Edicola

Patto, finale animato ma l’intesa c’è: farmacia dei servizi confermata

11/07/2014 20:20:16
Altro che pura formalità. La firma di Governo e Regioni sul nuovo Patto della Salute alla fine è arrivata ma non è stato quel mero automatismo che avrebbe dovuto essere. Perché ieri governatori e Ministri sono tornati improvvisamente a duellare come se l’orologio della trattativa fosse tornato indietro di una settimana, come se l’intesa sulla bozza del 3 luglio non ci fosse mai stata. Colpa dei ritocchi che in questi sette giorni entrambe le parti avevano apportato a quel testo: le Regioni per riprendersi un po’ di “sovranità” sulla riforma dell’assistenza territoriale, il ministero delle Finanze per piantare qualche altro paletto sui conti. Risultato, nella tarda mattinata di ieri i presidenti – riuniti in conferenza per approvare il Patto – hanno deciso all’unanimità di non firmare. Immediata riapertura delle trattative, scintille varie e poi, nella serata, la schiarita e il sì definitivo. A un testo che recupera la bozza della settimana scorsa, conferma le modifiche delle Regioni e rinvia ad altra data le intese sui passaggi più delicati, come gli standard ospedalieri.
Per le farmacie, dunque, rimane lo scenario già dipinto nei giorni scorsi. Sulla farmaceutica, per cominciare, il Patto impegna l’Aifa ad «aggiornare» il Prontuario «sulla base del criterio costo/beneficio ed efficacia terapeutica, prevedendo anche dei prezzi di riferimento per categorie terapeutiche omogenee». Resta definitivamente fuori, però, ogni accenno alle gare regionali e tra i commi spiccano la raccomandazione a «favorire l’accesso dei cittadini ai farmaci innovativi» e l’impegno delle Regioni a far sì che «le determinazioni Aifa siano contestualmente valide e applicabili su tutto il territorio nazionale». Per quanto concerne la farmacia dei servizi, invece, il Patto impegna le Regioni «a definirne la promozione con specifici atti d’indirizzo» in continuità con quanto previsto dall’Accordo Stato-Regioni del 20 febbraio scorso (progetti vincolati), quale «modello assistenziale orientato alla promozione attiva della salute, anche tramite l’educazione della popolazione ai corretti stili di vita, nonché all’assunzione del bisogno di salute prima dell’insorgere della malattia o prima che essa si manifesti o si aggravi, anche tramite una gestione attiva della cronicità».
«Dopo aver introdotto i costi standard ed evitato nuovi tagli» è il commento del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, riportato dal Sole 24 Ore Sanità «con il nuovo Patto mettiamo in sicurezza il sistema sanitario per le prossime generazioni, affrontando i grandi temi: la longevità, la riorganizzazione del territorio e del personale, la garanzia di maggiore efficienza dei servizi, nuovi sistemi di controllo ed efficientamento sia della qualità che della quantità». (AS)

Notizie correlate

18/09/2015

Conferenza Regioni, all’Emilia Romagna la commissione Salute

Previsioni rispettate: va all’Emilia Romagna il coordinamento della commissione Salute della Conferenza delle Regioni, il “tavolo” degli assessori alla Sanità guidato fino a luglio dal veneto Luca Coletto. A deciderlo la seduta di ieri della Conferenza...
21/10/2014

Lorenzin: il Fondo sanitario non si tocca, Regioni evitino “do ut des”

«Se le Regioni fanno saltare il Patto per la salute se ne assumeranno le responsabilità». E in ogni caso, i governatori «non possono toccare il Fondo sanitario. Servirebbe una legge dello Stato». E’ dura la replica del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, alle preoccupazioni avanzate dalle Regioni sugli effetti dei tagli per 4 miliardi promessi dalla Legge di stabilità...
06/08/2014

Patto per la Salute. Lorenzin: "Nuova rotta per SSN"

Il Patto per la salute delinea una nuova rotta per il Servizio sanitario nazionale nel segno della qualità, dando, dopo anni di tagli lineari, certezze sul fronte del budget di spesa e la possibilità di avviare una programmazione triennale. Obiettivo è rendere...
07/07/2014

Patto salute: dall’Hta ai ticket, ciò che giovedì esaminano le Regioni

Programma al momento confermato per l’ultimo atto del nuovo Patto della Salute, all’esame delle Regioni per il via libera finale nella mattinata di giovedì prossimo. Intanto, come aveva lasciato intendere la settimana scorsa il presidente del Veneto, Luca Zaia, il testo dell’accordo è ancora oggetto di piccole limature da parte di Ministeri e governatori...
04/07/2014

Patto salute chiuso, farmacia dei servizi a pieno titolo nel Ssn

Approvato salvo intese. Formula da decreto del Consiglio dei ministri per il nuovo Patto della Salute, che ottiene il sì di Governo e Regioni ma in alcuni punti resta ancora aperto a eventuali limature (previa intesa tra le parti, appunto) fino alla prossima settimana, quando verrà firmato formalmente e presentato alla stampa...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni