Edicola

Pos, in arrivo tagli alle commissioni interbancarie

16/09/2017 07:48:55
Tagli all’orizzonte per le commissioni interbancarie sui pagamenti elettronici con bancomat e carte di credito. A disporli lo schema di decreto legislativo approvato ieri dal Consiglio dei ministri per recepire il Regolamento Ue varato da Bruxelles nel 2015 a tutela dei consumatori. Per ogni operazione di pagamento con carta di debito o prepagata, dice il decreto, il “fee” non può superare lo 0,2% del valore dell'operazione stessa; per le operazioni tramite carta di credito, lo 0,3%. Inoltre, in caso di «micropagamenti» fino a 5 euro i fornitori di servizi bancari sono tenuti ad applicare commissioni ridotte rispetto allo standard.

Tra gli obiettivi principali del provvedimento – non è un segreto – c’è quello di incoraggiare l’uso della moneta elettronica nel nostro Paese. I tetti alle commissioni (che riguardano le banche, ma dovrebbero innescare effetti virtuosi su tutta la catena dei costi) mirano a ridurre gli oneri a carico di commercianti e liberi professionisti; altre norme, come quella che vieta categoricamente ogni sovrapprezzo sulle operazioni tramite Pos, dovrebbe essere un incentivo per i consumatori.

Il d.lgs poi dovrebbe fare da apripista a un altro decreto, di livello interministeriale. Si tratta del provvedimento sulle sanzioni a carico di commercianti, esercenti e liberi professionisti (dunque farmacie comprese) che rifiutano pagamenti in moneta elettronica fino a un valore minimo di 5 euro. La Legge di stabilità 2016 ha demandato a un decreto di Economia e Sviluppo la quantificazione delle sanzioni e per Il Sole-24 Ore il testo dovrebbe uscire entro la fine del mese. Confcommercio però ha già chiesto al Governo una pausa di riflessione: «In Italia sono già installati due milioni di Pos, più che in Francia e in Germania» ha ricordato il presidente, Carlo Sangalli «l'ipotesi di multare i negozi e le imprese che non si dotano di questo strumento – cosa che peraltro non è prevista in nessun altro Paese europeo –ci sembra un atteggiamento persecutorio che non serve certo a favorire la diffusione della moneta elettronica. Confidiamo, quindi, che ci siano i margini per ripensare un provvedimento del genere». (AS)

Notizie correlate

19/11/2014

Consorzio Bancomat abbassa tariffe. E Federfarma sonda intesa

Il Consorzio Bancomat, al quale aderiscono 594 operatori del settore, ridurrà da dieci a sette centesimi la commissione applicata da banche e società del credito su ogni singola operazione (Bill payment). Ogni futura revisione della tariffa...
07/11/2014

Obbligo bancomat, allo studio agevolazioni e sanzioni

Potrebbero essere “premiati” con alcune misure di defiscalizzazione i professionisti e le imprese forniti di Pos per ottemperare agli obblighi introdotti dal decreto ministeriale del 24 gennaio scorso. Lo ha annunciato il sottosegretario allo Sviluppo, Enrico Zanetti...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni