Edicola

Manovra, le Regioni chiedono modifiche a riordino tetti

10/11/2016 00:31:41
Se ancora c’era qualche dubbio, ieri è stato fugato: il riordino dei tetti sulla spesa farmaceutica abbozzato dalla Manovra per il 2017 rappresenta – in quindici anni di 405/2001 – il primo vero tentativo da parte di un governo centrale di arginare la distribuzione diretta. Tant’è vero che ieri la Commissione salute delle Regioni (ossia il gruppo di lavoro costituito dagli assessori alla Salute dei governi regionali) ha presentato alla Camera un pacchetto di emendamenti diretti a scardinare il sistema di governance messo in piedi dalla Legge di Bilancio. Proposte di modifica che, in tema di tetti, possono essere riassunti in due punti: primo, la distribuzione diretta non si limita; secondo, il budget della spesa farmaceutica ospedaliera va incrementato a scapito di quello della spesa convenzionata.

Leggere, per credere, la relazione sulla Manovra che gli assessori regionali alla Salute hanno presentato ieri a Montecitorio e che Sanità24 ha riportato integralmente in serata: «è probabile» scrive la Commissione salute, che il tetto sulla convenzionata al 7,96% risulti nel 2017 «superiore alla spesa reale», anche perché l’incremento del Fondo sanitario a 113,5 miliardi di euro «comporterà un rifinanziamento della farmaceutica di circa 300 milioni di euro» rispetto al 2016. A detta degli esperti, l’avanzo potrebbe invogliare le Regioni a spostare un po’ di farmaci dalla diretta alla convenzionata, ma agli assessori alla Salute l’ipotesi pare proprio non piacere: «I nuovi farmaci» si legge nel documento «hanno i requisiti per essere classificati come A-Pht e le Regioni sono portate a preferire la diretta-dpc rispetto alla convenzionata».

Come fare allora con la spesa per diretta e ospedaliera, che la Manovra mette in un unico calderone e che a fine 2017 sfonderanno il tetto del 6,89% con certezza quasi assoluta? Semplice, dice la Commissione salute: innanzitutto il Governo deve abbassare il tetto sulla convenzionata di quasi un punto, dal 7,96 al 7%; in questo modo, si può incrementare della stessa misura il tetto cumulato dell’ospedaliera più diretta, che così lievita dal 6,89 al 7,85%. Poi, continuano gli assessori, andranno riscritte le regole relative al payback: in caso di sfondamento del tetto, niente più ripiano “fifty-fifty” tra Regioni e industria, come accade oggi; meglio invece che ai produttori venga imputato il 75% dello sfondamento, con il resto a carico dei governi regionali.

Insoddisfacenti, infine, anche le disposizioni dettate dalla Manovra in materia di acquisti centralizzati: va respinta la norma che impedisce di mettere in gara tra loro «principi attivi differenti anche se aventi le stesse indicazioni terapeutiche», perché toglie alle Regioni lo strumento delle gare in equivalenza terapeutica, da cui gli assessori stimano di ricavare «economie valutabili, su base annua, nell’ordine di 500-1.000 milioni di euro». Pollice verso anche sulla norma che, in materia di gare sui biosimilari, impone la stipula di accordi quadro con tutti gli operatori titolari di medicinali a base del medesimo principio attivo». Rinunciare alla leva della concorrenzialità, è la conclusione delle Regioni, costringerebbe a rinunciare a «economie non inferiori al 25-35 %, per un risparmio non inferiore a 400 milioni di euro». (AS)

Notizie correlate

31/10/2017

Manovra senza risorse per i rinnovi di contratti e convenzioni

Clima sempre più caldo attorno alla Manovra per il 2018, che oggi a Palazzo Madama dovrebbe cominciare l’iter parlamentare. Il testo uscito dal Consiglio dei Ministri (con la formula «salvo intese», che lascia aperta la porta a ritocchi dell’ultimo minuto)...
16/03/2017

Saitta (Regioni): trattativa per la Convenzione al via entro l’estate

«La nostra speranza è che la trattativa vera e propria per il rinnovo della Convenzione tra farmacie e Ssn possa aprirsi prima dell’estate». L’augurio arriva da Antonio Saitta, coordinatore della Commissione salute della Conferenza delle Regioni, il “tavolo” che riunisce gli assessori alla Sanità e fissa le direttive politiche dell’atto d’indirizzo...
14/03/2017

Stefanelli: Tavolo Aifa è per ridurre diretta, non allargarla

«Il Tavolo dell’Aifa sulla distribuzione diretta dovrebbe servire, come suggerisce il nome, a risolvere i problemi della distribuzione diretta. Stupisce che ora le Regioni se ne servano per provare a risolvere i loro problemi sulla convenzionata». E’ la battuta con cui...
04/02/2017

Tagli spesa,Regioni divise.Tdm,Fimmg,Federfarma: non paghi Ssn

Le Regioni ritrovino l’unità e scongiurino l’eventualità che al budget del Ssn per il 2017 possano essere tolti 420 milioni di euro. E’ l’auspicio lanciato dalla presidente di Federfarma, Annarosa Racca, in risposta alle voci che da un paio di giorni stanno...
09/12/2016

Manovra approvata, tetti e budget convenzionata sono legge

Approvata mercoledì dal Senato con voto di fiducia, la Manovra diventa legge con un’accelerazione che ha impedito alle commissioni e all’aula di Palazzo Madama il benché minimo intervento sul testo. Svaniti gli spazi per recuperare l’emendamento...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni