Edicola

Ricetta digitale, sperimentazione al via in ordine sparso

15/02/2013 10:28:36
Partenza alla spicciolata per le sperimentazioni regionali sulla prescrizione elettronica: in Molise e Trentino si viaggia di buona lena, in Lombardia frenano alcuni problemi tecnici, in Piemonte, Lazio ed Emilia sono ancora alla fase dei preparativi, come in Sardegna. Non è un avvio bruciante anche se sarebbe servito, perché il dl Sviluppo approvato a dicembre detta un percorso ambizioso per la digitalizzazione delle ricette: entro la fine dell’anno dovrà viaggiare in rete almeno il 60% delle prescrizioni, entro l’anno successivo l’80%, per il 2015 il 90%. Ci sarà da rimboccarsi le maniche, anche perché quello che le prime sperimentazioni stanno già dimostrando è che i problemi tecnici da superare sono parecchi.
Per esempio c’è da prevedere l’adeguamento dei gestionali delle farmacie ai sistemi informativi che raccoglieranno le prescrizioni dei medici: quello nazionale della Sogei (chiamato Sac, Sistema di accoglienza centrale) oppure quelli regionali dove esistono, come la Lombardia con il Siss o l’Emilia Romagna con il Sole (detti sinteticamente Sar, Sistemi di accoglienza regionali). Sconsigliabile fare altrimenti, come dimostra l’esperienza molisana: le farmacie che da un mese stanno portando avanti la sperimentazione (sei, che diventeranno dieci a breve) devono ancora aggiornare i gestionali e così per “chiudere” le ricette devono inserire manualmente i dati nel Sac, da cui un’inutile spreco di tempo. Non a caso, Promofarma (la società di servizi di Federfarma) sta preparando per fine mese un incontro di coordinamento con tutte le software house.
Dove invece si usa il Sar, i problemi possono nascere dalla necessità di far dialogare tra loro gestionali diversissimi come quelli dei medici e delle farmacie. E’ il caso della Lombardia, dove la ricetta digitale è oggetto di una sperimentazione che va avanti a singhiozzo da circa un anno perché la complessità del Siss (il Sistema informativo sociosanitario) non aiuta. E così, la sperimentazione che forse sta messa meglio è quella avviata a fine dicembre dalla Provincia autonoma di Trento: agevola certamente il fatto di avere per interlocutore una sola Asl, ma comunque le otto farmacie coinvolte nel collaudo (cui se ne aggiungeranno altre a breve) hanno già trattato per via digitale più di 4mila ricette e i loro gestionali sono stati “felicemente” integrati nel sistema informativo dell’Azienda. Il risultato è che dove si è cominciato a lavorare a regime si sono potuti apprezzare i vantaggi del sistema, a cominciare dall'alleggerimento della burocrazia.
Chiude l’elenco delle criticità con cui la digitalizzazione delle ricette dovrà fare i conti la capacità della rete: in Italia la banda larga non è così “larga” come nei paesi vicini e c’è chi dice che quando tutti i medici cominceranno a prescrivere via Internet si rischierà il tilt. Per ora meglio procedere con un problema alla volta.

Notizie correlate

19/01/2018

Ricette, quasi l’85% è dematerializzato. La Campania la regione più virtuosa

Si attesta intorno all’85% (83,99) la percentuale di ricette dematerializzate in uso nel nostro Paese secondo i dati di Promofarma aggiornati a Novembre  2017. Una vera rivoluzione, risultato finale di un progetto avviato con l’approvazione dell’art. 50 della legge 326/2003 che ha introdotto la ricetta (cartacea) standardizzata, la tessera sanitaria (TS) e l’obbligo di invio dei dati di tutte le ricette...
11/03/2017

Atto d’indirizzo, ecco il testo della terza stesura

Per le Regioni l’eliminazione del promemoria dovrà entrare tra gli obiettivi della dematerializzazione disegnata dalla nuova convenzione tra farmacie e Ssn. E in materia di dpc e integrativa, sparisce l’idea di arrivare a una «tariffa unica massima»...
19/01/2017

Ricetta digitale: varcata la soglia dell’80%, quattro regioni al 90%

Su quasi 48 milioni di ricette del Ssn prescritte in un mese, quelle che fanno a meno della carta superano ormai l’80%. E salgono a quattro le Regioni dove il “paperless” ha superato il traguardo del 90%, fissato a suo tempo dall’Agenda per l’Italia digitale...
15/11/2016

Ricetta digitale, è la Campania la prima a valicare la soglia del 90%

E’ la Campania la prima regione italiana ad aver dematerializzato il 90% delle ricette Ssn, centrando l’obiettivo che l’Agenda digitale per l’Italia – il cronoprogramma di interventi lanciato dal governo nel 2012 - aveva posto per la fine di quest’anno...
27/09/2016

Ricette dem, “paperless” al 77% anche grazie a Calabria e Liguria

Calabria e Liguria spingono su di un altro gradino la digitalizzazione delle ricette Ssn, che a luglio toccano un nuovo record con il 77% delle prescrizioni “paperless”. E’ quanto riportano le ultime rilevazioni di Promofarma, la società di servizi informatici di Federfarma: rispetto alla verifica precedente, risalente a marzo...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni