Edicola

Ddl concorrenza, le Regioni si schierano dalla parte della farmacia

12/02/2015 00:24:32
Nel dibattito innescato dalle misure che in tema di Pianta organica e farmaci con ricetta promette il ddl concorrenza, è la volta delle Regioni prendere posizione. E lo fanno schierandosi dalla parte delle farmacie del territorio e del servizio farmaceutico. Basta prendere nota delle dichiarazioni rilasciate ieri dagli assessori alla Sanità del Veneto Luca Coletto e della Liguria Claudio Montaldo, che rivestono anche gli incarichi (rispettivamente) di coordinatore della commissione Salute della Conferenza delle Regioni e presidente del Comitato di settore Sanità, il gruppo di lavoro che gestisce per le Regioni i rinnovi contrattuali e convenzionali.

Da Coletto, in particolare, arriva un secco no alla ricetta medica nei supermercati. «I farmaci» motiva Coletto in una nota diffusa ieri «non sono beni di consumo ma presìdi fondamentali per la salute del malato, per i quali è necessaria la professionalità di un farmacista. La liberalizzazione poi causerebbe la chiusura di decine di piccole farmacie, che oggi garantiscono anche nei piccoli centri il servizio per cui il Veneto eccelle». Con le farmacie, ha ricordato infatti l’assessore, «abbiamo avviato una collaborazione fattiva, che ha dato grandi risultati nella cura dei pazienti».

Montaldo, invece, ha espresso il suo no alle liberalizzazioni in un’intervista pubblicata ieri su Quotidiano Sanità: le proposte del ddl in materia di Pianta organica, sostiene l’assessore, «sono estemporanee, non considerano che stiamo già gestendo un percorso per accrescere il numero delle farmacie, non senza difficoltà. Tutte le Regioni, infatti, hanno già bandito i concorsi per coprire i posti vacanti e quindi per aumentarne la presenza sul territorio. Mi chiedo se questa cosa sia nota». Ma anche la liberalizzazione dei farmaci con ricetta lascia Montaldo perplesso: «il Patto per la salute» spiega «definisce la farmacia una componente del sistema sanitario dedicata alla distribuzione dei farmaci. Se liberalizziamo avremo punti vendita non specializzati che potranno vendere farmaci insieme a molto altro. Verrà quindi meno la funzione di servizio della farmacia, che non è quella di dispensare una scatola di medicinale ma dare informazioni». Anche per Montaldo come già per Coletto, poi, «una deregulation così violenta porterebbe alla chiusura delle farmacie più piccole e di quelle collocate nelle periferie. Perderemmo esperienze imprenditoriali e danneggeremmo le fasce di popolazione più deboli, come gli anziani, che non avrebbero più la farmacia sotto casa come punto di riferimento. Inoltre, non si tiene conto della crisi che ha investito nel corso di questi anni anche le farmacie: andiamo a toccare un settore che va sicuramente chiamato alla sfida dell’innovazione, per cui una revisione complessiva del ruolo delle farmacie stesse nell’erogazione dei servizi sarebbe comunque opportuna. Ma è pur sempre un settore che, sulle linee del patto per la Salute, può fare molto in un sistema sanitario che cambia. Non può essere preso a cannonate».

Le parole dei due assessori rappresentano una risposta indiretta alle dichiarazioni rilasciate martedì alle agenzie dalla presidente di Federfarma, Annarosa Racca: «Vogliamo far capire che i farmaci non sono commercio, che il mercato è una cosa diversa dal sistema di distribuzione del farmaco. Auspichiamo che il presidente del Consiglio voglia mantenere alto, come sempre è stato fatto, il servizio farmaceutico». La speranza, insomma, è che prevalga la linea del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, alla quale la presidente Racca ha rivolto un plauso: «Si è occupata della salute degli italiani e ha detto pubblicamente che la materia è di sua competenza». (AS)

Notizie correlate

28/09/2017

Concorrenza, Federfarma si mobilita per rimuovere ambiguità

Federfarma è pronta ad agire a tutti i livelli perché dalla Legge 124/2017 sulla concorrenza vengano rimosse le ambiguità e criticità che oggi la caratterizzano. Il che significherà, per il sindacato, promuovere ricorsi alla giustizia amministrativa...
06/09/2017

DDL concorrenza e farmacie indipendenti: si comincia a fare sul serio

Dopo il primo importante incontro, dello scorso 12 luglio, Federfarma e Federfarma Servizi hanno continuato a lavorare anche durante le ferie estive per mettere a punto un obiettivo comune e una visione condivisa per il futuro della farmacia indipendente a seguito dell’approvazione definitiva del cosiddetto DDL Concorrenza...
04/08/2017

Pagliacci (Sunifar): in rete contro il capitale, ma a pari condizioni

L’arrivo del capitale preoccupa le farmacie rurali quanto quelle urbane, ma l’abitudine alle avversità e a lavorare in un contesto di “frontiera” le aiuterà ad affrontare con successo anche questa sfida. Sono le parole con cui la presidente del Sunifar...
03/08/2017

Ddl concorrenza, Federfarma: “keep calm” e avanti

“Keep calm and carry on”, state tranquilli e andiamo avanti. E’ la frase che nel ’39, alla viglia della guerra, venne fatta stampare dal governo britannico su milioni di manifesti, da affiggere in tutta l’Inghilterra per evitare che la popolazione si facesse prendere dal panico...
02/08/2017

Approvato il DDL Concorrenza. Federfarma: ora al lavoro per gestire un cambiamento epocale

“Quando siamo arrivati alla dirigenza di Federfarma, a fine maggio di quest’anno, il DDL aveva già alle spalle un lungo iter parlamentare e, a mio avviso, le conseguenze di un siffatto provvedimento erano state sottovalutate, nonostante le grida di allarme di varie associazioni provinciali. Noi abbiamo subito motivato...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni