Edicola

Ssn "doppiopesista" tra farmaco e ospedale

24/01/2013 10:17:50
Governo della Sanità dalla doppia morale quello di Stato e Regioni, a giudicare da ciò che scrive la Commissione parlamentare d’inchiesta sugli errori e i disavanzi in campo sanitario: severo ai limiti del soffocamento sulla spesa per farmaci che passa dal territorio, allegro se non distratto su quella per personale e ospedali. E’ un “doppiopesismo” che i titolari di farmacia vivono già da tempo per colpa di tetti e prontuari regionali, ma la relazione finale consegnata ieri dalla Commissione dopo tre anni di indagini sulla malasanità pubblica aggiunge al mosaico nuovi tasselli. E conferma che il vero problema della spesa sanitaria non è tanto il suo contenimento, quanto la ridistribuzione tra un territorio ancora troppo “cenerentola” e un ospedale che resta nonostante tutto centro di gravità permanente, non per le cure che dà ma per le sinecure: posti di lavoro, baronati e via di seguito.
Lo si capisce a chiare lettere dal capitolo che la relazione dedica a posti letto e posti da dirigente medico. A livello nazionale il rapporto è di otto dipendenti ogni dieci posti letto effettivi, ma se nelle Regioni del Nord-Ovest il primo valore scende a 7 al Centro già sale a 9 e nel Sud-Isole arriva addirittura a 11. In particolare, batte tutti la Sicilia con più di 12 medici ogni dieci posti letto, subito seguita da Basilicata, Lazio e Calabria (tutte sopra gli 11). Si sarebbe tentati di obiettare che più medici ci sono e più si produce salute, ma allora non si capisce perché Calabria e Sicilia siano le regioni dove la Commissione più spesso si è imbattuta in casi di decesso da malasanità (rispettivamente 87 e 84 durante i tre anni d’indagine). Invita invece a cattivi pensieri anche il dato sui primariati: in Campania ne sono stati concessi 385 senza concorso, un’efficienza burocratica che la Regione non ha ancora saputo trovare per i rimborsi alle farmacie. E poi i posti letto: nel Nord-Ovest sono poco al di sopra della media nazionale (678 contro 668), nel Nord-Est invece mostrano un picco (809) che se si fosse trattato di farmaci sarebbero già state varate un paio di manovre correttive.
Altra voce al capitolo sprechi la medicina difensiva. E’ il risultato del crescente timore di medici e operatori della Sanità di finire nel tritacarne del contenzioso medico-legale: per ridurre al minimo i rischi si tende a ricoverare di più (da cui un aumento di costi del 4,6%), a prescrivere più esami o visite (tra lo 0,7 e l’1,7%) a consigliare più farmaci (1,9%). Risultato, la medicina difensiva pesa sulla Sanità per circa 10 miliardi di euro, circa lo 0,75% del nostro Pil e l’intero gettito annuale dell’Imu. Le soluzioni? Tra le tante consigliate dalla Commissione, migliorare aderenza alle terapie e monitoraggio dell’impiego dei farmaci. Attività e servizi che all’estero vedono sempre più spesso coinvolte le farmacie del territorio. Mentre i tagli si fanno sull’ospedale, ma per davvero. (AS)

Ultime notizie

09/07/2019

Maratona Patto per la Salute: le proposte di Federfarma

Nuova remunerazione, nuova convenzione e definizione del ruolo della farmacia nella gestione del paziente cronico, in sinergia con gli altri operatori sanitari del territorio, a partire dai medici di medicina generale, sono elementi essenziali affinché la farmacia possa contribuire alla sostenibilità del sistema e al miglioramento del livello di assistenza garantito ai cittadini....
01/07/2019

Trasmissione telematica corrispettivi elettronici in vigore da oggi. Periodo transitorio senza applicazione di sanzioni

L’Agenzia delle Entrate, facendo seguito alla richiesta di Federfarma al Ministro dell’Economia e delle Finanze Giovanni Tria  e a conclusione di un lungo quanto impegnativo iter che ha visto la Federazione impegnata su più fronti al fine di ottenere una proroga dell’entrata in vigore, fissata per oggi 1° luglio, del provvedimento sulla “Memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi”, ha emanato, lo scorso 29 giugno...
05/06/2019

DiaDay 2018: nella seconda edizione scoperti quasi 5.000 diabetici che non sapevano di esserlo. Oltre ai 130mila test effettuato anche il monitoraggio dell’aderenza alle terapie

“Grazie alle oltre 5.000 farmacie che nel novembre del 2018 si sono impegnate gratuitamente nella iniziativa di screening abbiamo scattato una fotografia del diabete in Italia. Abbiamo monitorato quasi 130.000 persone in pochi giorni, abbiamo permesso a quasi 5.000 soggetti...
31/05/2019

Comunicato congiunto FOFI, Federfarma, Assofarm, UTIFAR e SIFO

Proseguono secondo il programma i lavori del Tavolo sulla farmacia dei servizi, istituito dal Ministero della salute, che si è riunito nuovamente ieri mattina  a Roma. Come si ricorderà, scopo del Tavolo, al quale...
18/04/2019

Federfarma: non esiste alcuna vertenza tra le Regioni e Federfarma

E’ assolutamente fuorviante  quanto apparso oggi su alcune testate, secondo cui, a causa di una vertenza in corso tra Regioni e Federfarma, il ministro “Grillo si sarebbe rifiutata di avere un faccia a faccia con le società rappresentanti di Big Pharma”, evitando di partecipare giorni fa a un incontro con le multinazionali del farmaco....

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni