Edicola

Patto Salute alle battute decisive, Lorenzin: su farmaco regia nazionale

13/06/2014 00:11:22
Bene che i servizi siano gestiti a livello locale, ma il Ssn ha comunque bisogno di una «visione complessiva delle politiche della salute, della politica del farmaco, una linea nazionale e un controllo di gestione». Lo ha detto ieri il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, nel suo intervento alla cerimonia di inaugurazione del nuovo stabilimento di Eli Lilly, a Sesto Fiorentino. «Ognuno di noi deve fare un passino indietro per poi farne tutti uno in avanti» ha detto ancora «ma non si può aspettare la riforma del Titolo V: alcune cose vanno avviate ora, senza attendere. All’Italia manca da dieci anni almeno una politica sanitaria, è arrivato il momento di metterci mano».
Difficile non leggere nelle parole del Ministro un “messaggio” destinato ai governatori, nelle stesse ore impegnati a Roma in una seduta della Conferenza delle regioni che all’ordine del giorno aveva – tra le altre cose – il nuovo Patto per la Salute. Sul quale, a giudicare dalle dichiarazioni dei governatori stessi, saremmo ormai alle battute decisive: «Lunedì, martedì e mercoledì ci sarà un tavolo con il ministero della Salute» ha detto all’uscita il presidente della Campania, Stefano Caldoro «l'obiettivo è quello di arrivare alla chiusura di un accordo in maniera condivisa. Il tavolo è politico, quindi saranno coinvolti i presidenti e gli assessori, insieme con il ministro, mentre i tavoli tecnici continueranno a fare il loro lavoro. La trattativa con il governo che si terrà da lunedì sarà tenuta da otto Regioni». Le stime, ha continuato Caldoro, sono comunque quelle di arrivare al traguardo per la prossima settimana: dopo la tre giorni al Ministero, i governi locali riprenderanno il confronto interno prima nel Comitato di settore, in programma per mercoledì, e poi in conferenza delle Regioni, giovedì.
Intanto dall’evento di Sesto Fiorentino rimbalzano anche altri messaggi: «Dopo i segnali negativi degli ultimi anni» ha detto per esempio il presidente di Farmindustria, Massimo Scaccabarozzi «siamo ora in controtendenza: è bastato che dall'ultima Finanziaria arrivasse un segno di stabilità ed ecco che in questa prima parte del 2014 la nostra produzione industriale è cresciuta del 2,6%, quando il manifatturiero nel suo complesso fa soltanto lo 0,8%». «Il paese deve far capire che investire in Italia è una scelta vincente» ha ricordato Carlo Calenda, viceministro dello Sviluppo economico «tanto che a breve il Governo istituirà un’agenzia per attrarre investimenti dall’estero». «Nel 2013» ha spiegato infine Eric Baclet, presidente e amministratore delegato di Eli Lilly Italia «il Pil attivato dall’azienda nel sistema economico nazionale ha toccato i 700 milioni di euro, 400 milioni nella sola Toscana». E negli anni a venire i numeri cresceranno: 950 milioni di euro nel 2018, 600 dei quali nella regione.
All’evento era presente per Federfarma la presidente nazionale, Annarosa Racca. (AS)

Ultime notizie

01/06/2020

Dichiarazione del presidente Federfarma Marco Cossolo sull'audizione di Antonio Gaudioso in Commissione parlamentare

Federfarma accoglie con particolare favore le dichiarazioni del Segretario Generale di Cittadinanzattiva, Antonio Gaudioso, rese nel corso dell’audizione in Commissione parlamentare per la semplificazione nell’ambito dell’indagine conoscitiva sui servizi erogati dal Servizio Sanitario Nazionale...
01/06/2020

Dichiarazione del presidente Federfarma Marco Cossolo sull'acquisto del 70,77% del capitale di Farbanca da parte di Banca IFIS

Federfarma accoglie favorevolmente la comunicazione odierna sul completamento, con esito positivo, dell’acquisto del 70,77% del capitale di Farbanca  da parte di Banca IFIS. “L’avvenuta acquisizione di Farbanca da parte di Banca IFIS rappresenta sicuramente il viatico per la creazione, insieme a Credifarma, di un polo specializzato bancario del settore
28/05/2020

Collaborazione farmacie con medici famiglia e pediatri per l’aumento delle coperture vaccinali

Per corrispondere alle primarie esigenze di tutela della salute della popolazione, Federfarma ritiene imprescindibile stabilire le necessarie interazioni con i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta per individuare quei percorsi condivisi che - a similitudine di quanto avviene in altri Paesi dell'Unione europea - porti alla promozione e all'esecuzione di campagne vaccinali antinfluenzali nelle farmacie...
27/05/2020

Dichiarazione Marco Cossolo, presidente Federfarma. Cordoglio per la scomparsa di un altro farmacista, Paolo Ferraro, vittima del coronavirus

“Con la scomparsa di Paolo Ferraro, 70 anni,  titolare di farmacia rurale a Villa Latina (FR), si allunga purtroppo l’elenco dei colleghi rimasti vittime del COVID-19 nell’espletamento del proprio dovere. Paolo Ferraro ha combattuto la malattia, in rianimazione per un mese,  e la sua morte è un  grande dolore per tutti noi” afferma il presidente di Federfarma, Marco Cossolo...
25/05/2020

Dichiarazione del presidente Marco Cossolo

“Accolgo con vera soddisfazione le dichiarazioni odierne del Commissario Arcuri che ringrazio per aver  esplicitamente riservato ai farmacisti e al personale medico le prime forniture di mascherine prodotte dalla filiera italiana. L’iniziativa attesta, ancora una volta, il riconoscimento delle Istituzioni per il fondamentale ruolo svolto dalla farmacia italiana nel contesto emergenziale....

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni