Edicola

Rapporto Censis, famiglie allo stremo per i tagli al welfare

10/12/2012 16:43:04
Un paese allo stremo. Ecco la fotografia dell’Italia che arriva dal 46° Rapporto annuale del Censis sulla situazione sociale nel Paese, presentato stamattina a Roma. E’ un’analisi dalle tinte forti: da un lato cresce la distanza tra paese legale e paese reale, con il primo sempre meno capace di cogliere i reali bisogni del secondo; dall’altro prosegue la “ritirata” del welfare pubblico il cui vuoto viene ancora una volta coperto dalla spesa privata. Lo scenario, in sostanza, è quello di «un trasferimento del costo della tutela sociale verso i bilanci familiari, con intensità differenziate nei vari comparti, ma univoche nella direzione» a causa di politiche dirette a ripristinare la «sostenibilità finanziaria del bilancio pubblico».
Gli effetti? Come spiega il Rapporto, sono sempre più evidenti «segnali di fuoriuscita dalla tutela, cittadini che di fronte al costo di prestazioni sanitarie semplicemente rinunciano oppure di fronte al costo degli strumenti di previdenza complementare dicono "ci penserò più avanti" e rinviano». A pagare il conto più salato sono le famiglie “caregiver”, quelle cioè alle prese con parenti affetti da cronicità e non autosufficienza: la spesa annua va dai 6.043 euro dell’ictus ai 6.884 euro di un tumore ai 10.547 euro dell’ alzheimer.
Come uscirne? Per il Censis occorrerebbero investire su quel «giacimento forse unico di competenze molto diversificate tra loro» costituito dai 724mila operatori della Sanità italiana: è uno dei maggiori bacini occupazionali del nostro Paese e offre interessanti opportunità occupazionali, come dimostra il Censis confrontando i dati italiani con quelli di Paesi come l'Olanda e la Francia. Ma prima sarebbe necessaria una riprogrammazione degli accessi all’università e invece gli atenei «vivacchiano con il numero chiuso, che per gli italiani è una vera iattura». E questa è solo la punta di un iceberg - la Sanità italiana - afflitto da modelli organizzativi e gestionali che stentano a valorizzare la professionalità e da un «controllo politico giudicato soffocante e tra le prime cause primarie di inefficienze e sprechi».

Ultime notizie

09/07/2019

Maratona Patto per la Salute: le proposte di Federfarma

Nuova remunerazione, nuova convenzione e definizione del ruolo della farmacia nella gestione del paziente cronico, in sinergia con gli altri operatori sanitari del territorio, a partire dai medici di medicina generale, sono elementi essenziali affinché la farmacia possa contribuire alla sostenibilità del sistema e al miglioramento del livello di assistenza garantito ai cittadini....
01/07/2019

Trasmissione telematica corrispettivi elettronici in vigore da oggi. Periodo transitorio senza applicazione di sanzioni

L’Agenzia delle Entrate, facendo seguito alla richiesta di Federfarma al Ministro dell’Economia e delle Finanze Giovanni Tria  e a conclusione di un lungo quanto impegnativo iter che ha visto la Federazione impegnata su più fronti al fine di ottenere una proroga dell’entrata in vigore, fissata per oggi 1° luglio, del provvedimento sulla “Memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi”, ha emanato, lo scorso 29 giugno...
05/06/2019

DiaDay 2018: nella seconda edizione scoperti quasi 5.000 diabetici che non sapevano di esserlo. Oltre ai 130mila test effettuato anche il monitoraggio dell’aderenza alle terapie

“Grazie alle oltre 5.000 farmacie che nel novembre del 2018 si sono impegnate gratuitamente nella iniziativa di screening abbiamo scattato una fotografia del diabete in Italia. Abbiamo monitorato quasi 130.000 persone in pochi giorni, abbiamo permesso a quasi 5.000 soggetti...
31/05/2019

Comunicato congiunto FOFI, Federfarma, Assofarm, UTIFAR e SIFO

Proseguono secondo il programma i lavori del Tavolo sulla farmacia dei servizi, istituito dal Ministero della salute, che si è riunito nuovamente ieri mattina  a Roma. Come si ricorderà, scopo del Tavolo, al quale...
18/04/2019

Federfarma: non esiste alcuna vertenza tra le Regioni e Federfarma

E’ assolutamente fuorviante  quanto apparso oggi su alcune testate, secondo cui, a causa di una vertenza in corso tra Regioni e Federfarma, il ministro “Grillo si sarebbe rifiutata di avere un faccia a faccia con le società rappresentanti di Big Pharma”, evitando di partecipare giorni fa a un incontro con le multinazionali del farmaco....

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni