Edicola

Forsteo in Pht, in Consiglio di Stato doppia vittoria per Federfarma

07/03/2015 07:17:44
Il Forsteo lascia la diretta e torna alla distribuzione in convenzionata attraverso le farmacie del territorio. E’ quanto stabilisce la doppia sentenza depositata lunedì scorso dal Consiglio di Stato, che accoglie il ricorso con cui Federfarma aveva impugnato le determine dell’Aifa datate 22 febbraio e 23 novembre 2013. Di conseguenza, vengono annullati non solo i provvedimenti emanati dall’Agenzia del farmaco per spostare la specialità nel Pht, ma anche le delibere regionali e aziendali che avevano recepito le disposizioni.

La querelle sul Forsteo si apre due anni fa esatti con la prima delle due determine dell’Aifa: sulla base di un parere della Commissione tecnico-scientifica, l’Agenzia dispone lo spostamento del farmaco nel Prontuario della distribuzione diretta per motivazioni smaccatamente economiche. Federfarma impugna allora il provvedimento davanti al Tar, che prima concede la sospensiva ma poi - nel giugno 2014 - respinge il ricorso nel merito. Intanto tra le due decisioni, a novembre, l’Aifa emana una nuova determina, che ribadisce la riclassificazione del Forsteo ma mette da parte le considerazioni economiche e tira invece in ballo la «necessità assicurare la continuità Ospedale-Territorio». Federfarma presenta appello davanti al Consiglio di Stato che, esaminate entrambe le delibere, dà ragione al sindacato.

A ben vedere, quella ottenuta in secondo grado è una vittoria che va anche al di là della vicenda specifica. E offre alle farmacie argomenti “pesanti” contro altri futuri casi di applicazione disinvolta e scriteriata della distribuzione diretta. Nella loro sentenza, infatti, i giudici amministrativi confermano che la classificazione in Pht di un medicinale può anche essere suggerita da esigenze di spesa, ma devono comunque prevalere «motivazioni di carattere eminentemente sanitario», come la stessa Aifa prescriveva nelle sue linee guida del 2004. Motivazioni, inoltre, che non possono essere riassunte accennando genericamente e apoditticamente all’urgenza di garantire la continuità ospedale-territorio, ma devono citare riferimenti «di carattere medico sanitario che diano conto in concreto, sia pure succintamente, dell’iter seguito al fine di affermare la necessità di somministrazione differenziata solo presso strutture ospedaliere».

Ma il Consiglio di Stato si spinge ancora più in là. Osservato che il Forsteo, prima della riclassificazione, aveva trascorso nove anni in convenzionata, la sentenza “rimprovera” all’Aifa l’assenza di «motivazioni più incisive» a giustificazione delle sue determine. Anche perché la distribuzione diretta rende più difficoltoso l’accesso al farmaco da parte di chi lo usa, ossia pazienti caratterizzati spesso da difficoltà di deambulazione e fragilità ossea per osteoporosi severa. Sussiste quindi il rischio che la riclassificazione del Forsteo finisca per incentivare «il ricovero e la ospedalizzazione, a detrimento delle pur dichiarate esigenze di contenimento della spesa pubblica».

Federfarma ha già trasmesso le due sentenze Consiglio di Stato alle proprie organizzazioni territoriali, con l’indicazione di informarne gli assessorati alla Sanità perché prendano i provvedimenti necessari.

Notizie correlate

07/06/2017

Tavolo sulla diretta, al via due sottogruppi su Pht e modelli distributivi

Si sposta su Pht e modelli distributivi locali la lente del gruppo di lavoro sui costi della diretta varato a gennaio dal Tavolo del Mise sulla governance del farmaco e coordinato dall’Aifa. Con l’obiettivo comune, Regioni e filiera, di ragionare su un percorso che porti a una significativa riduzione delle distanze oggi esistenti a livello territoriale in materia di doppio canale...
09/05/2017

Diretta: tavolo Aifa nuovo incontro a breve

Il tavolo Regioni-filiera sui costi della distribuzione diretta riprenderà a lavorare già dai prossimi giorni, mentre in parallelo l’Aifa rimetterà mano al Pht per una rivalutazione che verrà condotta assieme alla Commissione tecnico-scientifica dell’Agenzia...
08/02/2017

Distribuzione diretta, Federfarma alza il velo sulle storture del Pht

Quando vide la luce, nel novembre del 2004, il Pht era una lista di 90 principi attivi, per un totale di 657 confezioni, 408 delle quali in commercio. Oggi, invece, conta 219 principi attivi e 2.562 confezioni, 1.815 delle quali commercializzate. Sono alcuni dei numeri...
26/11/2015

Pramipexolo, accolto appello Federfarma contro passaggio in Pht

E’ illegittima la determina dell’Aifa che dal 30 maggio 2014 aveva collocato il pramipexolo tra i farmaci del Pht. E’ quanto ha stabilito il Consiglio di Stato nella sentenza - depositata lunedì scorso - che accoglie l’appello presentato in primavera da Federfarma...
22/05/2015

Revisione Pht, Federfarma e Sifo consegnano la proposta all’Aifa

E’ arrivata sul tavolo dell’Aifa la proposta congiunta Federfarma-Sifo per la revisione del Pht, il Prontuario della distribuzione diretta. A consegnarla al direttore generale dell’Agenzia, Luca Pani, è stata ieri una delegazione delle due organizzazioni, guidata dalle presidenti Annarosa Racca e Laura Fabrizio, e composta...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni