Edicola

Manovra approvata, tetti e budget convenzionata sono legge

09/12/2016 06:10:18
Approvata mercoledì dal Senato con voto di fiducia, la Manovra diventa legge con un’accelerazione che ha impedito alle commissioni e all’aula di Palazzo Madama il benché minimo intervento sul testo. Svaniti gli spazi per recuperare l’emendamento sulle farmacie a basso fatturato accantonato alla Camera, resta comunque sul tavolo una Legge di Bilancio che ai titolari dà più che togliere. Non va dimenticato, infatti, che tra i provvedimenti della Manovra c’è un riordino dei tetti di spesa dal quale la farmaceutica convenzionata (cioè quella che passa dalle farmacie del territorio) esce con un budget a salire e un’autonomia contabile che suggerisce scenari favorevoli.
Per quanto concerne le cifre, la fonte cui rivolgersi è Quintiles Ims: il tetto assegnato dalla Legge di Bilancio (ormai definitivamente) alla spesa convenzionata ammonta dal 2017 al 7,96% del fondo sanitario nazionale; nel nuovo anno ciò significa un budget di 8,94 miliardi di euro, quasi 600 milioni in più rispetto al consuntivo che la stessa convenzionata farà registrare alla fine di quest’anno (8,3 miliardi circa). Non è poco, e per capirlo basta fare un confronto con il budget che la Manovra assegna ai due fondi per i farmaci innovativi (epatite C e oncologici): 500 milioni di euro ciascuno, con eventuali sfondamenti da “caricare” sulla spesa cumulata per diretta e ospedali (dove le farmacie non pagano) anziché sulla territoriale come prevedeva la Manovra dell’anno scorso (e dove le farmacie pagherebbero).

A parte l’entità, l’incremento di budget potrebbe diventare nel nuovo anno la leva con cui convincere le Regioni a spostare nella distribuzione convenzionata farmaci più o meno recenti (ma di uso ormai consolidato) che continuano a essere tenuti nella diretta per meri motivi economici. Le proiezioni di Quintiles Ims, infatti, dicono che la spesa per gli acquisti ospedalieri (alla quale la Manovra assegna un tetto del 6,89%) sfonderà nel 2017 di 1,8 miliardi di euro: dirottare una buona fetta di prodotti dal canale della diretta-dpc a quello della convenzionata potrebbe essere il modo più veloce per attenuare lo sforamento. E a beneficiarne sarebbero innanzitutto le farmacie rurali e dei piccoli paesi, dove i consumi Ssn sono percentualmente maggiori. In questo scenario, un contributo decisivo potrebbe arrivare dallo studio congiunto sui costi della diretta che la Sifo e le altre sigle della filiera si apprestano a lanciare. A Milano, dove domenica si è concluso il 37° Congresso nazionale della società scientifica, il presidente dei farmacisti ospedalieri Marcello Pani ha annunciato che il gruppo di studio si insedierà per Natale. E Federfarma ha subito assicurato il proprio sostegno, nella consapevolezza che soltanto dati ed evidenze incontrovertibili potranno rendere più ragionevoli certe Regioni. (AS)

Notizie correlate

31/10/2017

Manovra senza risorse per i rinnovi di contratti e convenzioni

Clima sempre più caldo attorno alla Manovra per il 2018, che oggi a Palazzo Madama dovrebbe cominciare l’iter parlamentare. Il testo uscito dal Consiglio dei Ministri (con la formula «salvo intese», che lascia aperta la porta a ritocchi dell’ultimo minuto)...
07/12/2016

Manovra: accelerazione al Senato, saltano tutti gli emendamenti

La Manovra schiaccia sull’acceleratore e approda già da oggi all’aula del Senato, dove dovrebbe scattare il voto di fiducia che confermerà il testo varato dalla Camera. E’ quanto ha deciso ieri a maggioranza la conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama...
29/11/2016

Manovra/1 – Tancredi (Ap): su rurali più chance al Senato

L’emendamento 59.79 sulle agevolazioni a rurali e piccole farmacie è rimasto in un cassetto della commissione Bilancio di Montecitorio, assieme a interi articoli della Manovra, perché il testo andava licenziato nei tempi concordati. Ma resta aperta la possibilità di ripresentarlo al Senato, dove ci sono buone chance che venga approvato...
19/11/2016

Emendamento su rurali nei “900” che entrano in Commissione

Passa indenne anche dalla scrematura delle “preferenze” di gruppo l’emendamento 59.79 sulle soglie di fatturato per le agevolazioni alle farmacie rurali. E’ l’ultimo aggiornamento che in tema di Manovra arriva dalla Camera, dove la commissione Bilancio sta...
17/11/2016

Jommi (Cergas): sistema tetti non va, diretta non serve a risparmiare

E’ senz’altro un merito della Manovra l’incremento a 113 miliardi del Fondo sanitario nazionale per il 2017, perché a cascata aumenta la dose di ossigeno a disposizione della spesa farmaceutica. Ma è anche vero che la stessa Manovra non fornisce al Ssn nuovi strumenti per la governance di tale spesa, che di fatto resta...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni