivati alla dirigenza di Federfarma, a fine maggio di quest’anno, il DDL aveva già alle spalle un lungo iter parlamentare e, a mio avviso, le conseguenze di un siffatto provvedimento erano state sottovalutate, nonostante le grida di allarme di varie associazioni provinciali. Noi abbiamo subito motivato...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni