Edicola

Farmindustria: pagamenti Ssn in 60 giorni solo nel 10% dei casi

23/10/2013 22:10:38
Nei primi sei mesi dell’anno soltanto il 10% delle fatture emesse dall’industria del farmaco sono state saldate dal Ssn nei 60 giorni prescritti dalle norme europee. Alla faccia del d.lgs 192/2012 (che recepiva la direttiva Ue sui tempi di pagamento) e dei 5 miliardi stanziati dal Governo nel 2013 per consentire a Regioni e Asl di pagare i loro fornitori. Così almeno fanno dire i dati che arrivano dall’indagine con cui Farmindustria ha voluto misurare l’affidabilità del Servizio sanitario pubblico. Secondo le cifre riportate da Il Sole 24 Ore, il 67% delle fatture emesse nel primo semestre registra tempi di pagamento superiori ai 120 giorni. E i “ritardatari” sono quasi sempre i soliti noti: Campania e Lazio pagano nel 98% dei casi con tempi che superano del doppio i 60 giorni della direttiva europea; ma non si distinguono per puntualità neanche Toscana ed Emilia Romagna, che fanno aspettare per più di quattro mesi nel 94 e nel 96% dei casi (rispettivamente).
Gli esiti dell’indagine offrono così a Farmindustria lo spazio per rilanciare una proposta già messa sul tavolo nelle settimane precedenti: consentire alle aziende di compensare i crediti derivanti dalle forniture con le somme dovute al Ssn per il payback, ossia il ripiano del deficit sulla spesa farmaceutica. «In questo modo» spiega il presidente, Massimo Scaccabarozzi «si eviterebbero alla Pubblica amministrazione oneri aggiuntivi di natura burocratica e legale, come gli interessi di mora. E si darebbero alle imprese maggiore certezze, che è presupposto necessario per i loro piani di investimento». I conti li ha già fatti Farmindustria: le spettanze delle imprese verso il Ssn ammontano complessivamente a circa 4 miliardi di euro, la compensazione con il payback cancellerebbe un terzo circa delle sofferenze. Sarebbe un sollievo non indifferente, anche perché l’ospedaliera si avvia verso uno sfondamento senza precedenti.
Dalla parte di Farmindustria nella proposta di compensare crediti e debiti i produttori di Assogenerici: «Già all’indomani dell’approvazione in Consiglio dei ministri della Legge di Stabilità» ricorda il presidente, Enrique Häusermann «avevamo fatto presente che il permanere del meccanismo del payback a carico delle aziende del generico rischia di portare all’uscita dal mercato dei produttori di equivalenti. Ora è ancora più evidente come, con ritardi superiori ai 120 giorni nei pagamenti, molte imprese si trovino a dover rifondere cifre non ancora percepite e, nel caso delle aziende nostre associate, a causa di maggiori spese che non hanno contribuito a determinare». (AS)

Ultime notizie

01/06/2020

Dichiarazione del presidente Federfarma Marco Cossolo sull'audizione di Antonio Gaudioso in Commissione parlamentare

Federfarma accoglie con particolare favore le dichiarazioni del Segretario Generale di Cittadinanzattiva, Antonio Gaudioso, rese nel corso dell’audizione in Commissione parlamentare per la semplificazione nell’ambito dell’indagine conoscitiva sui servizi erogati dal Servizio Sanitario Nazionale...
01/06/2020

Dichiarazione del presidente Federfarma Marco Cossolo sull'acquisto del 70,77% del capitale di Farbanca da parte di Banca IFIS

Federfarma accoglie favorevolmente la comunicazione odierna sul completamento, con esito positivo, dell’acquisto del 70,77% del capitale di Farbanca  da parte di Banca IFIS. “L’avvenuta acquisizione di Farbanca da parte di Banca IFIS rappresenta sicuramente il viatico per la creazione, insieme a Credifarma, di un polo specializzato bancario del settore
28/05/2020

Collaborazione farmacie con medici famiglia e pediatri per l’aumento delle coperture vaccinali

Per corrispondere alle primarie esigenze di tutela della salute della popolazione, Federfarma ritiene imprescindibile stabilire le necessarie interazioni con i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta per individuare quei percorsi condivisi che - a similitudine di quanto avviene in altri Paesi dell'Unione europea - porti alla promozione e all'esecuzione di campagne vaccinali antinfluenzali nelle farmacie...
27/05/2020

Dichiarazione Marco Cossolo, presidente Federfarma. Cordoglio per la scomparsa di un altro farmacista, Paolo Ferraro, vittima del coronavirus

“Con la scomparsa di Paolo Ferraro, 70 anni,  titolare di farmacia rurale a Villa Latina (FR), si allunga purtroppo l’elenco dei colleghi rimasti vittime del COVID-19 nell’espletamento del proprio dovere. Paolo Ferraro ha combattuto la malattia, in rianimazione per un mese,  e la sua morte è un  grande dolore per tutti noi” afferma il presidente di Federfarma, Marco Cossolo...
25/05/2020

Dichiarazione del presidente Marco Cossolo

“Accolgo con vera soddisfazione le dichiarazioni odierne del Commissario Arcuri che ringrazio per aver  esplicitamente riservato ai farmacisti e al personale medico le prime forniture di mascherine prodotte dalla filiera italiana. L’iniziativa attesta, ancora una volta, il riconoscimento delle Istituzioni per il fondamentale ruolo svolto dalla farmacia italiana nel contesto emergenziale....

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni