Edicola

Liberalizzazioni, Pani: l’Italia non ha bisogno di altri punti vendita

10/02/2015 00:29:12
«Non abbiamo bisogno di altri punti vendita per i farmaci, ma di luoghi che li vendano meglio». E’ il “tweet” con cui il direttore generale dell'Aifa, Luca Pani, ha detto la sua ieri sulle misure del ddl concorrenza al vaglio del ministero dello Sviluppo. Al messaggio (accompagnato dall’hashtag #tutelasalute!, che i titolari potranno eventualmente riprendere nei loro tweet), Pani allega un video girato in un supermercato della Florida: «100 metri di scaffali di farmaci Otc e di altri che da noi sono in fascia C» commenta il dg dell’Aifa nel filmato «le reazioni avverse ai medicinali in pazienti ospedalizzati sono responsabili, negli Usa, di oltre 100mila morti all’anno, più di quelli causati da malattie respiratorie, Aids, diabete e incidenti d'auto. È stato stimato che le reazioni avverse costano circa 135 miliardi di dollari ogni anno».



Per motivi analoghi dice no alla deregulation dei farmaci senza ricetta anche la deputata Paola Binetti, di Area popolare (Ncd-Udc): « Nelle intenzioni sembra si voglia venire incontro ai bisogni dei pazienti» spiega la parlamentare in una nota «in realtà quello che si sta liberalizzando è solo il marketing del farmaco, ridotto a un prodotto come tutti gli altri». Passasse la deregulation, avverte quindi la Binetti, «la grande distribuzione che allargherà la propria offerta commerciale senza doversi far carico della relazione con il paziente, che vede nel farmacista uno degli interlocutori privilegiati con cui sviluppare nel tempo un vero e proprio rapporto di educazione medica». Sulla stessa linea la collega Dorina Bianchi, vicecapogruppo alla Camera: «La liberalizzazione dei farmaci con ricetta» afferma in una nota «è illogica. Non dimentichiamo che sono le persone, soprattutto quelle fragili come gli anziani, ad avere bisogno delle farmacie, primo vero presidio medico in ogni paese, soprattutto quelli nelle aree più disagiate».

Timori per gli effetti sulle fasce più deboli anche da Nunzia De Girolamo, capogruppo di Area Popolare: «La salute dei cittadini non può e non deve sottostare alle regole del business» osserva «ed è per questo che non condividiamo le misure contenute nel ddl concorrenza. Si tratta di interventi che danneggerebbero soprattutto i comuni medio-piccoli dove le farmacie costituiscono un primo presidio medico, soprattutto per gli anziani. Ben vengano le liberalizzazioni volte a rimettere in moto l'economia, ma nel caso dei farmaci il metro di valutazione non può essere solo l'aspetto economico»: (AS)

Notizie correlate

28/09/2017

Concorrenza, Federfarma si mobilita per rimuovere ambiguità

Federfarma è pronta ad agire a tutti i livelli perché dalla Legge 124/2017 sulla concorrenza vengano rimosse le ambiguità e criticità che oggi la caratterizzano. Il che significherà, per il sindacato, promuovere ricorsi alla giustizia amministrativa...
06/09/2017

DDL concorrenza e farmacie indipendenti: si comincia a fare sul serio

Dopo il primo importante incontro, dello scorso 12 luglio, Federfarma e Federfarma Servizi hanno continuato a lavorare anche durante le ferie estive per mettere a punto un obiettivo comune e una visione condivisa per il futuro della farmacia indipendente a seguito dell’approvazione definitiva del cosiddetto DDL Concorrenza...
04/08/2017

Pagliacci (Sunifar): in rete contro il capitale, ma a pari condizioni

L’arrivo del capitale preoccupa le farmacie rurali quanto quelle urbane, ma l’abitudine alle avversità e a lavorare in un contesto di “frontiera” le aiuterà ad affrontare con successo anche questa sfida. Sono le parole con cui la presidente del Sunifar...
03/08/2017

Ddl concorrenza, Federfarma: “keep calm” e avanti

“Keep calm and carry on”, state tranquilli e andiamo avanti. E’ la frase che nel ’39, alla viglia della guerra, venne fatta stampare dal governo britannico su milioni di manifesti, da affiggere in tutta l’Inghilterra per evitare che la popolazione si facesse prendere dal panico...
02/08/2017

Approvato il DDL Concorrenza. Federfarma: ora al lavoro per gestire un cambiamento epocale

“Quando siamo arrivati alla dirigenza di Federfarma, a fine maggio di quest’anno, il DDL aveva già alle spalle un lungo iter parlamentare e, a mio avviso, le conseguenze di un siffatto provvedimento erano state sottovalutate, nonostante le grida di allarme di varie associazioni provinciali. Noi abbiamo subito motivato...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni