Edicola

Credito, dall’Europa rischio di nuova stretta sui prestiti bancari

22/02/2014 07:40:31
Già passava poco, ora alle banche italiane rischiano di chiudersi del tutto i rubinetti del prestito. Colpa dell’Eba, l’European banking authority, la semisconosciuta (per i non addetti) autorità indipendente di vigilanza sul settore bancario dell’Unione europea: a ottobre l’Eba ha diffuso un documento contenente 183 “regole” tecniche (technical standard) alle quali gli istituti di credito dell’area euro avrebbero dovuto velocemente adeguarsi. Che cosa dicono queste “regole”? A preoccupare banchieri e imprese di casa nostra sono soprattutto due, la 155 e la 179, Partiamo dall’ultima: in sostanza, l’istruzione tecnica impedisce a una banca di intervenire in aiuto di un cliente in difficoltà con il proprio prestito per più di una volta; se recidivo, il cliente va dichiarato “non performing”, ossia in default. La regola 155, invece, stabilisce che lo sconfinamento del fido oltre i 90 giorni (sempre da parte del cliente) mette in default il debitore quando la linea di credito è pari al 20% o più di tutti gli affidamenti.
Secondo un articolo pubblicato l’altro ieri da Il Sole 24 Ore, queste misure stanno preoccupando soprattutto il settore bancario italiano. Perché se applicate, renderebbero praticamente impossibile per le nostre banche erogare prestiti alle imprese: con i clienti di fiducia, ricorda l’articolo, è prassi consolidata nel nostro paese rinegoziare le linee di credito anche tre o quattro volte, oppure tollerare dilazioni oltre i 90 giorni (soprattutto se l’impresa è fornitrice della Pubblica amministrazione, che paga con notevole ritardo). Da ottobre questi comportamenti avrebbero dovuto cessare, ma le banche del nostro paese hanno ignorato il documento dell’Eba come se neanche fosse stato emanato. A marzo, però, scatteranno i controlli di Bce e Banca d’Italia e al termine, diversi istituti potrebbero essere costretti a marchiare di rosso (non performing) parecchie linee di credito che per la prassi italiana non sono considerate a rischio. E a dichiarare in default diversi debitori. Ed ecco spiegato perché la paura degli istituti di credito si è velocemente trasferita alle imprese. (AS)

Ultime notizie

09/07/2019

Maratona Patto per la Salute: le proposte di Federfarma

Nuova remunerazione, nuova convenzione e definizione del ruolo della farmacia nella gestione del paziente cronico, in sinergia con gli altri operatori sanitari del territorio, a partire dai medici di medicina generale, sono elementi essenziali affinché la farmacia possa contribuire alla sostenibilità del sistema e al miglioramento del livello di assistenza garantito ai cittadini....
01/07/2019

Trasmissione telematica corrispettivi elettronici in vigore da oggi. Periodo transitorio senza applicazione di sanzioni

L’Agenzia delle Entrate, facendo seguito alla richiesta di Federfarma al Ministro dell’Economia e delle Finanze Giovanni Tria  e a conclusione di un lungo quanto impegnativo iter che ha visto la Federazione impegnata su più fronti al fine di ottenere una proroga dell’entrata in vigore, fissata per oggi 1° luglio, del provvedimento sulla “Memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi”, ha emanato, lo scorso 29 giugno...
05/06/2019

DiaDay 2018: nella seconda edizione scoperti quasi 5.000 diabetici che non sapevano di esserlo. Oltre ai 130mila test effettuato anche il monitoraggio dell’aderenza alle terapie

“Grazie alle oltre 5.000 farmacie che nel novembre del 2018 si sono impegnate gratuitamente nella iniziativa di screening abbiamo scattato una fotografia del diabete in Italia. Abbiamo monitorato quasi 130.000 persone in pochi giorni, abbiamo permesso a quasi 5.000 soggetti...
31/05/2019

Comunicato congiunto FOFI, Federfarma, Assofarm, UTIFAR e SIFO

Proseguono secondo il programma i lavori del Tavolo sulla farmacia dei servizi, istituito dal Ministero della salute, che si è riunito nuovamente ieri mattina  a Roma. Come si ricorderà, scopo del Tavolo, al quale...
18/04/2019

Federfarma: non esiste alcuna vertenza tra le Regioni e Federfarma

E’ assolutamente fuorviante  quanto apparso oggi su alcune testate, secondo cui, a causa di una vertenza in corso tra Regioni e Federfarma, il ministro “Grillo si sarebbe rifiutata di avere un faccia a faccia con le società rappresentanti di Big Pharma”, evitando di partecipare giorni fa a un incontro con le multinazionali del farmaco....

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni