Edicola

Interazioni da farmaci, sinergia medico-farmacista aiuta

12/12/2013 23:56:42
La collaborazione tra farmacista e medico prescrittore può dare risultati significativi in termini di qualità delle cure non solo nel monitoraggio delle terapie e della loro aderenza, ma anche nel contenimento dei rischi di interazioni indesiderate tra farmaci. A dimostrarlo è uno studio condotto dai dipartimenti farmaceutici di sei Asl dell’Emilia Romagna (Bologna, Modena, Parma, Reggio, Forlì-Cesena e Imola), i cui esiti sono stati presentati al XXII Seminario dell’Istituto superiore di sanità su uso e valutazione del farmaci (Roma, 9 dicembre).
La constatazione dalla quale sono partiti i ricercatori è che i pazienti ultra65enni sono esposti frequentemente a politerapie, da cui potenziali interazioni tra farmaci clinicamente rilevanti. In letteratura, tuttavia, soltanto un numero limitato di molecole mostra effetti reali in caso di impiego sovrapposto e dispone di alternative terapeutiche praticabili per ridurre il rischio. I ricercatori, così, si sono concentrati su questo gruppo circoscritto di farmaci e hanno selezionato tutte le combinazioni (ciascuna di due sostanze soltanto) contraddistinte da interazioni potenziali con rischio clinicamente rilevante. Ogni coppia, inoltre, doveva includere almeno un farmaco per terapie croniche, doveva avere rimborsabilità Ssn e disporre di alternative terapeutiche misurabili. Dall’analisi sono così saltate fuori 53 combinazioni, nelle quali anticoagulanti e antipertensivi si impongono per incidenza (in 9 e 7 coppie rispettivamente) mentre antibatterici (17 coppie) e Fans prevalgono nel ruolo di farmaco precipitante.
La seconda fase è consistita nella selezione di una “coorte” costituito da pazienti anziani con almeno 5 terapie concomitanti croniche (più di 90 dose definite die alla settimana). All’interno di tale gruppo, ACE-inibitori o sartani + Fans (20%), antidiabetici + beta-bloccanti (18%), diuretici + Fans (17%) e SSR Is + Fans o Asa (14%) sono risultate le coppie più frequentemente prescritte in avvio di studio. Quindi, i farmacisti delle Asl hanno avviato una serie di interventi di formazione nei confronti dei prescrittori (durata un semestre) per richiamare i rischi da potenziali interazioni e rammentare l’esistenza di eventuali alternative terapeutiche. Risultato a fine studio: nella coorte si è ridotto di oltre il 6% il numero di soggetti che ricevono coppie di farmaci con rischio di interazione; nell’intera popolazione analizzata, le coppie contenenti Fans hanno mostrato un forte calo di frequenza (in particolare con antipertensivi, antidepressivi o anticoagulanti) seguite da quelle con macrolidi; al contrario, le coppie costituite da soli farmaci cardiovascolari sono aumentate in maniera omogenea in tutte le Asl. «Lo studio» è la conclusione dei ricercatori «dimostra l’importanza di supportare i prescrittori nel ridurre il rischio di interazioni tra farmaci e la necessità di focalizzarsi su alcune interazioni, soprattutto quando includono terapie acute, a volte evitabili o sostituibili con alternative terapeutiche». (AS)

Notizie correlate

12/01/2018

Il farmacista oggi: da esperto del farmaco a consulente di fiducia. Il quadro da oltremanica

La discussione su quale debba essere, al giorno d’oggi, il ruolo del farmacista e come debba modificarsi per stare al passo con i tempi, non è di attualità solo nel nostro Paese...
12/10/2017

A Pisa ribaditi i capisaldi della strategia Federfarma

«Le farmacie dei farmacisti rappresentano nell’insieme un’industria che fattura in un anno 25 miliardi di euro. Restare frammentati come lo siamo oggi diventa un lusso che non possiamo più permetterci». E’ una delle riflessioni lanciate da Roberto Tobia, tesoriere...
30/09/2017

Polizza sostituto, Pagliacci: nata dalla ruralità ma per tutti

Dopo il via libera dell’assemblea generale di mercoledì scorso, è conto alla rovescia per l’effettiva decorrenza della polizza Zurich che aiuta i titolari di farmacia colpiti da malattia o infortunio a pagare il sostituto. Ieri Federfarma ha diffuso tramite circolare...
16/06/2017

Aggiornamento Tariffa, la professione ringrazia e chiede rapidità

Il benestare del Ministero a un aggiornamento «organico e complessivo» della Tariffa nazionale regala ai farmacisti un risultato importante, anzi storico. Ora però, c’è da trasformare gli impegni in fatti. E’ il commento pressoché unanime con cui le organizzazioni della professione presenti mercoledì all’incontro con il dicastero...
19/05/2017

Almalaurea, farmacisti sempre al top per occupazione tra i laureati

Tassi di occupazione sopra la media, tempo di attesa tra laurea e prima occupazione inferiore, incidenza di contratti a tempo indeterminato nettamente superiore. Si dimostrano anche quest’anno più che positive le statistiche con cui il consorzio Almalaurea fotografa le prospettive occupazionali dei laureati che escono dalle facoltà di...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni