Edicola

Rapporto I-Com: Italia terza in Europa per la farmaceutica

11/06/2014 01:28:23
Nei confronti con gli altri paesi d’Europa l’Italia non esce di solito benissimo, ma quando sul tavolo c’è il farmaco le cose cambiano. Lo confermano gli ultimi dati dell’I-Com, l'Istituto per la competitività presieduto da Stefano da Empoli, sulla produzione farmaceutica nel Vecchio continente: il nostro Paese è al terzo posto per produttività del comparto (con un 12,2%), dietro a Svizzera (17%) e Germania (13,7%). La classifica è uno dei capitoli del Rapporto che I-Com ha presentato ieri a Roma nell’imminenza del via al semestre italiano di guida europea. L'industria farmaceutica e quella delle tecnologie medicali, è in sostanza il messaggio che arriva dalla ricerca, rappresentano un comparto cruciale per la competitività in termini di capacità produttiva, esportazioni e ricerca. Non solo per l’Italia: l'Europa, sostiene I-Com, dispone nel suo insieme di un comparto farmaceutico che per valori (210 miliardi di euro) supera quello statunitense (143 miliardi) e nipponico (68 miliardi). E investe nella stessa proporzione: tra 2005 e 2012, la spesa in ricerca e sviluppo è cresciuta in Europa del 38% contro il 17% del Giappone e il 6% negli Usa. E soltanto in Italia è lievitata del 22%.
L’industria del farmaco, è la conclusione del Rapporto, può fare da volano alla ripresa e al sistema-paese, restituendo risorse con le quali ridare sostenibilità ai sistemi sanitari. Perché questo accada, avvertono però gli esperti di I-COm, è necessario che l’Europa abbandoni localismi e regionalismi (come dovrebbe fare anche l’Italia con la Sanità federalista) e metta in piedi una nuova politica comunitaria di sviluppo industriale. Che, sul fronte del farmaco, assicuri regole trasparenti su sperimentazione e incentivi e istituisca un sistema europeo di remunerazione del valore terapeutico e di accesso al farmaco. Con il suo semestre di presidenza Ue, l’Italia può farsi promotrice di tale processo: «Qui più che altrove» ha ricordato da Empoli «si sono fatti sentire gli effetti nefasti dell'esasperato regionalismo. E’ incomprensibile che un’azienda di dimensioni globali alla quale l’Agenzia europea del farmaco ha concesso l’autorizzazione alla commercializzazione di un medicinale sia poi costretta a trattare l’efficacia di quello stesso prodotto a Campobasso o Perugia». (AS)

Ultime notizie

18/04/2019

Federfarma: non esiste alcuna vertenza tra le Regioni e Federfarma

E’ assolutamente fuorviante  quanto apparso oggi su alcune testate, secondo cui, a causa di una vertenza in corso tra Regioni e Federfarma, il ministro “Grillo si sarebbe rifiutata di avere un faccia a faccia con le società rappresentanti di Big Pharma”, evitando di partecipare giorni fa a un incontro con le multinazionali del farmaco....
28/03/2019

Dal Sunifar (farmacie rurali) un progetto per i cittadini delle aree interne del paese

Qual è il contributo che la farmacia rurale può dare per migliorare la qualità della vita delle persone, rafforzare la comunità, superare le diseguaglianze territoriali e sociali, in particolare nelle Aree Interne del Paese?
A questa domanda fornisce risposte concrete il progetto presentato dal Sunifar (farmacie rurali) in collaborazione con Cittadinanzattiva e Uncem...
27/03/2019

"Tour della Salute" e "Crescendo in Salute": prevenzione e benessere in 14 tappe

Non lascia, ma anzi raddoppia il "Tour della Salute", che quest'anno, giunto alla seconda edizione, è pronto a partire per un nuovo viaggio itinerante, proponendo anche il format "Crescendo in Salute". Il doppio evento, dal 4 maggio al 27 ottobre prossimi, toccherà le piazze di 14 regioni italiane con l'obiettivo di sensibilizzare...
01/03/2019

Dagli Stati Generali a Roma le proposte della farmacia italiana

Più di 2.300 titolari di farmacie private hanno partecipato ieri a Roma alla seconda edizione degli Stati Generali della Farmacia Italiana, per consolidare il confronto interno alla categoria e presentare alla politica e alle istituzioni le proposte delle farmacie per migliorare il servizio ai cittadini. Il presidente Marco Cossolo ha evidenziato come la frammentazione delle politiche del farmaco...
08/02/2019

Sabato 9 febbraio tutti in farmacia per donare un farmaco a chi ne ha bisogno

“Anche quest’anno le farmacie partecipano numerose alla Giornata di Raccolta del Farmaco, confermando con grande senso di responsabilità e solidarietà il proprio ruolo di presidio territoriale sociosanitario sempre attento alle esigenze dei cittadini, in particolare dei più deboli. Ringrazio tutti i colleghi, i volontari e i cittadini che con la loro generosità permettono di donare un numero sempre maggiore di farmaci a coloro che ne hanno bisogno” afferma il presidente di Federfarma Nazionale Marco Cossolo...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni