Edicola

Responsabilità professionale, dopo il parere del Consiglio di Stato

20/03/2015 00:40:41
Il parere del Consiglio di Stato, che “congela” l’obbligo dell’assicurazione professionale fino all’emanazione del Dpr sui requisiti minimi dei contratti assicurativi, riguarda soltanto i singoli professionisti ma non le farmacie. Sulle quali continuano a gravare gli obblighi assicurativi (responsabilità civile verso terzi, Rct, e responsabilità civile verso prestatori d’opera, Rco) introdotti dal 19 agosto scorso dalla Legge 114/2014 allo scopo di tutelare pazienti e personale.
La precisazione è contenuta in una circolare diffusa in queste ore da Federfarma per precisare confini e lettura del parere emesso dal Consiglio di Stato. Nel loro intervento, originato da un quesito del ministero della Salute, i giudici amministrativi fanno riferimento agli obblighi assicurativi introdotti dal decreto Balduzzi (Dl 158/2012, convertito nella Legge 189/2012) a carico dei professionisti dell’area sanitaria: il provvedimento rimandava a un successivo dpr la formulazione dei requisiti minimi ai quali avrebbero dovuto conformarsi le polizze sul rischio professionale delle compagnie assicurative, ma a oggi di tale dpr non c’è alcuna notizia. Sino alla sua emanazione, è allora la conclusione del Consiglio di Stato, «la mancata stipula di una polizza assicurativa da parte degli esercenti le professioni sanitarie non potrà essere considerata illecito disciplinare».

Il chiarimento della Corte, come detto, non modifica di una virgola gli obblighi assicurativi che ricadono sulle farmacie in quanto strutture sanitarie. Restano quindi valide le considerazioni che nell’autunno scorso avevano convinto Federfarma a stipulare con il gruppo Zurich una convenzione per fornire agli associati un pacchetto assicurativo modulare (comprendente assicurazione sul rischio professionale e, in via opzionale, Rct e Rco) a tariffe agevolate. Non a caso, la risposta dei titolari è stata particolarmente positiva: a oggi, infatti, sono 68 le associazioni provinciali del sindacato – per un totale di 9.400 farmacie – che hanno sottoscritto per i propri iscritti la “integrativa 1” del pacchetto (Rcp con massimale a 500mila euro) e poco meno di mille che hanno aderito alla “integrativa 2” (Rcp con massimale a un milione e Rct-Rco). Nella negoziazione con la compagnia assicurativa, inoltre, Federfarma aveva ottenuto l’opzione di un rinnovo trimestrale delle polizze, in modo da permettere ai titolari di sciogliere velocemente il contratto nel caso in cui il dpr ancora di là da venire dettasse requisiti incompatibili con le condizioni contrattuali. (AS)

Notizie correlate

21/11/2014

Un successo la polizza rischio professionale: adesioni sopra il 30%

Sta raccogliendo ampi consensi la Convenzione per la copertura del rischio professionale (Rcp) sottoscritta da Federfarma e Zurich assicurazioni per fornire alle farmacie le tutele assicurative previste dal decreto Balduzzi. Ad appena un paio di settimane...
17/10/2014

Assicurazione professionale, da Federfarma una convenzione

Provvederà una convenzione tra Federfarma e la compagnia Zurigo assicurazioni a fornire alle farmacie la copertura dei rischi legati all’attività professionale, obbligatoria dal 15 agosto scorso in base a quanto previsto del decreto Balduzzi...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni