Edicola

Vendita farmaci senza ricetta, Cossolo: distanze dai colleghi che infrangono legge e deontologia

15/01/2018 09:47:48
“Prendo le distanze dai colleghi che dispensano farmaci con obbligo di ricetta senza che gli sia presentata la prescrizione, ma anche da chi non rispetta le norme e non utilizza gli strumenti idonei per poterlo fare in casi specifici in cui la legge lo consente”. Questa, la posizione del presidente di Federfarma, Marco Cossolo, durante la trasmissione ‘Mi manda Rai3’ che ha denunciato come in alcune farmacie di Milano e Roma i farmacisti, spesso e volentieri, consegnassero antibiotici o psicofarmaci senza la consegna della prescrizione medica.

“Come Federfarma - ha continuato Cossolo a margine del servizio in cui la giornalista in incognito tentava l’acquisto di farmaci senza ricetta - plaudo ai colleghi che si sono comportati correttamente e che sono la stragrande maggioranza e prendo le distanze dai quei colleghi che invece hanno dato il farmaco senza ricetta per altro senza nemmeno considerare la possibilità di ricorrere a quegli strumenti che la norma mette a disposizione per alcuni casi di fattispecie. Perché se il cliente avesse potuto dimostrare di prendere già quel farmaco il farmacista attraverso la tenuta di un apposito registro avrebbe potuto consegnarglielo”.

Il presidente di Federfarma ha voluto infatti ribadire le tre fattispecie normate in cui è possibile dispensare un farmaco etico in assenza di prescrizione: “Patologie croniche, necessità di non interrompere una terapia lasciando il malato senza farmaco ed esigenza di proseguire una terapia iniziata in ospedale a seguito della dismissione ospedaliera”. Oltre a rispettare le legge, ribadisce Cossolo, “il farmacista che non dispensa farmaci in assenza di prescrizione, rispetta anche il codice deontologico della professione. In caso contrario sono previste sia sanzioni amministrative, che vanno da 600 a 3.000 euro, oltre che sanzioni disciplinari applicate dagli Ordini professionali che sono deputati al controllo”.

Il messaggio finale ai cittadini è di controllo e di buon senso: “Segnalate agli ordini provinciali di competenza eventuali comportamenti scorretti, ma si eviti al contempo di chiedere ai farmacisti farmaci che non possono essere acquistati senza la prescrizione del medico».

Notizie correlate

02/04/2021

Cossolo, Federfarma: "Solidarietà al ministro Speranza"

Esprimo il mio sostegno, anche a nome della Federfarma e delle farmacie tutte, al Ministro della salute Roberto Speranza, oggetto, come si è appreso dagli organi di stampa, di ignobili minacce. Da parte nostra esprimiamo la piena solidarietà e rinnoviamo il sostegno al Ministro Speranza, che ha agito sempre con correttezza e linearità, affrontando una situazione di grande complessità, sempre con l’obiettivo di tutelare l’interesse pubblico e preservare la salute dei cittadini...
30/11/2020

Vaccini antinfluenzali: mancano le dosi in farmacia. Necessario rivedere le modalità di approvvigionamento e distribuzione

A campagna vaccinale inoltrata, le farmacie ancora non hanno ricevuto le dosi di vaccino antinfluenzale da destinare alla popolazione attiva. È una penuria che si riscontra nelle Regioni di tutta Italia, fatta eccezione per pochi esempi virtuosi come Lazio ed Emilia Romagna, dove le farmacie hanno potuto distribuire il vaccino alle persone che, pur non appartenendo alle categorie a rischio, desiderano sottoporsi alla vaccinazione antinfluenzale perché, spostandosi per motivi di lavoro o di studio, sono più esposte al contagio...
06/10/2020

Dichiarazione di Marco Cossolo, Presidente Federfarma, sul rinnovo del protocollo con il Ministero dell’interno sulla sicurezza in farmacia

Le farmacie sono un presidio sanitario di prossimità facilmente accessibile. Sono rimaste sempre aperte anche durante l’emergenza Covid, ampliando spesso gli orari di servizio. Queste caratteristiche le rendono uno dei bersagli preferiti della criminalità. Negli ultimi anni, grazie alla collaborazione con il Ministero dell’Interno e con le Forze dell’ordine...
05/10/2020

Dichiarazione Marco Cossolo, presidente Federfarma, su distribuzione farmaci Asl Bari

Quanto successo questo fine settimana a Bari è la riprova dei forti limiti della distribuzione diretta di farmaci da parte di ospedali e Asl. Un giovane, al quale va umanamente tutta la mia solidarietà, non ha trovato l’antitumorale per la nonna dopo essersi recato ben due volte nella farmacia ospedaliera, trovandola chiusa la prima volta e facendo 4 ore di fila la seconda...
16/07/2020

Dichiarazione Marco Cossolo, presidente Federfarma, su operazione Nas Bari

“Mi auguro che i farmacisti destinatari delle perquisizioni effettuate dai Carabinieri del NAS su incarico della Procura di Bari possano dimostrare la loro estraneità ai gravissimi fatti contestati. In caso contrario Federfarma, che condanna fermamente ogni comportamento illecito, è pronta a costituirsi parte civile negli eventuali processi che dovessero aprirsi nei confronti...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni