Edicola

Ricette in calo da due anni, pesano ticket e pressioni su mmg

21/09/2016 00:39:01
Proprio vero che non ci sono più le certezze di un tempo. Anche nella spesa farmaceutica del Ssn. Poteva capitare che i tetti fossero sfondati o rispettati, che le cifre a consuntivo mostrassero il segno più o meno, ma su due cose si stava tranquilli: che a fine anno la spesa farmaceutica ospedaliera avrebbe sfondato e che i medici avrebbero prescritto più ricette Ssn di quelle prodotte nei dodici mesi precedenti. Alimentavano queste certezze due dogmi: da un lato i buchi neri della distribuzione ospedaliera, dall’altro l’evoluzione demografica della popolazione italiana: cresce l’età media e quindi aumentano le prescrizioni.

Poi, nel tempo, qualcosa è cambiato. Non sulla spesa per farmaci degli ospedali, che ha continuato a crescere in modo imperterrito e iperbolico. Sulle ricette Ssn: come certificano le rilevazioni dell’Aifa, nei primi cinque mesi di quest’anno i medici ne hanno prescritto quasi sette milioni in meno rispetto allo stesso periodo del 2015, per un calo del 2,7%. I dati dell’Aifa, riletti a ritroso, disegnano una curva eloquente: nel 2015 le ricette scendono del 2,1% (sull’anno precedente), nel 2014 restano praticamente invariate (+0,2%), nel 2013 aumentano del 2,3%, nel 2012 e 2011 dello 0,5%, nel 2010 del 2,6%, nel 2009 del 3,5%, nel 2008 del 5,3%. Da un anno e mezzo, in sintesi, i medici (soprattutto di famiglia) prescrivono sempre di meno.

I motivi? Il giro di boa è ancora recente e quindi serviranno altre osservazioni, ma se si va a domandare ai medici di famiglia il dito punta su due concause tra le tante. «Di certo» spiega a Filodiretto Saffi Ettore Giustini, responsabile dell’area Farmaco della Simg «pesano anche l’effetto deterrente dei ticket e i programmi messi in campo in diverse regioni per convincere i mmg a prescrivere di meno o con maggiore cautela. Ma per avere la certezza servirebbero dati più analitici, che consentano raffronti cronologici e territoriali».

Per quanto concerne i ticket il fenomeno è noto: più è alto e maggiore è la probabilità che l’assistito copra di tasca propria i farmaci di prezzo più basso, ricorrendo alla ricetta bianca. «Di recente» conferma Giustini «ho pagato più di 40 euro di ticket per alcuni medicinali. Per molte famiglie del ceto medio, colpite dalla crisi, cifre come queste possono già essere un problema». Sembra confermare il caso della Val d’Aosta: nei primi cinque mesi del 2016 le ricette sono crollate del 13%, e guarda caso a gennaio la Regione aveva introdotto un “superticket” sull’assistenza farmaceutica di due euro a confezione.

Più difficile, invece, trovare dati che dimostrino una causalità diretta tra calo delle ricette e “pressioni” sui medici di Asl e Regioni. Ma le testimonianze dei diretti interessati – cioè i mmg – sono eloquenti. «Come tutti i fenomeni anche in questo caso c’è una multifattorialità» osserva il segretario nazionale della Fimmg, Giacomo Milillo «ma certo in molte Regioni i medici di famiglia sono sottoposti a pressioni crescenti. Penso per esempio al Piemonte e alla delibera del maggio scorso alle Asl sugli indicatori per l’appropriatezza prescrittiva, sospesa dal Tar nei giorni passati». Oppure alla controversa pratica del “confessionale” messa in campo dall’Asl di Bologna, denunciata sempre quest’estate dalla Fimmg provinciale: i generalisti vengono convocati a decine dalla direzione sanitaria dell’Azienda perché spieghino le ragioni delle loro scelte prescrittive. «Tutti questi interventi» è la riflessione di Milillo «vengono sempre etichettati come ricerca di appropriatezza. Ma sarebbe utile scoprire quali sono poi gli effetti a lungo termine sulle condizioni di salute della popolazione. Purtroppo, sono dati che si potranno analizzare soltanto nel lungo periodo». Cioè quando sarà troppo tardi. (AS)

Notizie correlate

23/04/2014

Burocrazia, dal ministero Pa "assist" per la farmacia dei servizi

Al primo posto c’è la prenotazione di visite ed esami; quindi, nell’ordine, la prescrizione di farmaci per patologie croniche o invalidanti, il pagamento delle prestazioni, la consegna dei referti medici e infine la scelta del medico di famiglia. 
08/05/2013

Convenzione, remunerazione, servizi. Federfarma traccia la via

Riforma della remunerazione per stabilizzare i fatturati di fascia A. Rinnovo della Convenzione per dare fondamenta e sostenibilità ai nuovi servizi...
04/01/2013

Striscia la Notizia: da Federfarma richiamo all'etica

Le farmacie che dispensano farmaci etici anche quando il paziente è sprovvisto di ricetta si tolgono l’abito della professione e scendono allo stesso livello di un qualsiasi esercizio commerciale. E’ la riflessione che arriva da Federfarma dopo il servizio dell’altro ieri...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni