Edicola

Emilia Romagna, Federfarma bacchetta la Regione sui “Cef”

20/07/2017 00:04:03
Si fanno fatica a capire le motivazioni per cui la Regione Emilia Romagna insiste a mantenere alcuni farmaci di fascia A-Pht in una categoria a se stante denominata Cef (Concedibili extra-farmacia) che di fatto equivale a una distribuzione diretta nelle sole farmacie ospedaliere o distrettuali. E’ quanto scrive Federfarma Emilia Romagna in una lettera inviata ieri all’assessorato alla Salute dopo l’ennesimo episodio di disservizio registrato dalle farmacie del territorio.

Nel caso specifico, un assistito fornito di ricetta del medico di mg (dal quale non aveva ricevuto alcun avvertimento) si è recato in farmacia per rifornirsi di Toujeo 3 pen, inserito dalla Regione nella lista dei Cef assieme a un’altra ventina circa di specialità. Il farmacista, come d’abitudine, lo ha indirizzato al più vicino sportello della distribuzione diretta, ma raggiunta la destinazione l’uomo ha scoperto che la struttura era passata all’orario estivo e apriva soltanto in alcuni pomeriggi (per di più su appuntamento). Ritornato in farmacia, l’assistito ha sfogato la propria indignazione sul farmacista che non ha potuto far altro se non indirizzarlo a un altro sportello.

«Purtroppo casi come questi non sono infrequenti» spiega a Filodiretto il presidente di Federfarma Emilia Romagna, Achille Gallina Toschi «un altro, tanto per capire, si era verificato soltanto il giorno prima». E anche questo per colpa di un farmaco in lista Cef. «Purtroppo non sempre i medici sono informati sui medicinali inseriti in questa lista» continua Gallina Toschi «quindi non avvisano i pazienti. E così vengono in farmacia e quando scoprono che per quel farmaco devono andare fino all’Asl e magari farsi un po’ di coda, se la prendono con noi».

E tutto per colpa di una lista il cui contenuto lascia perplessi i titolari di farmacia. «La Regione vuole conservarsi la possibilità di mettere per qualche tempo in “diretta” alcuni farmaci che in dpc potrebbero creare difficoltà di gestione» osserva il presidente di Federfarma Emilia Romagna «e nel caso di alcuni prodotti potrebbe anche essere comprensibile. Ma nella lista ci sono altre specialità che sono tenute lì in “quarantena” soltanto per ragioni economiche, e questo non è giusto. Si creano disagi inutili ai cittadini e alle farmacie del territorio, con le quali – va rammentato – c’è un accordo sulla dpc da applicare». (AS)

Notizie correlate

14/09/2017

Dpc, una “piena” di rinnovi: 8 intese regionali in scadenza

C’è chi ha già cominciato a trattare con le farmacie, chi ha prorogato di qualche mese la scadenza per guadagnare tempo, chi temporeggia o neanche mostra interesse. Casistica variegata per le otto regioni e province autonome che da qui alla fine dell’anno...
25/07/2017

Spesa farmaci, Aifa: convenzionata in crescita ma non sfonda

Invertendo l’ordine dei fattori, il risultato non cambia. E’ il commento che sorge spontaneo a leggere i dati del report con cui l’Aifa fotografa l’andamento della spesa farmaceutica pubblica nei primi tre mesi dell’anno: anche se da gennaio il sistema di tetti è cambiato (con la distribuzione diretta che è andata a sommarsi all’ospedaliera e la convenzionata si è messa a correre per...
07/06/2017

Tavolo sulla diretta, al via due sottogruppi su Pht e modelli distributivi

Si sposta su Pht e modelli distributivi locali la lente del gruppo di lavoro sui costi della diretta varato a gennaio dal Tavolo del Mise sulla governance del farmaco e coordinato dall’Aifa. Con l’obiettivo comune, Regioni e filiera, di ragionare su un percorso che porti a una significativa riduzione delle distanze oggi esistenti a livello territoriale in materia di doppio canale...
13/04/2017

Diretta, Federfarma contro il servizio fazioso delle Iene

La distribuzione diretta comporta oneri occulti che annullano i presunti risparmi rivendicati dai suoi sostenitori. I quali insistono a dimostrare la convenienza del canale Asl mettendo impropriamente a confronto il prezzo medio al quale le aziende sanitarie...
24/03/2017

Decreto terremoto, approvato dalla Camera emendamento su dpc

Nelle regioni colpite dai fenomeni sismici di questi mesi, le farmacie del territorio potranno essere autorizzate a dispensare in dpc i medicinali normalmente forniti dalle Asl in distribuzione diretta, sulla base di piani sottoposti all’approvazione del...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni