Edicola

Tar boccia Aifa per «carenza argomentativa»

21/06/2016 08:21:50
E’ illegittima perché inadeguatamente argomentata e motivata la nota della direzione generale dell’Aifa che, nell’aprile del 2014, aveva sancito l’equivalenza terapeutica di due distinti gruppi di molecole (esomeprazolo, pantoprazolo e omeprazolo da una parte, leuprorelina e triptorelina dall’altra) per consentire alla Regione Veneto l’espletamento di due gare di acquisto tra più principi attivi. E’ quanto recita la sentenza con cui il Tar Lazio ha accolto il ricorso presentato da alcune aziende produttrici nei confronti dell’Agenzia del farmaco e dell’amministrazione regionale, annullando tanto il provvedimento dell’una qualto i bandi di gara dell’altra.

Riportata venerdì da un articolo di Sanità24, la sentenza merita di essere analizzata anche dalla platea dei titolari, perché gare ed equivalenza terapeutica sono strumenti che le Regioni da tempo stanno cercando di inserire nella governance della spesa. In quest’ottica, la sentenza laziale lascia tracce ambivalenti. Innanzitutto, riconosce che l’Aifa ha piena discrezionalità nel «dettare o meno criteri aprioristici per l’individuazione dei farmaci che, pur avendo principi attivi differenti, possono essere ritenuti terapeuticamente equipollenti». In altri termini non è necessaria una griglia predeterminata, l’Agenzia del farmaco può decidere sull’equivalenza anche caso per caso. E’ anche vero, avverte però il Tar sulla scorta di una sua precedente sentenza, «che una definizione universalmente applicabile di equivalenza terapeutica» agevola gli interventi dell’Aifa in materia «ed elimina le differenze, a volte sensibili, che si registrano tra Regione e Regione». Non a caso, continua la sentenza, la Commissione tecnico-scientifica (Cts) dell’Agenzia sta lavorando «all’elaborazione di un documento che, nel vuoto legislativo, esterni i criteri e i requisiti che medicinali contenenti principi attivi diversi devono presentare affinché tra gli stessi possa essere riconosciuta un’equivalenza terapeutica». Ma nulla impedisce all’Aifa di esprimersi sull’argomento prima che tale documento sia stato emanato.

Per i giudici laziali, quindi, ciò che rende illegittima la nota impugnata dalle aziende farmaceutiche è la «carenza argomentativa» del provvedimento, che il Tar desume dal verbale della seduta in cui la Cts ha ammesso la «sostanziale equivalenza in termini di efficacia e sicurezza» dei due gruppi di molecole. Come annota il Tribunale, infatti, i dubbi e le richieste di approfondimento che emergono nel corso della discussione vengono superati senza che sia offerto «nella sostanza alcun tangibile elemento valutativo tecnico-scientifico». Per il Tar si tratta di una «strutturale carenza di supporto istruttorio» da parte della Cts, che si va a sommare «all’estrema sinteticità degli elementi valutativi contenuti nel parere» con cui la direzione generale dell’Agenzia aveva dato luce verde alla Regione Veneto. Risultato, vanno annullati tanti il parere dell’Aifa quanto gli «atti di gara» dell’amministrazione regionale. (AS)

Notizie correlate

15/07/2017

Aifa, con scadenza brevettuale del Lyrica si differenzia la sostituibilità

Da domani, 16 luglio, il farmacista che dispensa la specialità Lyrica dietro ricetta Ssn con nota 4 («dolore neuropatico periferico e centrale»), potrà proporre al paziente la sostituzione soltanto con equivalenti dalla medesima indicazione, oppure chiedere il pagamento della differenza tra prezzo al pubblico del branded e quota di rimborso. Al contrario, nel caso in cui la specialità fosse...
23/03/2017

Equivalenza, da Tar e Consiglio di Stato sentenze divergenti

Le direttive che le Regioni, nell'esercizio delle proprie competenze, emanano con l’obiettivo di conseguire risparmi sulla spesa farmaceutica non possono incidere in alcun modo «sulla libera prescrivibilità e sulla piena rimborsabilità di farmaci essenziali di fascia A»...
21/12/2016

Bene ritiro determina Aifa su equivalenza terapeutica

“Condividiamo la scelta dell’Aifa di revocare la determina sull’equivalenza terapeutica che avrebbe consentito alle Regioni gare di acquisto tra farmaci basati su molecole differenti e accogliamo con favore la decisione di avviare un confronto sul tema nell’ambito del Tavolo sulla farmaceutica”...
22/11/2016

Gare in equivalenza terapeutica, si allarga il no alla determina Aifa

Continua ad allargarsi il fronte del no alla determina dell’Aifa che spianerebbe la strada alle gare regionali per equivalenza terapeutica, che mettono in competizione tra loro farmaci basati su molecole differenti. Dopo Fimmg e Federfarma...
13/10/2016

Generico fa risparmiare ma Regioni e cittadini ancora non apprezzano

Le Regioni continuano a lamentarsi dell’ingovernabilità della spesa farmaceutica ma poi, alla prova dei fatti, non sfruttano a fondo le leve che potrebbero accrescerne la sostenibilità. A partire dai farmaci generici, che assorbono meno di un quarto della spesa sostenuta da Asl e ospedali per i “senza brevetto”, anche se in volumi...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni