Edicola

Acquisti diretti, Gianfrate: eccessi deleteri, agevolano dumping

15/03/2017 00:10:40
«Gare e acquisti centralizzati espongono sempre a un rischio: più allargati sono, maggiore è il potere che si regala al farmaco o all’azienda produttrice vincente». E’ la considerazione con cui Fabrizio Gianfrate, farmacoeconomista e docente di economia sanitaria, interviene nel dibattito generato dalla proposta che le Regioni hanno messo ufficialmente sul tappeto giovedì scorso, nell’ultima seduta del Tavolo Aifa sui costi della distribuzione diretta: il doppio canale non va limitato, era la tesi dei tecnici regionali, anzi andrebbe allargato consentendo ai servizi farmaceutici che lo vogliono di includere negli acquisti diretti anche farmaci della convenzionata, per massimizzare i consistenti ribassi che si ottengono in tale modalità. Una proposta che lascia Gianfrate parecchio perplesso.

Professore, qual è il suo parere: vedono giusto le Regioni o dicono bene Federfarma e Farmindustria a sostenere che questo tipo di acquisti non può diventare sistemico?
Cominciamo con una considerazione: più è estesa la centralizzazione, maggiori sono i rischi di innescare fenomeni di dumping che poi finiscono per ritorcersi contro Ssn e Regioni. Questo tipo di acquisti, infatti, invoglia le aziende a proporre il massimo ribasso al solo scopo di aggiudicarsi l’intera fornitura e buttare fuori i concorrenti. Raggiunta la meta, l’azienda può smettere di concedere sconti perché si è assicurata il monopolio del suo segmento di mercato. Non a caso, nella Legge di Bilancio si parla di gare per l’acquisto dei biosimilari dove a vincere devono essere non meno di tre prodotti. In tal modo, vengono scongiurate operazioni di dumping che rischierebbero soltanto di ritorcersi contro il Ssn.

Nella riunione all’Aifa, la delegazione delle Regioni ha portato il caso di un farmaco che in convenzionata costa 300 euro ma in distribuzione diretta viene comprato a tre euro.
Sì, sono cose che succedono. Le Regioni, d’altronde, quando incoraggiano le aziende a praticare forti ribassi non fanno altro che esercitare il loro ruolo di monopsonista: è come se dicessero ai produttori “noi siamo il vostro miglior cliente, che sconto ci offrite?”. Fanno leva su dinamiche di mercato, però dovrebbero sapere che oltre certe soglie le regole del gioco vanno in panne e il banco salta. Per esempio: le aziende concedono ribassi consistenti perché sanno poi di poter recuperare sulla distribuzione convenzionata grazie al cosiddetto “spillover”, alla tracimazione delle vendite nella convenzionata. Ma se gli acquisti diretti si mangiano tutto non c’è più convenienza e allora addio sconti. Sono cose che già stanno accadendo nel comparto dei genericisti, dove crescono le aziende che rinunciano a partecipare alle gare o non fanno ribassi.

Farmindustria punta il dito anche sulla doppia negoziazione: trattiamo già il prezzo con l’Aifa, dicono, perché una seconda trattativa con le singole Regioni?
E’ un vecchio problema, l’industria ha le sue ragioni ma è anche vero che non c’è nessuna legge che vieta questa doppia procedura. E poi stiamo parlando di fenomeni limitati principalmente ai senza brevetto, dove ci sono più produttori a competere sulla stessa molecola. Tra i branded è più difficile mettere in gara tra loro specialità diverse. E ci sono diverse sentenze di Tar che hanno escluso gare tra principi attivi differenti. (AS)

Notizie correlate

31/08/2017

Distribuzione ospedaliera, dalla Sicilia un altro caso di spreco

L’atto d’indirizzo con cui le Regioni hanno messo in fila i temi chiave che domineranno la trattativa prossima ventura sul rinnovo della Convenzione con le farmacie del territorio non lasciano adito a dubbi: la dpc sarà uno dei punti più “caldi” del confronto che...
25/07/2017

Spesa farmaci, Aifa: convenzionata in crescita ma non sfonda

Invertendo l’ordine dei fattori, il risultato non cambia. E’ il commento che sorge spontaneo a leggere i dati del report con cui l’Aifa fotografa l’andamento della spesa farmaceutica pubblica nei primi tre mesi dell’anno: anche se da gennaio il sistema di tetti è cambiato (con la distribuzione diretta che è andata a sommarsi all’ospedaliera e la convenzionata si è messa a correre per...
20/07/2017

Emilia Romagna, Federfarma bacchetta la Regione sui “Cef”

Si fanno fatica a capire le motivazioni per cui la Regione Emilia Romagna insiste a mantenere alcuni farmaci di fascia A-Pht in una categoria a se stante denominata Cef (Concedibili extra-farmacia) che di fatto equivale a una distribuzione diretta nelle sole farmacie ospedaliere o distrettuali. E’ quanto scrive Federfarma Emilia Romagna in una lettera inviata ieri all’assessorato...
07/06/2017

Tavolo sulla diretta, al via due sottogruppi su Pht e modelli distributivi

Si sposta su Pht e modelli distributivi locali la lente del gruppo di lavoro sui costi della diretta varato a gennaio dal Tavolo del Mise sulla governance del farmaco e coordinato dall’Aifa. Con l’obiettivo comune, Regioni e filiera, di ragionare su un percorso che porti a una significativa riduzione delle distanze oggi esistenti a livello territoriale in materia di doppio canale...
13/04/2017

Diretta, Federfarma contro il servizio fazioso delle Iene

La distribuzione diretta comporta oneri occulti che annullano i presunti risparmi rivendicati dai suoi sostenitori. I quali insistono a dimostrare la convenienza del canale Asl mettendo impropriamente a confronto il prezzo medio al quale le aziende sanitarie...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni