Edicola

Credito, dall’Europa rischio di nuova stretta sui prestiti bancari

22/02/2014 07:40:31
Già passava poco, ora alle banche italiane rischiano di chiudersi del tutto i rubinetti del prestito. Colpa dell’Eba, l’European banking authority, la semisconosciuta (per i non addetti) autorità indipendente di vigilanza sul settore bancario dell’Unione europea: a ottobre l’Eba ha diffuso un documento contenente 183 “regole” tecniche (technical standard) alle quali gli istituti di credito dell’area euro avrebbero dovuto velocemente adeguarsi. Che cosa dicono queste “regole”? A preoccupare banchieri e imprese di casa nostra sono soprattutto due, la 155 e la 179, Partiamo dall’ultima: in sostanza, l’istruzione tecnica impedisce a una banca di intervenire in aiuto di un cliente in difficoltà con il proprio prestito per più di una volta; se recidivo, il cliente va dichiarato “non performing”, ossia in default. La regola 155, invece, stabilisce che lo sconfinamento del fido oltre i 90 giorni (sempre da parte del cliente) mette in default il debitore quando la linea di credito è pari al 20% o più di tutti gli affidamenti.
Secondo un articolo pubblicato l’altro ieri da Il Sole 24 Ore, queste misure stanno preoccupando soprattutto il settore bancario italiano. Perché se applicate, renderebbero praticamente impossibile per le nostre banche erogare prestiti alle imprese: con i clienti di fiducia, ricorda l’articolo, è prassi consolidata nel nostro paese rinegoziare le linee di credito anche tre o quattro volte, oppure tollerare dilazioni oltre i 90 giorni (soprattutto se l’impresa è fornitrice della Pubblica amministrazione, che paga con notevole ritardo). Da ottobre questi comportamenti avrebbero dovuto cessare, ma le banche del nostro paese hanno ignorato il documento dell’Eba come se neanche fosse stato emanato. A marzo, però, scatteranno i controlli di Bce e Banca d’Italia e al termine, diversi istituti potrebbero essere costretti a marchiare di rosso (non performing) parecchie linee di credito che per la prassi italiana non sono considerate a rischio. E a dichiarare in default diversi debitori. Ed ecco spiegato perché la paura degli istituti di credito si è velocemente trasferita alle imprese. (AS)

Ultime notizie

18/04/2019

Federfarma: non esiste alcuna vertenza tra le Regioni e Federfarma

E’ assolutamente fuorviante  quanto apparso oggi su alcune testate, secondo cui, a causa di una vertenza in corso tra Regioni e Federfarma, il ministro “Grillo si sarebbe rifiutata di avere un faccia a faccia con le società rappresentanti di Big Pharma”, evitando di partecipare giorni fa a un incontro con le multinazionali del farmaco....
28/03/2019

Dal Sunifar (farmacie rurali) un progetto per i cittadini delle aree interne del paese

Qual è il contributo che la farmacia rurale può dare per migliorare la qualità della vita delle persone, rafforzare la comunità, superare le diseguaglianze territoriali e sociali, in particolare nelle Aree Interne del Paese?
A questa domanda fornisce risposte concrete il progetto presentato dal Sunifar (farmacie rurali) in collaborazione con Cittadinanzattiva e Uncem...
27/03/2019

"Tour della Salute" e "Crescendo in Salute": prevenzione e benessere in 14 tappe

Non lascia, ma anzi raddoppia il "Tour della Salute", che quest'anno, giunto alla seconda edizione, è pronto a partire per un nuovo viaggio itinerante, proponendo anche il format "Crescendo in Salute". Il doppio evento, dal 4 maggio al 27 ottobre prossimi, toccherà le piazze di 14 regioni italiane con l'obiettivo di sensibilizzare...
01/03/2019

Dagli Stati Generali a Roma le proposte della farmacia italiana

Più di 2.300 titolari di farmacie private hanno partecipato ieri a Roma alla seconda edizione degli Stati Generali della Farmacia Italiana, per consolidare il confronto interno alla categoria e presentare alla politica e alle istituzioni le proposte delle farmacie per migliorare il servizio ai cittadini. Il presidente Marco Cossolo ha evidenziato come la frammentazione delle politiche del farmaco...
08/02/2019

Sabato 9 febbraio tutti in farmacia per donare un farmaco a chi ne ha bisogno

“Anche quest’anno le farmacie partecipano numerose alla Giornata di Raccolta del Farmaco, confermando con grande senso di responsabilità e solidarietà il proprio ruolo di presidio territoriale sociosanitario sempre attento alle esigenze dei cittadini, in particolare dei più deboli. Ringrazio tutti i colleghi, i volontari e i cittadini che con la loro generosità permettono di donare un numero sempre maggiore di farmaci a coloro che ne hanno bisogno” afferma il presidente di Federfarma Nazionale Marco Cossolo...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni