Edicola

Sprechi, inefficienze, malagestione: ecco dove cercare i soldi per il Ssn

18/02/2017 00:49:28
Il copione si ripete ogni febbraio: le sezioni regionali della Corte dei conti inaugurano il nuovo anno giudiziario con una rassegna degli interventi condotti nei dodici mesi precedenti e la Sanità pubblica finisce sempre nell’elenco dei cattivi. Meglio, ci finiscono le Aziende sanitarie locali, che in quanto tali (cioè aziende) rispondono in prima persona dei propri bilanci. E l’accusa che più spesso la magistratura contabile rivolge loro è quella di non avere alcun governo del denaro pubblico che passa dalle loro casse. Quest’anno, per esempio, sul punto è stato particolarmente severo il procuratore regionale della Corte dei Conti della Campania, Michele Oricchio: a margine dell'inaugurazione dell'anno giudiziario, il magistrato ha rivelato che nella regione sono stati riscontrati «anche doppi e tripli pagamenti» per le medesime prestazioni, erogate da alcune strutture convenzionate in condizioni di rimborsabilità piuttosto dubbie. Questi interventi, in ogni caso, sono stati pagati «prima in via amministrativa, poi in via giudiziaria dopo un decreto ingiuntivo e infine una terza volta se c'era la cessione del credito da parte». Uno spreco di denaro pubblico, ha osservato Oricchio, causato dalla totale assenza di controlli da parte dell’amministrazione sanitaria. «Non è possibile che si debba attendere l’attività di magistratura e forze dell’ordine per scoprire questi fenomeni» si è sfogato il magistrato «perché vuol dire che il sistema non riesce a stanarli».

La Campania purtroppo non è un’infelice eccezione. Casi dello stesso genere vengono denunciati nella relazione sul nuovo anno giudiziario della Corte dei conti calabrese, e in un corsivo pubblicato su Sanità24 Ettore Jorio, docente in diritto amministrativo sanitario all'università della Calabria, se la prende con «contabilità aziendali anomale e tesorieri (di Asl, ndr) non propriamente efficienti, tanto da non essere neppure in grado di indicare alle aziende «tesorizzate» i titoli di credito cui si riferiscono le somme prelevate coattivamente». Come detto non si tratta di casi isolati: nella sua relazione d’inizio anno, il presidente della la Corte dei conti di Roma, Arturo Martucci di Scarfizzi, parla di «criticità diffuse» come «l’adozione in ritardo dei bilanci di esercizio, che disattende la tempistica prevista a livello nazionale e regionale» e la «scarsa attenzione al bilancio preventivo, che avendo natura di budget previsionale, si pone quale strumento fondamentale per la programmazione e il controllo dei costi».

Ancora più duro il procuratore generale di Roma, Claudio Gualtieri, che ha rilevato come la deterrenza esercitata dalle Procure contabili regionali non ha eliso «la dilagante malpractice che si evidenzia nella generale gestione delle pubbliche risorse», sanitarie ovviamente comprese. Qualche esempio? Incarichi di consulenza per oltre un milione di euro a dirigenti dell’Azienda sanitaria regionale del Molise, ricoveri non dovuti per più di 900mila euro nel Lazio, 1,1 milioni di danno patrimoniale in Piemonte contestato a dirigenti dell’assessorato e componenti della Commissione di neuropsichiatria infantile per ricoveri in una struttura priva dei requisiti di legge, altri 4,6 milioni in Veneto per irregolarità gestionali in una Residenza sanitaria assistenziale (Rsa). Peggio ancora, le aziende sanitarie mostrano poco rispetto per il denaro pubblico e anche sui beni. Lo annota di nuovo il procuratore campano Oricchio, che si lascia andare a qualche considerazione sul fenomeno furti: «Sono rimasto particolarmente colpito» ha detto alla stampa «che in passato ci siano state razzie di farmaci per importi elevati, anche 25mila euro, tra i quali specialità ad alto costo per il trattamento dell’epatite C». Farmaci, ha osservato il procuratore, «che venivano custoditi come fossero pacchetti di aspirina», cioè senza neanche quelle minime cautele che ci si attende dalle persone assennate. (AS)

Notizie correlate

25/10/2018

Cossolo: sì a nuove soluzioni contro lo spreco di farmaci

“Condivido pienamente le parole del Ministro della Salute Giulia Grillo sulla necessità di combattere lo spreco dei farmaci, perché è importante utilizzare bene le risorse disponibili per la salute dei cittadini. Federfarma è disponibile a valutare nuove modalità di consegna personalizzata dei farmaci, individuate anche sulla base delle esperienze fatte in altri Paesi europei e negli USA...
05/06/2017

«Gli sprechi degli ospedali? Costano il 13% della spesa per farmaci»

Scaduti, sprechi e inefficienze logistiche delle aziende pubbliche, sanitarie e ospedaliere, vanificano ogni anno il 13% circa della spesa farmaceutica. Risorse preziosissime che il Servizio sanitario nazionale getta al macero per colpa di una gestione di magazzino che in molte strutture, soprattutto dal centro Italia in giù...
04/02/2017

Tagli spesa,Regioni divise.Tdm,Fimmg,Federfarma: non paghi Ssn

Le Regioni ritrovino l’unità e scongiurino l’eventualità che al budget del Ssn per il 2017 possano essere tolti 420 milioni di euro. E’ l’auspicio lanciato dalla presidente di Federfarma, Annarosa Racca, in risposta alle voci che da un paio di giorni stanno...
27/01/2017

Forniture “all’ingrosso” e farmaci sprecati

Quetiapina 29 pezzi, allopurinolo 4, seroquel 8, trittico 6, tachidol 7. Non è l’ordine di una farmacia al suo grossista, ma le confezioni avanzate di una fornitura per diversi mesi di terapia, dispensata in distribuzione diretta a un’ultra 90enne...
22/03/2016

Gelli (Pd): decreto Bersani un errore, farmacie interlocutore del Ssn

Il Ssn ha bisogno di programmazione e le farmacie del territorio sono uno dei tasselli della programmazione dei servizi sanitari. Lo ha detto Federico Gelli, responsabile Sanità del Pd, nel suo intervento alla convention di FarmacistaPiù, promossa da Fofi in collaborazione con Edra e ospitata a Firenze dal 18 al 20 marzo...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni