Edicola

Piano cronicità, farmacie «punto di riferimento» per dpc e servizi

19/05/2016 00:59:52
Per la persona affetta da cronicità e per i suoi familiari le farmacie del territorio sono «un punto di riferimento», perché rappresentano «il più agevole e frequente» sportello di accesso alle risorse del Ssn. Per tale motivo, vanno coinvolte «nelle attività di educazione sanitaria, prevenzione primaria e secondaria, secondo protocolli condivisi con lo specialista e il medico di famiglia/pediatra di libera scelta, anche per quel che riguarda l’aderenza ai trattamenti a lungo termine». Sono alcuni dei passaggi più significativi del Piano nazionale per le cronicità, il documento di programmazione redatto dal ministero della Salute.

Anticipato ieri da Sanità24 in una bozza già molto dettagliata, il Piano fissa le linee guida per una strategia d’intervento integrata, cioè orientata al superamento dei tradizionali compartimenti stagni che ingessano il Ssn: territorio, specialistica ambulatoriale, ospedale. A tal fine, i concetti chiave che dovranno guidare gli interventi sono “rete” e “multiprofessionalità”: il primo rimanda alla necessità di assicurare un collegamento reciproco tra tutti gli “asset” del sistema, per assicurare la continuità della presa in carico (dall’ospedale al territorio e viceversa) anche attraverso lo scambio tempestivo di dati, clinici e non; il concetto di multiprofessionalità, invece, sottintende la volontà di imperniare l’assistenza su «reti specialistiche e team dedicati» che coinvolgono più professioni, dallo specialista al medico di famiglia, dall’infermiere al diestista, dall’assistente sociale allo psicologo e al fisioterapista.

E la farmacia? Ai presidi dalla croce verde il Piano dedica un intero capitolo. Nel quale si ricorda che «le relazioni di prossimità del farmacista e il suo ruolo professionale gli permettono di instaurare un rapporto di confidenza con gli utenti» e svolgere «una funzione potenzialmente attiva nell’educazione, informazione e assistenza personalizzata». L’indicazione, quindi, è quella di coinvolgere le farmacie del territorio nell’assistenza domiciliare integrata e nel supporto al medico di famiglia e al pediatra di libera scelta, nella dispensazione e consegna domiciliare di farmaci e dispositivi, nella dispensazione e recapito di miscele per la nutrizione artificiale e antidolorifici, nell’erogazione di servizi (sempre a domicilio o in farmacia) assicurati da professionisti come infermieri e fisioterapisti.

In sostanza è l’applicazione della farmacia dei servizi, ma il Piano contiene anche qualche raccomandazione a proposito di distribuzione del farmaco. Per esempio, tra i compiti da affidare alle farmacie nell’ambito dell’assistenza alle cronicità c’è la «dispensazione per conto dei farmaci in distribuzione diretta», un’indicazione che suona come un invito alle Regioni affinché sfruttino la prossimità delle farmacie per la distribuzione di tutti i farmaci del Pht. Sul tema, il Piano si fa ancora più esplicito nel capitolo dedicato al Pdta (Percorso diagnostico, terapeutico e assistenziale) per l’artrite reumatoide e le artriti croniche: va promossa, si legge, «la dispensazione dei farmaci prescritti dalle strutture reumatologiche autorizzate e inclusi nel File F presso le farmacie territoriali od ospedaliere nell’area di residenza dell’assistito». Un’apertura non indifferente, perché significa che farmaci biologici e biosimilari potranno finalmente passare dalle farmacie del territorio in tutti quei casi nei quali il paziente cronico non dispone di una struttura ospedaliera nelle vicinanze. Cioè nella stragrande maggioranza delle situazioni.

Per dispensare questi medicinali di ultima generazione (così come assicurare servizi quali l’Adi o l’aderenza terapeutica) le farmacie avranno bisogno di una formazione adeguata. E proprio per questo, il Piano del Ministero è severo: i farmacisti, così come medici, infermieri e professioni varie, potranno prendere parte alla nuova strategia di intervento soltanto se avranno ricevuto la giusta formazione, universitaria ed Ecm. (AS)

Notizie correlate

07/06/2021

Farmacie Amiche delle Persone con Demenza: al via la collaborazione tra Federazione Alzheimer Italia e Federfarma

Prende il via il progetto “Farmacie Amiche delle Persone con Demenza” nato dalla collaborazione tra Federazione Alzheimer Italia e Federfarma con l’obiettivo di fornire alle farmacie consigli utili e indicazioni pratiche per diventare “Amiche delle Persone con Demenza”. L’iniziativa si lega al più ampio progetto “Comunità Amiche delle Persone con Demenza” che Federazione Alzheimer promuove dal 2016 per combattere i pregiudizi e le discriminazioni che fanno della demenza una delle sindromi più temute e incomprese dei nostri tempi...
23/04/2021

Il diritto alla felicità. Un film dedicato a Unicef

Una storia di amicizia sincera tra due generazioni, culture ed esperienze diverse che oltrepassa i confini della vita. Questo il soggetto del film “Il diritto alla Felicità”, prodotto da Imago Film con il patrocinio di Federfarma e il supporto non condizionato di Sanofi. I protagonisti sono Libero, un appassionato venditore di libri usati interpretato da Remo Girone, ed Essien, un ragazzino immigrato in Italia da pochi anni...
25/05/2020

Dichiarazione del presidente Marco Cossolo

“Accolgo con vera soddisfazione le dichiarazioni odierne del Commissario Arcuri che ringrazio per aver  esplicitamente riservato ai farmacisti e al personale medico le prime forniture di mascherine prodotte dalla filiera italiana. L’iniziativa attesta, ancora una volta, il riconoscimento delle Istituzioni per il fondamentale ruolo svolto dalla farmacia italiana nel contesto emergenziale....
31/03/2020

Federfarma e Cittadinanzattiva scrivono a Ministero e Aifa: distribuire tramite le farmacie antivirali e antimalarici per affetti da coronavirus

Distribuire tramite le farmacie, grazie ai servizi di consegna gratuita a domicilio, i farmaci antimalarici e antivirali autorizzati per il trattamento domiciliare dei pazienti affetti da Covid-19. Lo chiedono Federfarma e Cittadinanzattiva in una nota indirizzata al Ministero della Salute e all’Aifa...
17/03/2020

Farmacie italiane riconosciute come modello dall’Europa

L’Europa riconosce la farmacia italiana come modello guida di efficacia ed efficienza nel rispondere ai bisogni dei cittadini in questa emergenza legata al coronavirus. “I colleghi delle farmacie spagnole ci hanno contattato perché vogliono organizzare un servizio di consegna dei farmaci a domicilio analogo a quello offerto da Federfarma in collaborazione con la Croce Rossa Italiana” dichiara Marco Cossolo, presidente Federfarma...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni